mercoledì 30 settembre 2009

Morti quaranta operai nella fabbrica tessile La nube tossica dei coloranti covava il cancro

Morti quaranta operai nella fabbrica tessile La nube tossica dei coloranti covava il cancro

La Marlane di Praia

di CARLO CIAVONI e ANNA MARIA DE LUCA
PAOLA -
Ne sono morti quaranta di cancro. Altri sessanta hanno lo stesso male e sono ancora vivi. Erano tutti operai, colleghi, per anni fianco a fianco nell'azienda tessile Marlane, in provincia di Cosenza, a Praia a Mare. La Procura di Paola ha concluso le indagini, durate anni, e ha ipotizzato i reati di omicidio colposo dei dipendenti, la cui morte è stata attribuita alle condizioni di lavoro, e inquinamento ambientale.
Sono stati anni difficili per i parenti delle vittime, difficili per gli ex operai che dopo anni di lavoro in fabbrica combattono contro tumori che hanno colpito la vescica, o i polmoni, l'utero o la mammella. Le fasi delle indagini sono, per il momento, concluse, si attende ora la decisione di rinvio a giudizio di una decina di indagati.
Ci sono voluti anni e anni di indagini, prima lungo un doppio percorso, poi riportate in un unico fascicolo, per dimostrare la connessione tra i decessi e l'uso di alcune sostanze usate nella fabbrica di coloranti azoici, che contengono "ammine aromatiche", indicate da una ampia letteratura scientifica come responsabili delle insorgenze tumorali.

...

Fonte

lunedì 28 settembre 2009

Svizzera: fermato Roman Polanski


Le autorità svizzere hanno eseguito il mandato di cattura statunitense del 1978. Stupore in Francia

ZURIGO (SVIZZERA) - Il regista polacco Roman Polanski si trova in stato di fermo in Svizzera. E’ stato fermato sabato (ma la notizia si è appresa solo oggi) quando ha messo piede sul territorio elvetico sulla base di un mandato d’arresto spiccato dagli Stati Uniti nel 1978, hanno annunciato gli organizzatori del Zurich Film Festival, che sta promuovendo una retrospettiva dedicata al cineasta di origini polacche. Polanski, che doveva ricevere un premio alla carriera al festival, vive in esilio in Europa da 30 anni. E’ fuggito dagli Stati Uniti, dove è accusato di avere avuto delle relazioni sessuali con una minorenne. Polanski è «in detenzione provvisoria in attesa di estradizione». Lo riferisce un portavoce del ministero della giustizia svizzero precisando che il regista può presentare un appello sulla decisione.

Fonte

venerdì 25 settembre 2009

Claudia Mori furiosa "Questa tv offende le donne"

ROMA - Claudia Mori è arrabbiata. Anzi no, arrabbiata non è la parola giusta, perché la signora, nei panni di giudice di X Factor, mantiene una calma olimpica ma non rinuncia a protestare contro la tv "maleducata, becera, trash" e i suoi odiosi meccanismi. Cosa è accaduto? Martedì sera, in un "siparietto" del talent show di RaiDue, gli autori hanno pensato di mettere a confronto un'immagine di Claudia Mori degli anni Ottanta con un fermo fotogramma, non ben riuscito, di una puntata precedente: due immagini a confronto per mettere alla berlina la neo conduttrice televisiva. In trasmissione la Mori minaccia di andarsene. Qualcuno dice che sia intervenuto anche Adriano Celentano per convincerla a restare. "È stato un agguato maschilista", accusa oggi la Mori.

...

Fonte

giovedì 24 settembre 2009

Un vaccino riduce i pericoli dell'Aids

L'annuncio di un gruppo di ricercatori: il rischio infezione diminuisce del 32%

Svolta nella lotta contro l’Aids: per la prima volta in un quarto di secolo di lotta aL micidiale virus, è stato messo a punto un vaccino che ha ridotto di quasi un terzo il rischio di contagio da HIV. La ricerca, descritta come la più ampia mai realizzata per un vaccino contro l’Aids (i test sono stati condotti su 16.000 volontari), è stata realizzata dal ministero della Salute thailandese, l’esercito statunitense e l’Istituto statunitense per le Allergie e Malattie contagiose (NIAID, nell’acronimo in inglese), insieme alle due aziende che hanno il brevetto del prodotto (battezzato per il momento RV 144), la Sanofi-Aventis e la Global Solutions for Infectious Diseases. «È la prima dimostrazione che un vaccino contro l’HIV può proteggere contro l’infezione», ha detto il colonnello Jerome Kim,
nel corso della conferenza stampa a Bangkok in cui è stato dato l’annuncio. «È un passo avanti davvero importante e ci dà la speranza che riusciremo a realizzare un vaccino davvero efficace nel futuro».

