lunedì 27 marzo 2017

Trento, due bimbi trovati morti in casa dalla madre. Gli inquirenti: "Li ha uccisi il padre e poi si è suicidato"

Tragedia familiare sullo sfondo un probabile crack economico. Le vittime di 3 e 4 anni, salva la sorellina di 13 anni, in gita scolastica. Il padre è stato ritrovato cadavere ai piedi di una scarpata

TRENTO - Tragedia nel modernissimo quartiere delle Albere a Trento, dove due bambini piccoli sono stati trovati senza vita all'interno di un appartamento all'ultimo piano di un edificio residenziale in via della Costituzione 17. Per ore, anche con l'aiuto di un elicottero, si è cercato il padre, ritrovato poche ore dopo cadavere ai piedi di una scarpata.

L'ipotesi più accreditata dagli inquirenti è che l'uomo, in un momento di follia, abbia ucciso i bambini e poi si sia
suicidato gettandosi da una terrazza panoramica, a Sardagna, appena fuori città. La sua auto, un suv Volvo, è stata ritrovata parcheggiata nei pressi della balconata di un hotel in montagna abbandonato da anni. Lui ha scavalcato la ringhiera e si è buttato di sotto.



Continua qui

Attacco a Londra, la figlia ribelle del killer: 'No al burqa'

Foto con abito scollato sulla stampa Gb

Tiene banco sui media britannici la storia di Teegan, la figlia 18enne del killer di Londra, Khalid Masood, che si è rifiutata di obbedire agli ordini del padre, che voleva si convertisse all'Islam e indossasse il burqa. Lei, in polemica evidente con il genitore, si è presentata a una serata per studenti con un abito scollato. La foto, pubblicata sul suo profilo Facebook, è in evidenza sui principali media Gb. 

Continua qui

Torna la protesta anti Putin, 700 arresti

Cortei in tutto il Paese contro la corruzione. A Mosca fermato il politico dissidente Navalny

Centinaia di arresti, oltre 600 nella sola Mosca, 700 in totale, città blindate, attivisti trascinati sui cellulari dalle teste di cuoio, il leader oppositore Alexei Navalny, subito fermato, che via Twitter dalla centrale di polizia incita i «suoi» a non mollare con la solita ironia: «Hey. Tutto a posto. Non pensate a me. Continuate la vostra camminata pacifica, il tempo è buono». Una «passeggiata dissidente», per aggirare il divieto di un corteo non autorizzato. Ma anche tante paia di Nike coloratissime appese ai lampioni, e cartelli che, sorpresa, citano l’Italia: «Dimon, dove hai preso i soldi per la Toscana?».

Continua qui

Alatri, muore a vent'anni pestato a sangue dal branco. I genitori donano gli organi

Aveva difeso la fidanzata che era con lui. Colpito con pugni, calci e una spranga di ferro dopo una lite scoppiata in un circolo


È morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì e sabato nella piazza centrale della città. Il giovane era stato ricoverato a Roma e sottoposto a un intervento chirurgico per tentare di ridurre le conseguenze delle lesioni, ma non c'è stato nulla da fare. I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi.

Continua qui

domenica 26 marzo 2017

Acqui Terme, scoperti altri reperti romani

Acqui Terme (AL) - Pagine di storia cittadina continuano ad affiorare dal terreno. Questa volta, probabilmente, si tratterebbe di alcune parti dell’antico acquedotto romano posizionato sotto il ponte Carlo Alberto. A causa della piena del fiume, avvenuta nel mese di novembre in seguito all’alluvione, piano piano, stanno emergendo dall’acqua e dal fango antiche pietre

«Non sappiamo con precisione se si tratta di colonne dell’acquedotto o di un altro tipo di reperto, ma è chiaro che si tratta di materiale che va analizzato e magari potrebbe essere oggetto di una campagna di scavi». A dirlo e Marica Venturino per conto della Sovrintendenza ai Beni archeologici di Torino.

