venerdì 31 dicembre 2010

Caso Battisti, attesa la decisione di Lula Palazzo Chigi: "No sarebbe inaccettabile"

Domani l'annuncio sulla sorte dell'ex terrorista. L'avvocatura dello Stato brasiliana si pronuncia contro la richiesta di estradizione dell'Italia. Note di premier e ministri italiani dopo rivelazioni secondo cui Berlusconi garantì al presidente brasiliano che non avrebbe creato polemiche in caso di rifiuto. Appello del Pd al presidente brasiliano

 

ROMA - Torna ad essere un caso politico la storia di Cesare Battisti, l'ex terrorista che sta per ricevere dal Brasile asilo politico. Mentre nel nostro Paese infuria la polemica, l'avvocatura dello Stato presenta al presidente Luis Inacio Lula da Silva un parere contrario all'estradizione in Italia. Secondo fonti governative, il presidente brasiliano comunicherà la sua decisione domani, a poche ore dalla scadenza del suo mandato presidenziale. Ma è già dura la reazione di Palazzo Chigi che parla di eventuale "rifiuto inaccettabile" e in una convulsa giornata di attese e smentite tenta di spegnere la polemica sull'inazione del governo nei confronti del Brasile sul caso Battisti. 

Continua a leggere

giovedì 30 dicembre 2010

Colle promulga riforma, 'alcuni punti da chiarire'

Università, criticita' da correggere con ampio confronto. Gelmini: terremo conto osservazioni

 

Giorgio Napolitano e Maria Stella Gelmini  
Giorgio Napolitano e Maria Stella Gelmini

Napolitano auspica ''un costruttivo confronto con tutte le parti interessate''. Sulle borse di studio - osserva il capo delo Stato - "concessione non coerente con il criterio del merito". ''La promulgazione e' un fatto positivo'', commenta il ministro dell'Istruzione

 

Caso Battisti, Palazzo Chigi precisa "Berlusconi sempre stato per estradizione"

La nota dopo le affermazioni del senatore brasiliano Suplicy, che, sul Riformista, afferma: "Il premier ha garantito a Lula che non creerà polemiche qualunque sia la decisione". Frattini: "Pronti a tutte le misure". La Russa rincara: "Un no non sarebbe senza conseguenze, ferita nei rapporti bilaterali". Dal Pd appello al presidente brasiliano: "Consegni l'ex terrorista"

 

ROMA - Torna ad essere un caso politico la storia di Cesare Battisti, l'ex terrorista che sta per ricevere dal Brasile asilo politico. Mentre infuria la polemica, la presidenza del Consiglio - attraverso una smentita al quotidiano Il Riformista - fa sapere che il premier Silvio Berlusconi non ha "mai mostrato sottovalutazione per la vicenda dell'estradizione, richiamando invece costantemente la linea perseguita dall'Italia a ogni livello perché Battisti venga riconsegnato alla giustizia italiana". Nella nota governativa si legge ancora: "L'ultimo atto ufficiale di una lunga serie in questo senso è stata la convocazione, il 21 dicembre scorso a Palazzo Chigi, dell'ambasciatore del Brasile a Eoma, José Viegas Filho, da parte del sottosegretario Letta".


Continua a leggere

Nella mente degli uomini che amano mille donne

Quando il sesso diventa una dipendenza, bulimia erotica. L'ha confessato Mick Hucknall, dei Simply Red. Ma anche Tiger Woods, Michael Douglas, David Duchovny. Un'ossessione indifferente all'oggetto del desiderio di VERA SCHIAVAZZI

 

L'INFANZIA difficile. Una madre assente. E poi l'alcol, e l'incapacità di controllarsi. Le spiegazioni di sempre, insomma. Solo che Mick Hucknall, rosso ed estroso cantante dei Simply Red, le ha moltiplicate per mille, approfittando dello scioglimento del gruppo per scusarsi con tutte le ragazze, signore e signorine, professioniste o inconsapevoli, con le quali è andato a letto nel corso della sua carriera. "Mi sono concesso tre donne al giorno dal 1985 al 1987", ha confessato Mick mentre, nella stessa intervista, annunciava una carriera da solista. Già, "concesso", proprio come si direbbe del troppo cioccolato, della vodka, o di qualunque altra sostanza in grado di dare dipendenza. "Gli uomini diventano sex addict, le donne ripiegano sulla bulimia", scherza, ma non troppo, il più importante sessuologo italiano, lo psichiatra Fausto Manara.

Prima di Hucknall, del resto, non sono mancati gli esempi. Era il 1992 quando Michael Douglas si fece ricoverare a Tucson, Arizona, per curare la "dipendenza" che aveva fatto infuriare la moglie Diandra. Nel frattempo, Douglas ha cambiato moglie, si è ammalato più seriamente, e del suo vizietto non si è saputo più nulla. Quanto ad Antonio Cassano, ha reso note le sue intemperanze sessuali ("Ho avuto tra le 600 e le 700 donne, non le ricordo tutte") soltanto nel 2008, lo stesso anno del fidanzamento con Carolina Marcialis, che ha sposato due anni dopo. Nel suo caso, nessuna terapia ma un cameriere compiacente pronto a portargli
cornetti caldi in camera dopo le prestazioni più impegnative. In tempi meno mediatici, del resto, Georges Simenon di donne era riuscito a portarne a letto addirittura 10.000, prostitute soprattutto: era la scelta che innervosiva meno le sue mogli e gli lasciava più tempo per scrivere.