...

Fonte

mercoledì 23 settembre 2009

L’Ue boccia le banche italiane: «In Europa sono le più care»

Care, carissime banche. Non è un complimento quello che la Commissione europea rivolge agli istituti di credito italiani, accusati di praticare i prezzi più alti di tutto il Vecchio continente sui conti correnti. La tirata d’orecchie di Bruxelles è collettiva, con un capo di imputazione comune a tutti i 27 Paesi dell’Unione che riguarda la scarsa trasparenza nei confronti della clientela, ma certo i 253 euro annui chiesti in media per un deposito nella nostra penisola rischiano di creare crisi d’invidia nei confronti della Bulgaria, dove è possibile cavarsela con appena 27 euro. La media europea, pari a 110 euro, è ovviamente più bassa ed è vicina ai 100 euro di cui parla il numero uno dei banchieri italiani, Corrado Faissola, per replicare ai dati Ue: «Non solo il costo di questo servizio - aggiunge - è già inferiore ai 10 euro al mese, ma negli ultimi cinque anni ha visto anche una riduzione media di oltre il 27%». Secondo Faissola, inoltre, il rapporto si basa su «modalità di confronto e cifre errate, perché calcolate includendo servizi, come quelli di finanziamento che esulano dal conto e commissioni ormai superate».

...

Fonte

domenica 20 settembre 2009

Diciotto tentativi inutili: rinviata l'esecuzione


NEW YORK - Sdraiato sul lettino dei condannati, Romel Broom si era rassegnato a morire per un reato commesso 25 anni fa: lo stupro e l'uccisione di una ragazzina. Il macabro rituale della giustizia capitale era ormai alle battute finali. Broom aveva già consumato l'ultimo pasto, salutato i parenti e aspettava che gli infermieri gli infilassero un ago nelle vene e che il boia del carcere di Lucasville, in Ohio, iniettasse il veleno. Ma lunedì scorso qualcosa non ha funzionato.

Per quasi due ore gli infermieri hanno cercato di trovare una vena idonea, senza però riuscirci a dispetto di diciotto tentativi consecutivi, prima in un braccio poi nell'altro. Anche il condannato, nonostante il dolore e le lacrime (perché l'ago ha toccato anche le ossa), si è dato da fare per aiutarli: spostandosi, strofinandosi il braccio, cambiando posizione. Tutto invano. Alla fine l'esecuzione è stata rinviata a martedì prossimo dal governatore dello stato, Ted Strickland, ma intanto il caso del Ohio è diventato un nuovo terreno di battaglia per gli oppositori della pena di morte.

...

Fonte

sabato 19 settembre 2009

Inchiesta Bari, fermato Tarantini l'imprenditore delle escort

BARI - Fermato l'imprenditore delle escort Gianpaolo Tarantini. Al centro delle inchieste sugli appalti nella sanità in Puglia e sul giro di escort invitate alle feste nelle residenze di Silvio Berlusconi, l'industriale è stato fermato dalla Guardia di finanza all'aeroporto di Bari con l'accusa di "spaccio di sostanze stupefacenti". "Ho ordinato il provvedimento - ha spiegato il procuratore della Repubblica Antonio Laudati - perché c'era un forte rischio di inquinamento delle prove ed un reale pericolo di fuga".

Intreccio politica-affari. Il pm di Bari avverte: il fermo dell'industriale è stato giustificato dall'accusa di spaccio di stupefacenti, "ma le indagini che seguiranno riguarderanno tutte le posizioni processuali dell'imputato". Quel vasto intreccio tra affari e politica che ha coinvolto anche l'ex vicepresidente Pd della giunta regionale pugliese Sandro Frisullo e il dirigente della Asl di Bari Alessandro Colella.