Continua qui

Incidente in A10, tir travolge 4 operai fra Albisola e Celle

Genova - Intorno alle 9.30, spaventoso incidente sull’autostrada A10 fra Albisola e Celle Ligure (in direzione di Genova), dove il conducente di un camion ha perso il controllo del mezzo, che si è adagiato su un fianco, travolgendo un’auto (finita in una scarpata) e schiantandosi poi contro un cantiere, investendo 7 operai che erano al lavoro (foto) .

Due dei lavoratori sono morti praticamente sul colpo, mentre gli altri sono rimasti feriti in modo grave. Quattro feriti sono stati portati al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo, due in “codice rosso” e due in “giallo” (le due persone che erano a bordo dell’auto). Secondo le prime informazioni, tutti gli operai farebbero parte di una squadra che era arrivata da Ovada.

Continua qui

Il TEMPO da lunedì 27 a domenica 2 aprile in sintesi!

La giornata di lunedì 27 marzo sarà caratterizzata da un flusso di correnti nord-orientali piuttosto fredde che coinvolgeranno soprattutto le regioni adriatiche e meridionali, determinando annuvolamenti e qualche rovescio o temporale.

Le nubi non mancheranno anche sul resto del nord a causa delle vivaci correnti orientali che soffieranno anche nei bassi strati. Più riparata la Liguria e le regioni centrali tirreniche. Le temperature caleranno di alcuni gradi.

La giornata di martedì 28 marzo vedrà ancora insistere una residua instabilità sulle nostre regioni meridionali, dove peraltro farà ancora freddo al mattino, mentre sul resto del Paese dominerà il sereno grazie alla progressiva rimonta dell'alta pressione.

Mercoledì 29 e giovedì 30 l'alta pressione proteggerà tutto il Paese, determinando tempo buono e progressivamente più mite.

Continua qui

sabato 25 marzo 2017

Omicidio Boggian, arrestato il figlio 16enne

Padova - Svolta nell’omicidio di Enrico Boggian, 52 anni, imprenditore di Selvazzano Dentro in provincia di Padova, rinvenuto morto con il cranio fracassato venerdì pomeriggio nella propria abitazione. Oggi attorno alle 12,30 il figlio sedicenne che aveva scoperto per primo il cadavere, è stato dichiarato in stato di arresto l’omicidio del genitore. Era stato proprio il giovane a lanciare l’allarme nel primo pomeriggio di venerdì, quando rientrando a casa per pranzo aveva trovato il padre esanime in una pozza di sangue.

Continua qui

Londra: in migliaia in corteo contro la Brexit

Decine di migliaia di persone in corteo a Londra contro la Brexit nel giorno in cui a Roma i leader della Ue celebrano i 60 anni dei Trattati istitutivi della Comunità europea sennza la premier britannica Theresa May . Mercoledì prossimo il governo del Regno Unito darà il via ufficiale alle pratiche per il divorzio da Bruxelles.

Continua qui (video)

Trattati Roma: allerta su infiltrati nei cortei, attenzione a folle. Spazio aereo chiuso

Minniti riunisce polizia e 007 dopo Londra: "minaccia imprevedibile"

C'è la tradizionale minaccia dei black bloc, intenzionati a fare devastazioni nel corso delle manifestazioni di sabato a Roma per i 60 anni dei Trattati di Roma. E c'è quella imprevedibile del 'lupo solitario', del jihadista self starter che può seminare il terrore semplicemente alla guida di un'auto, come si è visto a Londra.

Continua qui

60 progetti per 60 anni

 

 

venerdì 24 marzo 2017

Le ultimissime meteo: le 6 cose da sapere sino al 2 aprile!

1 PIOGGE: nelle prossime ore ancora piogge e rovesci tra Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta ed ovest Lombardia, locali temporali pomeridiani, neve su ovest Alpi oltre i 1600-1700m, tempo asciutto ed anche schiarite sul resto del nord.