Continua a leggere

Sparatoria a La Spezia, un morto

Ucciso un consigliere comunale

Sparatoria a Castelnuovo Magra, nello Spezzino. Una o più persone hanno fatto fuoco, uccidendolo, contro un consigliere comunale, Andrea Giacomelli. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Sarzana per i primi rilievi. Ancora da ricostruire la dinamica dell'accaduto. Secondo indiscrezioni, potrebbe trattarsi di una vendetta per un tradimento.

Fonte

Anoressia, morta Isabelle Caro modella della campagna shock

La ragazza aveva solo 28 anni. Oliviero Toscani l'aveva ritratta in una pubblicità contro il dimagrimento eccessivo, al centro di aspre polemiche. La scomparsa a Tokyo il 17 novembre, resa nota oggi

 

PARIGI - E' morta la modella e attrice francese Isabelle Caro, gravemente anoressica, salita agli onori della cronaca per aver posato nuda in uno spot anti-anoressia di Oliviero Toscani per la marca italiana Nolita: aveva 28 anni.  La scomparsa a Tokyo il 17 novembre scorso, ma la notizia è stata diffusa solo oggi, prima dal sito del quotidiano svizzero 20 minutes e poi da quello del settimanale francese Paris Match.

Continua a leggere

Pomigliano, firmato l'accordo separato la Fiom risponde con 8 ore di sciopero

Sottoscritto il contratto per la riapertura dello stabilimento campano dove è prevista la costruzione della nuova Panda. Previsti aumenti contrattuali di 30 euro lordi. Durissima la reazione dei metalmeccanici della Cgil: "Attacco senza precedenti a democrazia e diritti". Il segretario Landini polemico anche con il Pd: "Andate in fabbrica prima di parlare"

ROMA - Ugl, Fim, Uilm, Fismic e l'associazione dei quadri Fiat e il Lingotto hanno siglato il contratto per l'assunzione dei 4600 dipendenti dello stabilimento di Pomigliano d'Arco. A partire da gennaio 2011 i lavoratori saranno assunti dalla Newco sulla base dell'accordo separato siglato il 15 giugno scorso. A Pomigliano a partire dal dicembre del prossimo anno sarà prodotta la nuova Panda.

Continua a leggere

mercoledì 29 dicembre 2010

Capodanno: 1 mln donne pronte a dieta

Corrono ai ripari soprattutto quelle tra i 35 e i 44 anni

(ANSA) - ROMA, 28 DIC - Dopo i brindisi e gli eccessi a tavola nel cenone di fine anno,il pentimento. Sono oltre un milione le italiane a dieta dopo le feste.E a correre ai ripari sono soprattutto le donne tra i 35 e i 44 anni,che pianificano una dieta fai-da-te nel 40% dei casi consultando riviste, navigando su internet o seguendo i consigli di amici.

Raramente si ricorre al dietologo. E' quanto emerge da una ricerca su un campione di 650 donne tra i 25 e i 64 anni,commissionata dal periodico Starbene.

Fonte

Balotelli sogna ritorno in Italia

Intanto segna tre gol all'Aston Villa

LONDRA - Nostalgia di casa, dell'Italia, forse anche della Serie A: dopo appena cinque mesi in Inghilterra Mario Balotelli sta gia' pensando di lasciare il Manchester City. E' quanto scrive oggi il Daily Mail, riferendo le indiscrezioni raccolte nell'entourage dell'attaccante italiano. Scontento di Manchester, senza amici fuori dal campo, Balotelli sta faticando ad ambientarsi nella nuova realtà e anche in Premier League la sua attesa esplosione non e' ancora avvenuta.

Continua a leggere

Bossi: siamo nella palude governo ha numeri scarsi

Lega paziente fino al federalismo, milioni di persone pronte a battersi per la libertà

VILLA D'OGNA (BERGAMO) - "Ho sentito Berlusconi alla tv, Berlusconi parla di grandi riforme e numeri in eccesso: non è proprio così, perché i numeri scarseggiano. Siamo nella palude romana, ma siamo ancora vivi e stiamo combattendo. Alla fine chi la dura la vince". Lo ha detto Umberto Bossi a una festa della Lega Nord.

Continua a leggere

Atac, sospensione per l'ex Nar insultava gli ebrei su Facebook

Il provvedimento dell'azienda di trasporti romana, nella bufera per le esternazioni di Francesco Bianco (foto) già al centro della "Parentopoli" che coinvolge il sindaco Gianni Alemanno. "Il dipendente sospeso in via cautelativa in attesa di ulteriori accertamenti". Limitato l'accesso al social network dai computer aziendali

ROMA - Francesco Bianco, l'ex Nar assunto all'Atac e finito nella bufera per gli insulti a Pacifici e le minacce agli studenti anti-Gelmini è stato sospeso. Lo comunica la stessa azienda dei trasporti capitolina che così mette un paletto, dopo la bufera sollevata dai commenti contro il presidente della comunità ebraica riccardo pacifici e contro gli studenti in piazza, 'postati' su Facebook dall'ex esponente dei Nar assunto dall'Atac, l'azienda già nel mirino dell'autorità giudiziaria per 'parentopoli'. Non solo, l'azienda annuncia anche di aver rivisto la policy di accesso ad internet per i dipendenti, limitandola "ulteriormente".

Continua a leggere

martedì 28 dicembre 2010

Stangata in arrivo, mille euro a famiglia. Crescono benzina, tariffe e servizi bancari

Il 2011, secondo Adusbef e Federconsumatori, si preannuncia come "un anno infelice". E stando ai dati della Cgia di Mestre, tra il 2008 e il 2010 boom dei servizi pubblici, soprattutto quelli di competenza delle regioni e degli enti locali

 


ROMA - È in arrivo una stangata di oltre 1.000 euro a famiglia. Secondo i calcoli di Adusbef e Federconsumatori, tra rincari di alimentari, benzina, tariffe, assicurazioni e servizi bancari, il 2011 sarà "un anno infelice", con un impatto di 1.016 euro annui a famiglia.