...

Fonte


venerdì 18 settembre 2009

Shockabab, lo straniero che dà lavoro ai veneti: «Ho vinto la diffidenza

Naser, 35 negozi e 400 dipendenti: «Ci ho messo 8 anni»

Naser Ghazal, titolare della catena Kabab International

Naser Ghazal, titolare della catena Kabab International

ZERO BRANCO (Treviso) - Sul tavolo un libretto che la dice tutta: «Metti in pratica quello che sai». Alle pareti, accanto alla fo­to delle figlie e di un incontro con Arafat, il faccione di un cammello con occhiali e barbetta che somiglia a un cartone anima­to. Poco più in là le immagini colorate di mille e un menu che sono un inno dissa­crante al kabab. Naser Ghazal non sembra di ottimo umore. Comprensibile. Anche per lui sono giorni di Ramadan. Perfino qui si digiuna fino al tramonto, in questo angolo di Nord Est, in un capannone ac­quattato fra le villette, a due passi dal cen­tro di Zero Branco. Giornate faticose per il re del kabab, per questo palestinese quarantaquattrenne che in otto anni ha messo in piedi un impe­ro grazie al mitico involtone. La catena di franchising Kabab International, di cui Na­ser Ghazal è anima, corpo, creatività, orga­nizzazione, passato, presente e futuro ­nonché direttore commerciale - è un'ecce­zione a più regole. Alla faccia della crisi e oltre ogni luogo comune sull'immigrato. Dal 2001 a oggi l'attività è cresciuta del trecento per cento. E non ha subìto pause in quest'ultimo anno. Dal primo Shocka­bab a Mestre, al numero 35 che aprirà a ot­tobre a Paese.

Fonte

giovedì 17 settembre 2009

Come difendersi dalle mail fraudolente

Ormai da qualche tempo si diffonde sul web il fenomeno del Phishing, ovvero una frode che ha l'obiettivo di acquisire informazioni personali assolutamente riservate. Il furto dei dati avviene principalmente attraverso l'invio di mail contraffatte, che utilizzano impropriamente loghi di aziende o istituzioni per richiedere agli utenti i dati della propria carta di credito o della casella di posta elettronica, cui probabilmente hanno associato conti postali o commerciali.

Ecco alcune caratteristiche che permettono di riconoscere una mail di Phishing:

  • Toni allarmistici per richiedere dati personali: solitamente queste mail minacciano la chiusura di un account o di un conto qualora non si forniscano i dati personali richiesti.
  • Presenza di un link che rinvia ad una pagina falsa: in queste mail solitamente si richiede di non rispondere al mittente ma di inserire i dati solo dopo aver cliccato su un link presente nella mail. La pagina collegata al link, inoltre, spesso ha un indirizzo web o un logo falso, per cui vi consigliamo di controllate bene tutti i particolari della pagina.
  • Destinatario indeterminato: solitamente queste mail non si rivolgono direttamente a voi utilizzando il vostro nome e il cognome, ma utilizzando il vostro indirizzo mail, cosa che non farebbe di certo la vostra banca o il vostro provider di posta.
  • Frequenti errori ortografici: l'italiano utilizzato in queste mail spesso non è corretto, probabilmente perché si tratta di frodi tentate dall’estero usando un banale traduttore automatico.
  • Inviti o offerte fraudolente: in queste mail spesso si offrono lavori o miracolosi premi al fine di estorcervi informazioni riservate.
Diffidate assolutamente dai messaggi che hanno queste caratteristiche: le caselle di Libero sono protette da un servizio Antispam che controlla il più possibile il flusso delle mail fraudolente, proteggendo la vostra casella e i vostri dati; vi consigliamo comunque di prestare sempre attenzione, di non diffondere via mail i vostri dati, di non cliccare mai su link proposti da mail di cui non conoscete il mittente, di dotarvi di un buon antivirus e di segnalare queste mail come spam per aiutarci ad individuarle.

...