2 SABATO 25 MARZO: confermato il passaggio entro sera di un nuovo impulso instabile da ovest, in grado di determinare piogge e rovesci al nord-ovest e su Toscana, Emilia occidentale, poi Veneto e Trentino Alto Adige.

3 ARIA FREDDA: confermato il parziale rientro di aria fredda su nord-est ed Emilia-Romagna per domenica sera con annessi temporali o rovesci di pioggia, in movimento poi nella notte sul medio Adriatico e infine lunedì sul meridione, con venti sostenuti tra Grecale e Tramontana e calo termico. Riflessi anche sul resto del nord a livello di annuvolamenti, vento e calo delle temperature, molto meno sul resto del Paese.

Continua qui

AGGIORNAMENTO previsioni meteo LIVE per OGGI, DOMANI e i prossimi giorni

Meteo Aprile: come trascorrerà? Ecco gli ultimi aggiornamenti!

 

Tredicenne violentato da 11 minorenni

Tre dei presunti colpevoli non hanno ancora 14 anni

Un ragazzino di 13 anni è stato costretto a subire violenza sessuale da parte di un gruppo di 11 minori, di cui tre non ancora quattordicenni. Il fatto è avvenuto a Giugliano, nel Napoletano. A ricostruire la vicenda sono stati i carabinieri della locale Compagnia, dopo la denuncia della mamma della vittima. Per otto presunti responsabili è disposto l'accompagnamento in comunità.

Continua qui

Nuovo naufragio in Libia, si temono 240 morti

Recuperati i corpi di cinque persone a nord di Sabrata

Si teme un'ecatombe dopo l'ennesimo naufragio di migranti avvenuto davanti alle coste libiche. "Almeno 240 migranti morti", ha affermato la portavoce della ong spagnola Proactiva Open Arms, Laura Lanuza, dopo il recupero questa mattina di cinque corpi di africani, scrive l'Ap.

La notizia della nuova tragedia arriva proprio nel giorno in cui un tribunale libico ha di fatto bloccato l'intesa tra Italia e Libia per bloccare il flusso di migranti. L'organizzazione spagnola non ha indicato quando si è verificata la tragedia ma ha precisato che i cadaveri sono stati ritrovati a 21 km a nord di Sabrata. Hanno tutti un'età compresa tra i 16 ed i 25 anni e sembrano essere morti per annegamento, in quanto non mostrano segni di violenza, ha proseguito la portavoce, aggiungendo che si cerca un terzo gommone. Ogni imbarcazione di questo tipo - ha detto Lanuza - può contenere 120 persone, ma i trafficanti di uomini di solito li riempiono a dismisura e non si esclude che le due imbarcazioni possano avere avuto a bordo almeno 240 persone. La "Rotta mediterranea centrale", quella che porta in Italia, è privilegiata dai trafficanti di migranti dopo la chiusura di quella balcanica. Un tratto di mare difficile, soprattutto nei mesi invernali, che comporta inevitabili naufragi e morti. Solo l'anno scorso hanno perso la vita quasi 4.600 e nel 2015 più di 2.850.

Continua qui

Treviso, uccide l'ex fidanzata incinta di sei mesi perché non voleva riconoscere il figlio: fermato, ha confessato

Il ragazzo, 19 anni, ha rivenduto gli oggetti presi dal corpo della vittima: è stato incastrato grazie a questo elemento.
 
TREVISO - Non avrebbe accettato la gravidanza dell'ex fidanzata, che gli chiedeva di riconoscere il bambino, e il rifiuto che lei aveva opposto alla proposta di abortire. Durante una lite, l'avrebbe uccisa per questo, causando la morte anche del bimbo che la ragazza aveva in grembo. Poi ha nascosto il corpo, venduto la collanina che le aveva strappato dal collo e giocato i pochi euro ricavati al videopoker.

Mihail Savciuc, 19 anni appena compiuti, di Godega Sant'Urbano (Treviso), di nazionalità moldava, ora è in carcere, a Treviso, in stato di fermo indiziato di omicidio. Avrebbe ammesso le sue responsabilità alla polizia di Treviso. Domani è prevista l'udienza di convalida. La vittima, Irina Bacal, anche lei moldava, avrebbe compiuto 21 anni il prossimo agosto.