La voce più consistente sarà quella alimentare, con aumenti annui di 267 euro, ovvero del 6%. A seguire i carburanti, per i quali, sulla scia dei previsti incrementi del petrolio (si dà ormai per scontato un rally fino a 100 dollari al barile) la spesa aumenterà di ben 131 euro l'anno. Oltre 120 euro in più saranno spesi per il trasporto ferroviario, comprese le tratte dei pendolari, mentre i prezzi dell'Rc auto cresceranno, secondo Adusbef e Federconsumatori, di 105 euro (+10-12%). Aumenti sono previsti anche per le tariffe autostradali (+2%), per quelle del gas (+7-8%) e della luce (+4-5%), per quelle dei rifuiti (+7-8%) e per l'acqua (+5-6%). L'aumento più consistente in termini percentuali è però quello del trasporto pubblico locale (+25/30%).


Continua a leggere

 

Cgia, la crisi non frena le tariffe Autostrade +10,8% e gas +8,9%

A crescere di più, tra il 2008 e il 2010, le voci di competenza delle regioni e degli enti locali. In calo solo energia elettrica e acqua potabile. Particolarmente colpite le piccole imprese e i lavoratori autonomi

ROMA - La crisi economica non frena la corsa agli aumenti soprattutto per le tariffe pubbliche che, dal 2008  a novembre 2010, hanno registrato un vero e proprio boom. In vetta agli aumenti i pedaggi autostradali (+10,8%), il gas (+8,9%), i trasporti ferroviari (+8,7%) e i servizi postali (+7,3%). A rilevarlo la Cgia di Mestre, secondo cui i rincari maggiori si sono registrati sulle tariffe di competenza delle regioni e degli enti locali.
 

Continua a leggere

«Leonardo mi chiese come era meglio morire»

La ragazza di cui era innamorato: mi ha mandato un sms, non ho risposto

Sara e Virginia. Sono le due ragazze che hanno condiviso più intensamente la vita di Leonardo da quando si era trasferito ad Albisola. Della prima lui era innamorato, la seconda era la sua migliore amica, la ragazza alla quale ha scritto l’sms d’addio. A loro Leonardo si era confessato, a loro ha raccontato l sua storia, il suo passato, fino a dire, più volte, di sentirsi isolato, a disagio, di voler morire. Anche loro, purtroppo, sono vittime della fragilità e della sensibilità del giovane, insieme al fratello gemello Gabriele che a lui era molto legato. 

Continua a leggere

Alessandria, bimba di 2 anni muore sul treno Roma-Torino

Intorno alle 8 di questa mattina, una bambina di 2 anni è morta mentre stava andando in treno verso Torino insieme con la mamma. La tragedia è avvenuta nella stazione di Alessandria, dove il convoglio (partito da Roma) si è fermato per permettere i soccorsi.
La piccola, di origine nigeriana, sarebbe morta per cause naturali: appena ha accusato i primi malesseri la madre ha chiesto aiuto, e l’Intercity è stato fermato; quando i sanitari sono arrivati sul posto, la situazione della bimba era già gravissima, ma ne è stata tentata comunque una rianimazione d’emergenza.
Portata all’ospedale Infantile di Alessandria, la bimba è morta nel tragitto, forse per un arresto cardiaco.

Continua a leggere

Strage di Vibo Valentia fermate quattro persone

Oltre ad Ercole Vangeli, che si era costituito a poche ore dalla mattanza, i carabinieri hanno arrestato altre tre persone. Non ha convinto la confessione dell'uomo che sosteneva di aver agito da solo

VIBO VALENTIA - Sono quattro le persone fermate dai carabinieri con l'accusa di omicidio volontario plurimo per la strage di ieri pomeriggio a Filandari, in provincia di Vibo Valentia dove, in un agguato sono state uccise cinque persone 1. Oltre al reo confesso, Ercole Vangeli, che avrebbe detto di aver agito da solo, i carabinieri hanno fermato altre tre persone per l'uccisione di Domenico Fontana e dei suoi quattro figli.
 
Fonte

lunedì 27 dicembre 2010

Paracadutiste in topless: lo spot più sexy

Un plotone di ragazze senza reggiseno che si lanciano con un paracadute per pubblicizzare una lavatrice. Si tratta della discussa pubblicità danese dell'azienda di distribuzione tedesca Fleggaard, un provocatorio video commerciale andato in onda solo sul web a partire dal 2008. 


 Il video

Da "Libero" accuse shock a Fini "Vuole farsi un attentato da solo"

In un editoriale il direttore Belpietro riferisce di presunte voci circa una manovra del presidente della Camera per screditare Berlusconi. La replica di Lo Presti: "Un caso psichiatrico". La procura di Trani apre un'inchiesta

Da "Libero" accuse shock a Fini "Vuole farsi un attentato da solo" 

ROMA - Un titolo a tutta pagina "Fini è fallito" e più in basso un editoriale del direttore Maurizio Belpietro: "Su Gianfranco iniziano a girare strane storie". Il quotidiano Libero riprende oggi la sua battaglia senza esclusione di colpi contro il presidente della Camera rivelando che il leader di Futuro e Libertà avrebbe pensato di organizzare un falso attentato nei suoi confronti a fini propagandistici. Il progetto dovrebbe essere messo in pratica durante una visita istituzionale ad Andria e per organizzarlo Fini "si sarebbe rivolto a un manovale della criminalità locale, promettendogli 200mila euro". Il prezzo, scrive ancora Belpietro, comprenderebbe "il silenzio sui mandanti, ma anche l'impegno di attribuire l'organizzazione dell'agguato ad ambienti vicini a Berlusconi, così da far ricadere la colpa sul presidente del Consiglio". Secondo il direttore di Libero, "l'operazione punterebbe al ferimento di Fini e dovrebbe scattare in primavera, in prossimità delle elezioni, così da condizionarne l'esito". 