Fonte

mercoledì 16 settembre 2009

Facebook: raggiunti i 300.000.000 di utenti

facebook 250x187 Facebook: raggiunti i 300.000.000 di utenti

Ieri sera intorno alle 22 Mark Zuckerberg ha annunciato il raggiungimento della soglia di 300.000.000 di utenti, e aggiunge che è solo un punto di partenza per raggiungere l’obiettivo di connettere tutte le persone attraverso Facebook

Per la prima volta, dopo un lunghissimo periodo di investimento, Facebook vede il “verde” sul proprio conto, che comincia a dare segnali positivi di guadagno nonostante il momento di crisi

E’ chiaro che la grande quantità di utenti, anche solo per legge dei numeri, ha iniziato a sforare alcuni parametri relativi al CTR e alle impressions accumulate dal Social Network

...

Fonte

martedì 15 settembre 2009

Cinema: morto Patrick Swayze

WASHINGTON - L'attore americano Patrick Swayze, diventato un sex-symbol di Hollywood con film come 'Dirty Dancing' (Balli Proibiti) e 'Ghost', è morto in California dopo una lunga battaglia contro il cancro al pancreas. Aveva 57 anni. Swayze era stato informato nel gennaio 2008 dai medici che era malato di cancro e che aveva probabilmente poche settimane di vita. L'attore si era sottoposto a chemioterapia e per alcuni mesi la sua salute era apparsa migliorata, al punto che Swayze aveva ricominciato a lavorare interpretando l'agente dell'Fbi Charles Baker nella serie televisiva 'The Beast'. Ma all'inizio del 2009 le sue condizioni si erano di nuovo aggravate dopo che il cancro aveva raggiunto anche il fegato. Nato a Houston, in Texas, il 18 agosto 1952, figlio di una coreografa, Patrick Swayze aveva cominciato la sua carriera artistica come ballerino studiando danza a New York, dove aveva anche partecipato al musical 'Grease'. Il primo successo era giunto nel 1985 con la serie tv 'Nord e Sud', ambientata all'epoca della Guerra civile americana. Ma la fama era giunta improvvisa nel 1987 con il film Dirty Dancing dove interpretava il ruolo di un istruttore di danza ribelle e onesto. Swayze aveva ricevuto una candidatura ai Golden Globe per la sua interpretazione. Nel 1990 la sua popolarità era stata consolidata dal film 'Ghost', con Demi Moore e Whoopi Goldberg, nel ruolo di un defunto che cerca di comunicare con la compagna con l'aiuto di una medium. I due ruoli avevano mostrato Swayze nel ruolo di sex-symbol e nessuno si era stupito quando la rivista People lo aveva proclamato nel 1991 'Uomo piu' sexy' dell'anno. Negli anni successivi l'attore non era riuscito a trovare ruoli altrettanto brillanti. L'attore aveva avuto per alcuni anni problemi con l'alcol ma il suicidio della sorella Vicky (per overdose) lo aveva indotto a farsi curare. Nel 2003 aveva preso parte al musical 'Chicago' e nel 2006 a 'Guys and Dolls'. Era stata la malattia a riportarlo alla ribalta della cronaca, con la moglie Lisa Niemi (che conosceva fin da ragazzo) sempre al suo fianco nella battaglia contro il cancro. (ANSA).

Fonte

lunedì 14 settembre 2009

Si addormenta sui binari: illeso

Francia, sopravvive a passaggio treno

Un 19enne che si era addormentato sui binari si è miracolosamente salvato al passaggio di un Tgv, un treno ad alta velocità francese, il cui fragore non l'ha neppure svegliato. E' successo vicino a Vannes, nella parte ovest del Paese. Vedendo il corpo sui binari, il macchinista ha azionato il freno. Ma è riuscito a fermarsi solo 800 metri dopo. Sceso dal convoglio, ha scoperto che il giovane era illeso e stava ancora dormendo.


Fonte

sabato 12 settembre 2009

Il nove nel destino dalla nascita

Nato alle 9.09 il 09/09, pesa 9 libbre

Il numero 9 ha marchiato "a fuoco" Henry dalla nascita. Nell'ospedale di La Crosse, in Wisconsin, il piccolo è venuto al mondo alle 9.09 del mattino del 9/09/2009 e pesa nove pound e nove once. Sembra quasi una barzelletta eppure, stando a quanto riportato da numerosi media degli Stati Uniti, l'assurda coincidenza è la realtà dei fatti.