Continua qui

giovedì 23 marzo 2017

Attacco a Londra, l'attentatore è Khalid Masood. Isis rivendica. May: "Britannico già noto a 007"


L'uomo, 52 anni, aveva precedenti per crimini comuni. Raid della polizia in sei zone del Paese: 8 arresti. La polizia: preparavano attacco. L'auto dell'attentato noleggiata a Birmingham. Le vittime civili sono Aysha Frade, insegnante spagnola e Kurt Cochran, turista americano in vacanza con la moglie. Due feriti in condizioni disperate. La donna romana: "Viva per miracolo"



LONDRA - L'attentatore di Londra si chiama Khalid Masood, 52 anni, con precedenti penali ed era nato nel Kent il 25 dicembre del 1964. Lo ha fatto sapere Scotland Yard. La premier Theresa May intervenendo oggi alla Camera dei Comuni, non aveva fatto il nome dell'uomo che ieri sul ponte di Westminster  ha ucciso tre persone. Aveva detto che si trattava di un cittadino britannico "già conosciuto dai servizi segreti britannici, l'MI5. Era considerato però un elemento marginale".

Gli ultimi aggiornamenti. Le 8 persone arrestate nel corso di un'operazione di polizia stanotte tra Londra e Birmingham, stavano preparando un attentato. Questo l'ultimo aggiornamento di Scotland Yard che ha anche specificato che dei 36 feriti nell'attacco di ieri 2 sono in condizioni disperate. Si trovano "tra la vita e la morte".


Continua qui

Auto tenta di schiantarsi sulla folla ad Anversa: arrestato un sospetto

Un’auto avrebbe cercato di schiantarsi sulla folla sulla via principale pedonale di Anversa, piena di negozi. Non ci sarebbe nessun ferito, l’auto è stata intercettata dai militari e il sospetto è stato arrestato. Lo affermano alcuni media belgi tra cui Le Soir.

Secondo quanto riporta il sito della tv Rtbf, il capo della polizia di Anversa ha spiegato che alle 11 un veicolo si è introdotto sul Meir, l’area pedonale commerciale di Anversa, dei poliziotti hanno cercato di intercettarlo, ma l’auto si è allora diretta verso il Quai Sint Michiel.

Continua qui

Ucraina, ucciso politico russo anti Putin. Esplode deposito munizioni: 20mila evacuati

L'omicidio nel pieno centro di Kiev: Voronenkov, 45 anni, si era trasferito a Kiev con la moglie. Poroshenko: "Terrorismo di Stato da parte di Mosca". Peskov: "Illazione assurda". A fuoco capannnone, conteneva missili e artiglieria per rifornire le unità. L'esercito: "Atto di sabotaggio"


MOSCA - Si sta trasformando in una nuova guerra diplomatica tra Kiev e Mosca l'omicidio a colpi d'arma da fuoco nel pieno centro di Kiev di Denis Voronenkov, 45 anni, ex deputato russo, accusato di frode, che lo scorso ottobre si era trasferito in Ucraina insieme alla moglie.

Il presidente dell'Ucraina, Petro Poroshenko, ha accusato il Cremlino di essere responsabile dell'omicidio definendolo "terrorismo di Stato da parte della Russia". Illazione che il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha definito "assurda", aggiungendo che l'uccisione rivelerebbe semmai "l'incapacità ucraina di garantire la sicurezza".


Voronenkov, deputato russo comunista, sedeva nella Duma fino allo scorso ottobre. Dopo la mancata rielezione, persa l'immunità parlamentare, si era trasferito a Kiev insieme alla moglie, la celebre cantante lirica Maria Maksakova, deputata di Russia Unita, partito di fronte opposto, per sfuggire a un'inchiesta per frode. Lo scorso dicembre aveva ottenuto la cittadinanza ucraina e poi testimoniato contro l'ex presidente ucraino filorusso Viktor Janukovich, deposto dalle proteste del febbraio 2014.