Continua a leggere

25 anni e fumi? Ne dimostri 4 di più

Fumo e alcol invecchiano l'immagine delle donne over 25. L'indagine della Riverbanks Clinic inglese. 

Il video

Dopo la pioggia arriva il gelo Capodanno con sole e freddo

Rientra l'allarme per il livello dei fiumi in Veneto e Liguria

TORINO
Dopo le piogge a Natale, con il livello dei fiumi del Nordest monitorato costantemente e la paura di un nuovo alluvione in Veneto, arriva il gelo.

Nelle prossime ore le temperature scenderanno anche di 10-15 gradi in buona parte del Paese: sarà dunque un capodanno al freddo, anche se il maltempo lascerà spazio ad una situazione più stabile fino al 9 gennaio, con tempo soleggiato quasi ovunque. Già oggi comunque si è registrato un deciso calo della colonnina di mercurio, soprattutto sulle regioni del centro nord, dove le minime non hanno superato i cinque gradi.
 

Continua a leggere

Via libera condizionato al legittimo impedimento

Consulta, proposta del relatore sullo stop ai processi del premier

FEDERICO GEREMICCA
ROMA
Nemmeno i termini tecnico-giuridici, stavolta, riescono ad attutire la portata della notizia. Che è la seguente: con «sentenza interpretativa di rigetto», la Corte Costituzionale si accingerebbe a respingere il ricorso proposto dal pm milanese De Pasquale circa la costituzionalità della legge sul legittimo impedimento. Questa, almeno, è la soluzione che il giudice relatore del caso (Sabino Cassese) proporrà agli altri membri della Corte, che torneranno a riunirsi per la sentenza l’11 o il 12 gennaio. 


Continua a leggere

 

Sfiducia e "sgarbi" di Tremonti ora Bondi pensa alle dimissioni

Negati fondi per lo spettacolo. "In me amarezza e disincanto". La scelta eviterebbe un quasi certo ko parlamentare. "Così rafforzerei il governo" di CARMELO LOPAPA 

Sandro Bondi, ministro dei Beni Culturali ROMA - E adesso Sandro Bondi. Dopo Carfagna e Prestigiacomo, tocca al ministro dei Beni culturali. Il coordinatore Pdl - ad alto rischio sfiducia, alla ripresa, dopo la mozioni da Fli, Pd e Idv - le dimissioni non le minaccia, ma l'intenzione di lasciare la lascia trapelare in queste ore. Il pretesto: l'ultimo smacco subito col mancato reintegro del Fondo per lo spettacolo. Confessa "grande amarezza", perfino "disincanto" a chi gli ha parlato durante il week end festivo. 

Continua a leggere

domenica 26 dicembre 2010

L'incidente-miracolo di Monique "Così sono tornata a camminare"

La campionessa paralimpica olandese riacquista l'uso delle gambe dopo 13 anni di handicap I medici: «Non c'è spiegazione»

 

AMSTERDAM
Un miracolo. In Olanda è una parola che viene usata con sempre maggiore insistenza per definire il caso di Monique Van der Vorst, autentica storia di Natale che in questi giorni sta commuovendo i Paesi Bassi.  
Lei è la 26enne campionessa paralimpica che ai Giochi di Pechino ha vinto due medaglie d'argento, nella prova a cronometro individuale di handcycle, sorta di bicicletta in cui si pedala con le mani, ed in quella in linea. La Van der Vorst proprio in questi giorni ha ripreso a camminare, riacquistando l'uso delle gambe dopo 13 anni di handicap e senza alcuna spiegazione scientifica.


Continua a leggere

Il Natale in fabbrica dei cassintegrati Yamaha

Natale in fabbrica per i cassintegrati della Yamaha di Gerno di Lesmo, l'azienda metalmeccanica che un anno fa ha annunciato la chiusura definitiva del sito produttivo brianzolo. Dal 10 dicembre gli operai sono tornati a presidiare i cancelli per sollecitare l'utilizzo di un fondo di quasi 7,5 milioni accantonati a loro favore per la gestione della crisi. Il giorno della vigilia hanno anche inviato una lettera all'arcivescovo di Milano, Dionigi Tettamanzi. Ieri quindi pranzo natalizio davanti cancelli della fabbrica, tra un gazebo e una roulotte, per una decina di lavoratori e le loro famiglie. Nel pomeriggio, al taglio del panettone, sono arrivati altri amici e colleghi a portare la loro solidaretà

Le foto

Federalismo, Comuni a rischio la stangata con la riforma

ROMA - Comuni a rischio stangata con il nuovo fisco previsto nel federalismo fiscale. Secondo uno studio del Pd, messo a punto dal senatore Marco Stradiotto, infatti, i municipi, con il passaggio dai trasferimenti statali all'autonomia delle imposte perderebbero complessivamente 445 milioni di risorse l'anno da destinare ai servizi. La proiezione è fatta utilizzando dati della Copaff, la commissione paritetica sul federalismo fiscale che lavora al ministero del Tesoro e dimostra che l'Aquila, ma anche Napoli come molti comuni del sud perderebbero consistenti fette di entrate (fino a oltre il 60%) con il nuovo fisco. Va meglio, invece ai municipi del nord o a quelli come Olbia con un alto tasso di seconde case avvantaggiati dalla base immobiliare delle nuove imposte.