Chuck Berendes, il padre del neonato, e la moglie Polly non dimenticheranno mai il parto cesareo del bimbo avvenuto il nono mese dell'anno 2009. Ma la sorpresa più grande, rivela la Associated Press, è stata quando l'infermiera ha messo il bambino sulla bilancia, tarata all'europea. Il dottore ha fatto a mente la conversione in libbre e once (unità di peso usate negli Usa) e per sicurezza ha chiesto di farla anche all'infermiera. "Siamo scoppiati a ridere - ha detto Berendes - quando l'infermiera ha detto che Henry pesava nove libbre e nove once". Il piccolo Henry ha già il suo numero fortunato.

Fonte

venerdì 11 settembre 2009

Luttazzi vince la causa con Berlusconi ! Nessuno ne parla...

A qualche anno dalla intervista a Travaglio, Luttazzi fa il punto su come siano andate a finire le querele che Berlusconi fece a Travaglio e Luttazzi stesso.
Luttazzi vince la causa contro Berlusconi

Fonte

mercoledì 9 settembre 2009

Violenza sulle donne, il ministro Carfagna: "Nel mondo 140 milioni di vittime"

Attiviste da 25 paesi, tanti i temi sul tavolo. Intervento del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che inivita a guardare ai principi della Costituzione: "Lotta contro ogni sopruso"

Conferenza internazionale sulla violenza sulle donne, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il ministro alle Pari opportunità Mara Carfagna (foto Ansa, Mario De Renzis) Roma, 9 settembre 2009 - Sono più di 140 milioni le donne vittime di violenze di ogni tipo, un dato "sempre in crescita in Europa a causa dell’immigrazione". Lo ha detto il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna parlando alla Conferenza internazionale sulla violenza contro le donne.

Molti sono i tipi di sopruso che le donne subiscono in tutto il mondo: dalla violenza in famiglia "dove si consumano la maggior parte degli orrori, i cosiddetti reati d’onore, con 50mila donne uccise o suicide all’anno", alle molestie, gli stupri, "alla mercificazione del corpo della donna con la tratta delle schiave usate a scopo sessuale, dall’aborto selettivo all’acidificazione, alle mutilazioni genitali femminili".

...

Fonte

martedì 8 settembre 2009

Morto Mike Bongiorno, Fiorello: perdo il compagno di giochi

Mike Bongiorno è morto nella tarda serata di ieri nel suo appartamento all’Hotel Metropole, dove soggiornava spesso in cerca di tranquillità e la sua era una presenza discreta. Passeggiava tranquillamente per la città e a volte alcuni italiani lo riconoscevano e lo salutavano, ma senza disturbarlo.

E’ morto praticamente nel sonno, probabilmente a causa di un infarto. Vicino a lui la moglie Daniela Zuccoli.

La notizia della morte di Mike Bongiorno è stata diffusa poco prima delle 14 da SkyTv, la televisione alla quale si era legato di recente dopo aver lasciato Mediaset.

Il popolare conduttore aveva 85 anni.

...

Fonte

lunedì 7 settembre 2009

Il ragazzo che ha inventato gli sms gratis

E Mister Prezzi lo convoca insieme con i grandi della telefonia
ELISABETTA PAGANI
COMO
Se ci tieni a partecipare a un incontro ma non sei in lista, l’unica opzione è l’autoinvito. È quello che deve aver pensato anche il maghetto degli sms, il ventiseienne comasco che ha inventato un fortunato sistema per spedire messaggini quasi gratis, per guadagnarsi un posto alla corte di Mister Prezzi. A Roma, al ministero dello Sviluppo economico, il 3 settembre era in programma un appuntamento fra Roberto Sambuco, il garante per la Sorveglianza dei prezzi, e i quattro colossi delle telecomunicazioni (Tim, Vodafone, Wind, H3g). Per Davide Marrone, l’inventore degli sms low-cost, un’occasione da non perdere per inserirsi nel confronto con i suoi concorrenti extralarge.

Così il 31 agosto, quasi fuori tempo massimo, Davide ha scritto a Mr Prezzi. «Mi ha risposto in un paio di giorni, non ci avrei scommesso - ammette -. Io lì (al ministero, ndr) non conoscevo nessuno e ho spedito una mail al classico indirizzo ufficiale». Quello a cui - sottintende - non risponde mai nessuno. E invece. «E invece mi ha invitato al tavolo con gli altri operatori».