Continua qui

Tangenti sanità, arrestato primario Ortopedia: "Al servizio delle multinazionali delle protesi, lesioni ai pazienti"

Norberto Confalonieri dell'ospedale Pini, il più importante centro specializzato di Milano. Denaro, viaggi, ospitate tv in cambio della sponsorizzazione dei prodotti di Johnson & Johnson e B. Braun. Coinvolti anche 4 dipendenti dei colossi Big Pharma. Intercettato: "Ho rotto il femore a una vecchietta per allenarmi". I colleghi: "Non gli rimane che operare le renne"

Il primario ortopedico dell'Ospedale Pini, Norberto Confalonieri, pioniere degli interventi con tecnica computer assistita, è finito agli arresti domiciliari con le accuse di corruzione e turbativa. E' indagato anche per lesioni sui pazienti. Secondo le indagine del Nucleo di polizia tributaria, il medico avrebbe messo a disposizione delle due società la propria funzione, sponsorizzando l'acquisto di protesi ortopediche. In cambio avrebbe ricevuto denaro e inviti a programmi televisivi e a convegni. Ma anche "contratti di consulenza 'occulti' e altre utilità materiali e immateriali, economicamente apprezzabili, estese anche ai suoi familiari". Tipo i viaggi all'estero per tutta la famiglia. Le indagini però vanno avanti perché gli inquirenti vogliono far luce anche sui danni fisici riportati da alcuni pazienti. "Ho rotto un femore a una vecchietta per allenarmi", si legge nelle intercettazioni, mentre i colleghi di lui dicevano: "Non gli rimane che operare le renne".

Il blitz. La gip Teresa De Pascal, su richiesta dei pm Fusco e Mantella, ha fatto eseguire l'arresto e anche 5 misure interdittive nei confronti del responsabile acquisti e forniture dell'ospedale di Sesto San Giovanni, e di 4 dipendenti delle multinazionali Johnson & Johnson e B. Braun. Le due società sono indagate in base alla legge 231 sulla responsabilità delle imprese.


I danni ai pazienti. Gli inquirenti milanesi stanno facendo accertamenti sui danni fisici subiti da almeno tre o quattro persone (al vaglio, però, ci sono anche altri casi) che sono state operate, soprattutto per protesi alle ginocchia, con la tecnica della "navigazione chirurgica computerizzata" nella casa di cura San Camillo di Milano, dove il medico operava in regime privato. Stando alle indagini, poi, alcuni pazienti, viste le complicazioni dopo gli interventi al San Camillo, sarebbero stati rioperati al Pini in regime pubblico. Stando alle indagini della Gdf e dei pm milanesi, Confalonieri avrebbe 'spinto', anche in casi in cui non era necessario, nell'utilizzo della tecnica delle protesi con "navigazione computerizzata", di cui parla a lungo nel suo sito personale.


Continua qui

Guardia di Finanza: nel 2016 scoperti 109 evasori totali

Il bilancio degli interventi delle Fiamme Gialle nell'anno appena trascorso.

ALESSANDRIA – Sono 109 gli evasori totali scoperti nel 2016 dalla Guardia di Finanza di Alessandria. Lo scorso anno le Fiamme Gialle hanno anche rilevato 55 autori di reati fiscali, 18 lavoratori “in nero” e 6 irregolari. In tutto sono state controllate 257 imprese e contribuenti. Ammonta poi a 250 mila euro il valore dei beni sequestrati.

Nell’ambito della pubblica amministrazione, sono stati accertati danni erariali per oltre 3 milioni di euro, con la segnalazione di 7 responsabili. Le investigazioni hanno riguardato i reati come peculato, abuso d’ufficio, corruzione, concussione, commessi da amministratori, funzionari, impiegati infedeli e perpetrate mediante lo sviamento delle risorse pubbliche dalle finalità cui le stesse sono destinate o la tramite la distorsione del regolare andamento dell’azione amministrativa. Alla fine sono state 28 le persone denunciate, con 2 arresti.