Fonte

L'esercito in azione dall'alba rimosse 1200 tonnellate di spazzatura

Interventi alle prime luci del giorno per ripulire le strade della città ancora invase da 1500 tonnellate di immondizia. Oggi Stir aperti per mezza giornata. E il Comune ricorda ai cittadini: tenete gli imballaggi a casa

La pulizia della città in mano ai militari. Da questa mattina all'alba gli uomini dell'esercito sono entrati in azione per liberare Napoli dalla montagna di spazzatura che si è accumulati nei giorni scorsi raggiungendo le 1.500 tonnellate. Gli interventi sono stati eseguiti lungo due arterie importanti di Napoli, via Don Bosco e via Umberto Maddalena e hanno permesso di rimuovere 50 tonnellate di rifiuti, che sono state subito trasferite negli Stir, riaperti da oggi dopo la giornata di stop per il Natale.

Tra stanotte e stamattina sono state raccolte dalle strade  1200 tonnellate di rifiuti, ma altrettante, e oltre, 1500 tonnellate, restano ancora a terra. 


Continua a leggere

Garfagnana, frazioni non piu' isolate

Frana aveva interrotto collegamento, aperto varco

(ANSA) - LUCCA, 25 DIC - Non sono piu' isolate le 150 persone che vivono nelle frazioni di Sillico, Bargecchia e Capraia, nel comune di Pieve Fosciana, in Garfagnana, dove questa mattina una frana ha ostruito la strada che porta a queste localita'. La protezione civile, la Provincia e il Comune hanno deciso di utilizzare il varco inizialmente destinato solo al transito dei mezzi di soccorso per un 'passaggio assistito' che permette la circolazione dei mezzi privati. La frana resta presidiata 24 ore su 24.

Fonte

Scossa magnitudo 7.6 e tsunami nel Pacifico, paura a Vanuatu ma allarme rientra

Maremoto dopo la violenta scossa. Esattamente 6 anni fa il devastante sisma da 9.1 gradi

ROMA - Esattamente sei anni dopo lo tsunami che devasto' l'Oceano indiano, causando 230mila vittime, un allarme lanciato dopo un forte terremoto al largo dell'arcipelago di Vanuatu, nel Pacifico sud-occidentale, ha fatto temere una nuova catastrofe di Natale.


Continua a leggere

sabato 25 dicembre 2010

E' un Natale con l'ombrello e da Santo Stefano torna anche il freddo

Il maltempo seguita a sferzare senza eccezione diverse regioni del nostro Paese da nord a sud. Al settentrione il parziale disgelo unitamente alle incessanti piogge hanno gonfiato pericolosamente i fiumi, mentre sulle regioni tirreniche sono in atto anche alcuni temporali. Tornata la neve a bassa quota sulle Alpi orientali. Da Santo Stefano più freddo a partire dal nord.

E' un Natale bagnato dalle Alpi alla Sicilia. La tradizione, esattamente come accadde esattamente un anno fa, si ripete, con la neve che si arrocca alle alte quote montane e la pioggia che spadroneggia in basso.
Quest'anno indubbiamente si tratta del Natale più perturbato degli ultimi anni. Il maltempo si sta sfogando sul Bel Paese con tutti gli elementi a lui disponibili, vento forte (sulle montagne avellinesi il Libeccio ha raggiunto i 110 km/h), mari in cattive condizioni (in particolare in Sardegna per il Maestrale ma anche lungo le coste tirreniche per il Libeccio, piogge incessanti (nel Padovano 200 persone hanno trascorso la notte di Natale lontano dalle loro case per il rischio di esondazione del fiume Bacchiglione), temporali (la Campania la regione più colpita), neve a bassa quota (l'Alto Adige si sta imbiancando fino ai fondovalle).

Continua a leggere

Trovato cadavere decapitato nelle campagne di Foggia

La vittima è un cittadino romeno assunto come custode da un'azienda agricola. Secondo una prima ipotesi, potrebbe essere rimasto incastrato nella catena di un rottweiler. Il corpo forse mutilato da animali. E' stato ritrovato da un operaio

Era l'unico che riusciva ad avvicinarsi ad un grosso rottweiler tenuto a guardia di una azienda agricola nelle campagne di Foggia e a lui era stato dato il compito di accudire l'animale. Ma l'ultima volta che Ion Mema, un romeno di 52 anni, si è avvicino al cane, il cane lo ha aggredito buttandolo a terra. Ha poi cominciato a strattonare con violenza mentre la catena che lo teneva legato si è attorcigliata attorno al collo dell'uomo.
Così Mema è stato prima strangolato e poi decapitato dalla violenza inconsapevole dell'animale che si è poi avventato sulla testa portandola a qualche centinaio di metri dal corpo.

Non è ancora certo se la cosa sia avvenuta questa mattina o ieri sera. Il corpo è stato ritrovato da un altro dipendente dell'azienda che era andato nei campi a raccogliere i finocchi e ha scoperto lo scenario raccapricciante.

Continua a leggere

Padova. La sorella rifiutò di donarle il midollo, morta malata di leucemia

La notizia su Facebook, la donna aveva detto: «Non provo rancore». Rimasti anonimi gli autori della scritta a Salboro

PADOVA (23 dicembre) - É morta in Nuova Zelanda Paola Favaretti, la malata di leucemia, la cui storia era diventata di dominio pubblico quando alcuni anonimi avevano accusato la sorella di non averle donato il midollo osseo. A fine settembre infatti a Salboro (Padova), dove lavora la sorella, erano apparsi alcuni striscioni di denuncia. La notizia della morte è stata divulgata in Facebook dai quasi quattromila membri di un gruppo, nato per portare alla luce la triste storia e per cercare di aiutare la donna.