...

Fonte

Mamma Rai "scarica" la squadra di Report


La notizia è sconcertante: mamma Rai non garantisce più ai giornalisti di Report la copertura legale. Che storia è questa?! Roba da paralizzare anche i professionisti più coraggiosi! Significa che gli inviati di Milena Gabanelli, da sempre attivi nel denunciare le illegalità e i soprusi che ci circondano, dovranno provvedere di tasca propria alle spese legali cui, da bravi inchiestisti, vanno continuamente incontro.

...

Fonte

venerdì 4 settembre 2009

STIPENDI RECORD AI CALCIATORI. E AD UN ALLENATORE


E' risaputo che il calcio faccia bene. Sia che si decida di giocarlo con gli amici il mercoledì sera, sia che lo si guardi in televisione. Nel primo caso ci servirà per tenerci in forma, nel secondo per passare un momento in compagnia e divertirci. Adesso, comunque, ci sarebbe un motivo in più: morire d'invidia per gli stipendi dei calciatori.
Che gli stipendi degli sportivi del pallone siano alti non è una novità E' come scoprire l'acqua calda. Ma in periodo di crisi vanno maggiormente all'occhio.
Da un articolo pubblicato dalla Gazzetta dello Sport si scopre che il monte-stipendi della nuova serie A sfonda anche il muro degli 800 milioni lordi contro i precedenti 768. Ma nel conto delle spese, balza subito all'occhi che per la prima volta il più pagato sia un allenatore. Usciti di scena Ibra (13) e Kakà (10) sul gradino più alto sale il pigliatutto José Mourinho con il suo ingaggio-base da 11 milioni netti. Supera di poco i 10,5 di Eto'o e mette in fila anche star come Ronaldinho (7,5), Buffon e Vieira (5,5), Totti (5,4)e Pirlo (5). Ricordiamo che queste sono cifre al netto, vale a dire quel che resta loro in tasca.
Tra le squadre che più di tutte metonno mano al portafoglio c'è l'Inter. Massimo Moratti si prepara a spendere 150 milioni, ma con la politica dei bonus sa già che a fine stagione potrà superare i 170 milioni. La Juventus è invece riuscita a lasciare immutati i propri costi per i tesserati (nonostante gli ingenti investimenti per i nuovi), le spese delle altre sono lievitate. Di poco, ma inesorabilmente. E non è un caso che tutti i club in lotta per un posto in Europa abbiano aumentato la loro linea di credito. Ciò accade anche perché molti contratti crescono con il passare degli anni.

Fonte

giovedì 3 settembre 2009

Gheddafi vuole cancellare la Svizzera "Chiederà all'Onu di separare i cantoni"

La denuncia di una parlamentare elvetica: il Colonnello farà la sua proposta alla prossima Assemblea delle Nazioni Unite
I rapporti tra i due Paesi sono in crisi profonda dopo l'arresto a Ginevra, un anno fa, di uno dei figli del leader libico


Gheddafi vuole cancellare la Svizzera "Chiederà all'Onu di separare i cantoni"

Il colonnello Gheddafi

GINEVRA - Il Ticino all'Italia, i cantoni romandi e francofoni alla Francia e quelli della Svizzera tedesca alla Germania: così il colonnello Muammar Gheddafi intenderebbe smembrare la Confederazione elvetica, rea del mai-perdonato arresto a Ginevra di Hannibal Gheddafi, un figlio del leader libico. La richiesta di Tripoli di cancellare il Paese alpino sarebbe stata inoltrata alle Nazioni Unite.

"La Libia ha presentato istanza affinchè l'Assemblea generale dell'Onu, che si riunirà il 15 settembre, discuta anche lo smembramento del territorio elvetico", ha affermato alla televisione svizzera la parlamentare elvetica e vice presidente della commissione esteri Christa Markwalder, citata dall'agenzia di stampa svizzera Ats. "Secondo gli intendimenti del colonnello, la Svizzera italiana dovrebbe essere...