Continua qui

Attacco a Westminster, il viceministro degli Esteri tra i primi soccorritori

Tobias Ellwood, deputato Tory e viceministro degli Esteri, ha cercato di salvare la vita all'agente ferito al Parlamento - in seguito morto per le ferite riportate - con la respirazione bocca a bocca. Ellwood, ex ufficiale dell'esercito britannico, perse suo fratello in un attentato a Bali, in Indonesia, nel 2002.

Attacco a Westminster, il poliziotto ucciso dall'attentatore

Attacco a Westminster, il momento dell'attacco: donna cade nel Tamigi

 

#PrayForLondon: la solidarietà corre sui social network

 

 

mercoledì 22 marzo 2017

Deraglia un treno italiano in Svizzera, diverse persone ferite

Secondo quanto risulta alla polizia cantonale, vi sarebbero almeno sette feriti

Un treno italiano, un Eurocity 158, è deragliato poco prima della stazione di Lucerna, in Svizzera. Secondo quanto risulta alla polizia cantonale, vi sarebbero almeno sette feriti.

Sono circa 160 i passeggeri a bordo del treno, scrive il sito de La Tribune de Genève.  Il treno ha colpito un pilone e la stazione è rimasta senza corrente, riferiscono media locali.
Il traffico ferroviario sulla linea è interrotto almeno fino a stasera. Sono stati istituiti bus sostitutivi. Non sono note per ora le cause dell'incidente.

Continua qui

Londra, spari a Westminster, pedoni travolti da un'auto. Morta una donna, decine i feriti, agente pugnalato. Ucciso assalitore

La polizia è stata allertata poco prima delle 16 ora italiana. Blindata la Camera dei Comuni. Portavoce: "Premier May è salva". Misure di sicurezza speciali scattate anche al Parlamento italiano


LONDRA - Dodici anni dopo l’attacco dei kamikaze islamici nel metrò, il terrorismo torna a colpire sotto il Big Ben. Questa volta letteralmente: un’auto ha investito una dozzina di passanti sul ponte di Westminster, a pochi metri dalla torre dell’orologio che sormonta il parlamento britannico. Una donna è morta e altre persone sono state ferite, alcune in modo molto grave, il bilancio non ufficiale dal St Thomas Hospital.

Uno degli assalitori ha quindi attaccato un poliziotto di guardia all’entrata dell’edificio, ferendolo a coltellate, prima di essere ucciso da due agenti in borghese. Il primo ministro Theresa May, che si trovava all’interno del palazzo, è stato caricato d’urgenza su una Jaguar e rapidamente allontanato, come prescrivono le misure di sicurezza in questi casi. “Stiamo trattando l’incidente come un attacco terroristico” è il primo commento di Scotland Yard, che ha ordinato di fatto ai deputati di barricarsi dentro il parlamento e ha chiuso l’intera zona al traffico, incluse le più vicine stazione della metropolitana.


L’allarme scatta alle 2:45 del pomeriggio, ora di Londra, quando un fuoristrada grigio proveniente dalla riva sud del Tamigi sale all’improvviso sul marciapiede adiacente il parlamento di Westminster e falcia i pedoni che a quell’ora sono come sempre numerosi. Tra le vittime ci sono molto probabilmente turisti, perché sono in particolare i visitatori stranieri a frequentare l’area per scattare foto ricordo con il Big Ben sullo sfondo. L’auto va a fracassarsi contro i cancelli esterni del palazzo. A quel punto, secondo una prima ricostruzione, uno degli occupanti esce dal veicolo e raggiunge a piedi l’ingresso della camera dei Comuni, a poche decine di metri di distanza.