Continua a leggere

venerdì 24 dicembre 2010

Morto assaggiatore di tabacco: i Monopoli lo risarciscono

Glauco Mancini fumava per lavoro ed è morto per un tumore ai polmoni. Dopo otto anni dalla sua morte i Monopoli di Stato risarciranno la sua famiglia con un milione di euro. Mancini lavorò per anni come “assaggiatore di tabacco”, il suo incarico era esaminare i tipi di tabacco.

sigaretta2

Esaminare i tabacchi non consisteva solo nella loro classificazione ma, nel fumare migliaia di sigarette e sigari, oltre che tabacco da pipa, per stabilirne l’impiego sulla base delle loro caratteristiche e stilarne così un ricettario da tenere costantemente aggiornato.
Assunto al lavoro all’età di 23 anni nel 1954 vi restò fino al 1997 anno nel quale andò in pensione, troppo tardi ormai perchè, nel 2000 gli fu diagnosticato un cancro ai polmoni che lo portò alla morte due anni dopo.


Continua a leggere

Nicole e Fatima ritrovate a Milano quindicenni in fuga da Vercelli

Le due amiche fermate alla stazione, dove stavano per prendere un treno per tornare a casa. Si erano allontanate sabato scorso. Sono state rintracciate grazie a un collegamento a Facebook

 

Sono state ritrovate a Milano e stanno bene Nicole Donis e Fatima Dermouni, le due amiche quindicenni scomparse da sabato scorso a Vercelli. Le due giovani, verso mezzanotte e mezza, sono state riaccompagnate a casa dalla polizia. E' stata solo una bravata, spiega la polizia di Vercelli, che è riuscita a risalire alle due ragazzine ricostruendo il loro spostamenti dopo che le quindicenni si erano collegate al loro profilo di Facebook da un computer di Leno, in provincia di Brescia.

Grazie agli accertamenti tecnici, i poliziotti sono riusciti a individuare il luogo dal quale era avvenuto il collegamento: un'abitazione dove un 18enne albanese con altri amici ha riferito di aver conosciuto le ragazzine un paio di giorni prima in un locale e di averle ospitate. Le due amiche hanno preso poi un treno alla stazione di Brescia, dirette a Milano. Una ricostruzione che ha trovato conferma anche nella segnalazione di un viaggiatore, che ha detto alla polizia di aver visto Nicole e Fatima sul treno diretto nel capoluogo lombardo.


Continua a leggere

Paesi isolati, acqua e cibo dal mare

Emergenza maltempo nello spezzino

Continua a piovere nello spezzino martoriato ieri da un vero e proprio nubifragio. Seconda notte da `isolati´ per i seicento abitanti di Tellaro, che da due giorni sono costretti nel borgo a causa della frana che ha cancellato una parte dell’unica strada che sale al paese. Nelle case manca l’acqua da ieri, così come accade in molti quartieri del lericino e del vicino centro di Romito Magra a causa della rottura di parte delle condotte idriche sfondate dalle numerosissime frane che stanno martoriando la provincia spezzina. Per ovviare a queste difficoltà, si sta attivando un servizio via mare, con la Capitaneria di Porto e la Protezione Civile per portare acqua e viveri di prima necessità. 


Continua a leggere

Veneto e Liguria, paura allagamenti Parigi, la neve blocca 2000 passeggeri

Notte drammatica a Vicenza dove si è temuta una nuova esondazione del fiume Bacchiglione. Allerta anche in Friuli, Emilia e Toscana. Aeroporti e ferrovie europee ancora nella morsa del gelo. Poche speranze dalle previsioni meteo

 

ROMA - In Italia piogge torrenziali, mareggiate e fiumi a rischio esondazione. Freddo e gelo con gravi disagi ai trasporti nell'Europa continentale. Come annunciato dai bollettini meteo dei giorni scorsi, il maltempo sta funestando le feste di Natale. La zona più colpita della Penisola è il nordest dove i momenti peggiori si sono vissuti stanotte a Vicenza. A causa delle precipitazioni incessanti, il livello del fiume Bacchiglione, toccando quota 5,34 metri, ha raggiunto infatti verso le 2 il livello di guardia facendo scattare l'allarme alluvione. Alcune strade del centro storico, già allagate lo scorso 1 novembre, sono state chiuse in via precauzionale. La situazione è andata poi migliorando, ma rimane la preoccupazione e la paura anche in considerazione delle previsioni meteo che indicano per oggi e domani altre piogge. Timore per la tenuta degli argini pure a Caldogno, il comune del vicentino particolarmente danneggiato dall'alluvione dell'1 novembre.

GUARDA LE PREVISIONI METEO 1

 

Commercio, la crisi sotto l’albero

Savona

Affari in calo: regali prenotati ma non ritirati. Gli operatori: peggio dello scorso anno

Pacchetti regalo fissati con anticipo nei negozi e non ancora saldati e ritirati, pagamenti effettuati con carta di credito, consapevoli che l’addebito giungerà il mese successivo: tutti segnali che, alla vigilia di Natale, indicano come la crisi abbia pesato anche quest’anno sugli acquisti per un trend delle vendite che ha fatto registrare alti e bassi, senza picchi entusiasmanti e con qualche difficoltà in più rispetto al passato.
Un andamento prevedibile secondo Vincenzo Bertino, presidente di Confcommercio provinciale; un risultato negativo per Franco Zino, presidente di Confesercenti, che registra un calo nelle vendite pre-natalizie del 10 per cento rispetto al 2009 tenendo conto che l’anno precedente non era stato entusiasmante.