Fonte

mercoledì 2 settembre 2009

«La modella sembra una minorenne» Pubblicità vietata dall'Authority inglese


Sotto accusa un marchio di abbigliamento, che respinge le accuse: «Ha 23 anni e non fa uno spogliarello»


LONDRA - «Mercifica il corpo femminile e la modella dello spot sembra avere meno di 16 anni». Con queste parole l'Asa (Advertising Standard Authority), l'Osservatorio della pubblicità inglese, ha vietato l'ultima rèclame del marchio statunitense American Apparel apparsa sulla rivista giovanile Vice magazine che mostra una ragazza seminuda promuovere una felpa della nota catena d'abbigliamento. Secondo l'Asa la modella che compare nello spot è poco più di una ragazzina e le immagini presenti sulla rivista potrebbero disturbare la sensibilità dei lettori britannici.

FOTO SEXY - Nella pubblicità incriminata si susseguono sei diverse immagini della modella. Nella prima la ragazza indossa un top col cappuccio e degli shorts. Man mano che si va avanti la modella assume atteggiamenti sempre più provocanti e porta avanti una sorta di spogliarello mostrando con disinvoltura parti del suo corpo. Nelle ultime due foto, quelle più controverse, s'intravede anche il seno della giovane modella. L'Asa ha sottolineato di aver censurato lo spot anche perché la pubblicità è stata reclamizzata su un magazine letto da tanti adolescenti. La rivista è distribuita gratuitamente nei bar, nei nightclub e in numerosi negozi d'abbigliamento del Regno Unito.

IL CASO ALLEN - Il marchio americano American Apparel respinge le critiche e dichiara che la modella non è affatto una ragazzina visto che ha già compiuto 23 anni. Rigetta anche l'accusa di voler mercificare il corpo femminile e dichiara che gli scatti non mostrano uno spogliarello, ma in ognuna delle foto la modella fa vedere i diversi modi d’indossare la felpa.

...

Fonte

martedì 1 settembre 2009

Messico, "Trovato baby alieno"

L'annuncio della tv del Paese

Un cucciolo di alieno vivo sarebbe stato trovato da un contadino nel 2007. Lo strano essere - racconta la televisione messicana - con lo scheletro da lucertola e con una grande testa si trovava in un fossato e l'uomo, Marao Lopez, cercò per ore di annegarlo tenendolo sott'acqua. Dopo due anni di test, gli scienziati hanno dichiarato di non aver mai visto nulla di simile. Intanto, Lopez è morto in un misterioso incendio della sua auto.

Dopo due anni di test del Dna e risonanze magnetiche sullo strano essere, gli scienziati messicani ai quali l'agricoltore aveva consegnato il corpicino hanno dichiarato di trovarsi di fronte a qualcosa di veramente nuovo: uno scheletro da lucertola, denti senza radici, la possibilità di rimanere sott'acqua per ore. L'alieno ha anche alcuni elementi di somiglianza con gli esseri umani. Inoltre ha un cervello enorme, con la parte posteriore particolarmente sviluppata, segno di una grande intelligenza. Ma, nel complesso, il baby extraterrestre ha lasciato esterrefatti gli studiosi.

Quanto all'uomo che lo aveva trovato, Marao Lopez, è morto in un incendio in un'auto parcheggiata a lato di una strada. Le fiamme, tuttavia, secondo Joshua P. Warren, esperto americano di Ufo, avevano una temperatura superiore a quella di un fuoco normale. Nella zona si è diffusa la voce che ad uccidere l'agricoltore siano stati i genitori della strana creatura per vendetta.

Nella zona in cui è stato trovato l'esserino, inoltre, vi sono frequenti avvistamenti di Ufo e notizie di cerchi nel grano.

La storia è stata divulgata dall'esperto ufologo messicano, il 56enne Jaime Maussan, che è pronto a scommettere sulla sua veridicità. Alcuni contadini gli hanno raccontato che c'era un'altra creatura che tuttavia è riuscita a scappare quando loro si sono avvicinati.

Della vicenda si è interessata anche il quotidiano tedesco "Bild", sulle cui colonne si è scatenato un gran dibattito tra i sostenitori della teoria che si tratti di un extraterrestre e gli scettici che pensano invece ad una bufala.

Fonte