Continua qui 

Auto sulla folla davanti al Parlamento di Londra, polizia: “Molte vittime, è terrorismo”

 

 

In 970mila famiglie lavora solo la donna

ROMA - In Italia sono 970 mila le famiglie, con e senza figli, dove la donna risulta occupata a tempo pieno o part time, mentre l'uomo è in cerca di occupazione o inattivo (pensionato o comunque fuori dal mercato del lavoro). È quanto emerge dalle tabelle dell'Istituto nazionale di statistica (Istat) aggiornate al 2016. Il dato riguarda i coniugi o i conviventi tra i 25 e i 64 anni.

Continua qui

martedì 21 marzo 2017

Mafie: In venticinquemila a marcia di 'Libera'. Don Ciotti: 'Oggi siamo tutti sbirri'

Ieri le scritte contro il prete simbolo della lotta a Cosa Nostra sulle mura del vescovado che lo ospita

In 25mila a Locri e mezzo milione in tutta Italia. Sono i numeri della marcia organizzata da 'Libera' per la Giornata della memoria e del ricordo delle vittime della mafia. "Oggi a Locri siamo tutti sbirri. Ricorderemo tanti nomi di esponenti delle forze dell'ordine che hanno perso la vita e nessuno li può etichettare e insultare". A detto in apertura della manifestazione don Luigi Ciotti dopo le scritte offensive comparse ieri a Locri.

LE FOTO DAI CORTEI

A LOCRI - In testa al corteo i familiari delle vittime che reggono due striscioni di Libera con lo slogan della Giornata di quest'anno: "Luoghi di speranza, testimoni di bellezza". Dietro di loro una grande bandiera della pace portata da ragazzi migranti minorenni giunti in Calabria a bordo di barconi nei mesi scorsi. A seguire i gonfaloni, le autorità e migliaia di persone giunte da tutta Italia."Orgogliosa di avere sposato uno sbirro". É la scritta che la vedova del brigadiere Antonino Marino, ucciso a Bovalino il 9 luglio del 1990, ha scritto sulla propria camicia bianca con la quale sta marciando a Locri nel corteo di Libera. "Quando ho visto le scritte di ieri - ha detto - mi sono arrabbiata, mi si è rivoltato lo stomaco. Da qui l'impulso di fare questa maglietta. Sono moglie e mamma di un carabiniere e oggi mi sento la mamma di tutti i carabinieri d'Italia. Gli sbirri sono persone perbene. Rispetto!".

Continua qui

Locri: turismo e moda nei beni confiscati, la resistenza dei partigiani antindrangheta

Cooperative e associazioni in prima linea: "Così ci opponiamo al dominio". Il vescovo Oliva: "Segnali incoraggianti dai giovani che provano a cambiare la mentalità"


LOCRI - "OH, MI raccomando, ognuno telefoni a una famiglia della Locride, che portino ognuno cinque persone per dire da che parte stanno". Alle sei e mezza del pomeriggio, nella chiesa madre dove celebra una messa in ricordo di Vincenzo Grasso, una delle centinaia di vittime della mafia che si ricordano oggi, don Luigi Ciotti fa appello ai fedeli.


E' la risposta alla sfida lanciata da chi la notte tra domenica e lunedì si è "armato" di spray per imbrattare i muri dei palazzi della Chiesa, dell'amministrazione, della scuola di Locri con scritte che suonano come l'affermazione di una supremazia, quella del dominio della 'ndrangheta sulla gente di questo pezzo d'Italia dimenticata.

Se la Locride che "resiste" risponderà compatta all'appello di don Ciotti lo si vedrà oggi alla marcia in memoria di tutte le vittime della mafia, ma intanto chi da anni lavora a un progetto di riscatto e di opposizione alla ndrangheta non si tira certo indietro. "Chiunque sia stato a scrivere quelle frasi ci lancia una sfida sul lavoro che noi dobbiamo accettare. Tutti devono avere ben presente che non si può rispondere se non mettendo mano alla iniquità che il nostro territorio è costretto a subire da anni. La nostra strategia è dimostrare che la 'ndrangheta non è solo cattiva ma anche inutile e che l'etica invece è vincente ed efficace. Solo così delegittimeremo le mafie". 

Continua qui