Continua a leggere

La pioggia spegne il Presepe luminoso

Cinque Terre


A Manarola la pioggia spegne il grande Presepe allestito da Mario Andreoli sulle fasce terrazzate che occupano la collina delle Croci. I violenti temporali seguiti all'ondata di freddo mandano in tilt il complesso impianto elettrico. L'acqua penetra nelle giunture dei cavi, che raggiungono una lunghezza complessiva di 7 chilometri, e provoca black out a ripetizione, mettendo in fibrillazione l'artefice del capolavoro e privando dello spettacolo le centinaia di persone che giungono appositamente per gustarselo.

Fonte

Bimbo dà l’allarme frana e salva la famiglia

La Spezia

«Mamma, guarda, frana la montagna». Un bambino ha salvato così la famiglia e un gruppo di amici questo pomeriggio a Romito Magra, dove una frana ha sfiorato una casa e un distributore di benzina.
È stato un istante, ed è diventato un eroe. I suoi cari, ed altre persone che si trovavano accanto a lui hanno avuto pochi istanti per fuggire di corsa e salvarsi la vita. È accaduto nei pressi di un distributore di benzina: è franata mezza collina con piante ad alto fusto. «Abbiamo rischiato di avere più vittime - conferma il sindaco di Arcola, Livio Giorgi - è stata una scena impressionante. Vedere quello che si è abbattuto al suolo è indescrivibile: una massa di terra, massi, alberi. Mi hanno detto che è stato un bambino, ad accorgersene, e a salvare tutti. Non possiamo che ringraziare il cielo che sia andata così».

Continua a leggere

A rischio per la pioggia i Natali subacquei

 La Spezia

Il maltempo e la pioggia battente di questi giorni, con conseguente mare agitato, rischiano di far saltare le rappresentazioni subacquee della natività organizzate in tutto il golfo. La manifestazione più antica era in programma a Tellaro, organizzata dall’Us Tellaro e dalla borgata marinara “Giovanni Battistelli”, iniziata il 24 dicembre 1970 ed arrivata alla 41° edizione. Ci doveva essere un coro gospel alla Marina alle 22 e dalle 23 alle 23,30 l’immersione dei subacquei della Fias nelle acque di fronte alla scogliera illuminata da migliaia di lumini. Purtroppo per la frana all’Eco del Mare e per il perdurante maltempo questa manifestazione, che si doveva chiudere con uno spettacolo pirotecnico, è stata annullata. 

Fonte

Maltempo, fino a 300 euro rimborsi per automobilisti

L'associazione dei consumatori Adoc annuncia che è stato trovato un accordo tra la società Austrade e la consulta per la sicurezza stradale

 
ROMA - Fino a 300 euro, più il rimborso del pedaggio, per coloro che sono rimasti bloccati sull'a1 per 23 ore, a causa del maltempo, la scorsa settimana. Lo annuncia l'associazione dei consumatori Adoc annunciando che è stato trovato un accordo tra la società Autostrade e la consulta per la sicurezza stradale. Il pedaggio, spiega l'Adoc, verrà rimborsato a tutti coloro che sono rimasti bloccati sull'autostrada a1 nel tratto Valdarno-Firenze sud; previsto, oltre al rimborso del pedaggio, un ulteriore rimborso di 300 euro per chi è rimasto bloccato oltre le ore 23, un rimborso di 100 euro in viacard più il rimborso del pedaggio per chi è rimasto fermo dalle 20 alle 23, per chi è rimasto bloccato fino alle 20 è previsto solo il rimborso del pedaggio. Casi particolari saranno invece affrontati in sede di conciliazione.

Continua a leggere

 

Università, via libera alla riforma Napolitano: "Ascolto ma decide il Governo"

A Palazzo Madama ok definitivo al ddl Gelmini. Durissimo scontro in aula tra maggioranza e Pd con insulti alla presidente Finocchiaro. Gasparri costretto a chiedere scusa. Il Terzo Polo vota diviso. Gli studenti: "Esito scontato, ma la protesta non si ferma".

ROMA - Il Senato ha approvato la riforma dell'Università. I voti favorevoli sono stati 161, i contrari 98 e 6 gli astenuti. Hanno votato a favore Pdl, Lega e Fli. Hanno votato contro Pd e Idv. Si sono astenuti (anche se al Senato vale come voto contrario) Udc, Api, Svp e Union Valdotaine. Alla prima prova in aula, il neonato Terzo Polo non è riuscito quindi a trovare una posizione comune, complice anche il fatto che i quattro schieramenti principali che lo compongono alla Camera avevano votato in maniera diversa. Il 30 novembre, l'Api di Rutelli si era astenuto mentre Fli e Mpa avevano votato a favore e l'Udc aveva votato contro. Intanto il capo dello Stato Giorgio Napolitano, dopo l'incontro con il movimento degli studenti, specifica: "Io ascolto a 360 gradi ma astenendomi dall'esprimere qualsiasi opinione di merito su scelte legislative che appartengono alle responsabilità del governo e del Parlamento".

Continua a leggere

 

Berlusconi attacca i giudici "Sono un'emergenza democratica"

ROMA - La riforma della giustizia "è necessaria, perché è un'emergenza grave, in quanto le indebite ingerenze della magistratura su altri poteri dello Stato costituiscono una vera emergenza democratica". Silvio Berlusconi intervenendo a Mattino 5, torna all'attacco dei giudici e promette che la riforma della giustizia "sarà completata entro la fine della legislatura". Il premier ha ribadito che alcune sentenze di tribunali e "perfino della Corte Costituzionale sono spesso politicamente orientate" e ha citato Sandro Pertini secondo cui "la magistratura non deve solo essere imparziale, ma anche apparire imparziale". Poi è tornato a corteggiare l'Udc di Pierferdinando Casini. "Vedremo - aggiunge - se lui ha perso una grande occasione: poteva sostituire con i sui parlamentari i parlametari di Fli. Speriamo che si ravveda". Quanto alla sua successione: "Abbiamo una serie di protagonisti del governo del Pdl che stanno davvero diventando classe dirigente. Fra questi ce ne sono alcuni che in un prossimo futuro potrebbero assumersi la responsabilità di governare il paese".

Fonte

giovedì 23 dicembre 2010

Vercelli,avvistate 15enni scomparse

Segnalazioni a Milano e nella periferia

 

Pare essere giunto a conclusione il giallo delle due 15enni di Vercelli scomparse dallo scorso sabato. Nicole Donis e Fatima Dermouni sono state avvistate a Milano e nell'immediata periferia del capoluogo lombardo. La questura ha ricevuto numerose segnalazioni dopo che il caso è stato trattato dalla trasmissione televisiva 'Chi l'ha visto?', e le sta verificando. I cellulari delle due ragazze continuano a risultare spenti.

Vercelli,avvistate 15enni scomparse
Intanto è ritenuta attendibile quella del gestore di un kebab-restaurant di Novara che dice di averle viste insieme nel suo locale domenica. E' confermata, dunque, l'ipotesi dell'allontanamento volontario.

Fonte

Benitez non è più il tecnico dell'Inter

Risolto il contratto con il tecnico spagnolo: accordo consensuale con reciproca soddisfazione. All'allenatore dovrebbe andare una buonuscita di tre milioni. Leonardo pronto a firmare

di STEFANO SCACCHI

MILANO - E' durata poco più di sei mesi l'esperienza nerazzurra di Rafa Benitez. Arrivato a giungo, lascia all'antivigilia di Natale. Al secondo round negoziale tra il suo agente Manuel Garcia Quillon e i dirigenti dell'Inter, le parti hanno raggiunto l'accordo. Dopo tre ore di trattativa nello studio del vicepresidente nerazzurro Rinaldo Ghelfi, nel pieno centro di Milano e non distante dagli uffici della Saras della famiglia Moratti, alla presenza anche dell'avvocato Angelo Capellini e del direttore tecnico Marco Branca, è arrivata l'attesa separazione consensuale. Sul sito ufficiale dell'Inter è apparso l'annuncio congiunto tra l'Inter e Benitez che comunicano il raggiungimento di "un accordo per la risoluzione anticipata del rapporto di lavoro consensualmente e con reciproca soddisfazione".  

Continua a leggere 

"Il Power Balance senza riscontri" Dall'Antitrust multa da 350 mila euro

Secondo i testi dell'Istituto Superiore di Sanità, il braccialetto venduto come oggetto in grado di incidere su equilibrio e forza fisica non ha nessuna delle qualità reclamizzate. Distributori sanzionati per pubblicità ingannevole, ma nessun pericolo per la salute

 


ROMA
- Multa Antitrust da 350mila euro alle società che hanno distribuito e commercializzato in Italia il braccialetto Power Balance, diventato un must dell'estate 2010. L'Autorità guidata da Antonio Catricalà ha deciso di sanzionare le aziende Power Balance Italy e Sport Town, rispettivamente per 300mila e 50mila euro, per la mancanza di un riscontro scientifico alle 'millantate' caratteristiche del gadget, ovvero la capacità di incidere sull'equilibrio e la forza fisica. In sostanza, i consumatori sono stati indotti all'acquisto con un messaggio scorretto. Non è emersa comunque nessuna controindicazione per la salute e la sicurezza dei consumatori.

Continua a leggere

 

Riforma Gelmini. Si del Senato. E' Legge, almeno che...

ROMA - Norme contraddittorie. I dubbi sul testo della riforma Gelmini arrivano anche al Quirinale. Perplessità tecniche e non sul merito del provvedimento. Perché dopo il pasticcio combinato martedì scorso dal vicepresidente del Senato Rosi Mauro, nel testo sono spuntate alcune incoerenze che hanno colpito il Colle. Al punto che il capo dello Stato avrebbe manifestato il suo imbarazzo a firmare la legge in contatti con il presidente del Senato, Renato Schifani e con Gianni Letta, il sottosegretario-ombra di Berlusconi.

Continua a leggere

In Italia aumenta l'uso di internet ma siamo in coda per accesso e banda larga


ROMA - E' cresciuto in Italia l'uso delle tecnologie nel 2010 ma le famiglie italiane sono ancora indietro rispetto all'Europa per quanto riguarda la penetrazione di internet e della banda larga. E' questa l'indicazione che emerge dall'indagine realizzata dall'Istat sulle tecnologie e il loro utilizzo da parte degli italiani. "Rispetto al 2009 - dice l'Istat - cresce la quota di famiglie che possiede il personal computer (dal 54,3% al 57,6%), l'accesso ad internet (dal 47,3% al 52,4%) e che dispone di una connessione a banda larga (dal 34,5% al 43,4%). Malgrado i progressi, tuttavia, l'Italia continua a rimanere indietro rispetto a molti dei paesi della Ue sia rispetto al possesso di internet sia alla qualità della connessione. Fanno peggio di noi solo Grecia, Bulgaria, Romania.


Continua a leggere

Treni regionali, da febbraio rincari del 25 per cento

Dal 1 febbraio in Liguria i biglietti dei treni regionali subiranno un rincaro del 25% e gli abbonamenti del 15%, a causa dei tagli ai finanziamenti per il trasporto pubblico locale della manovra finanziaria varata dal Governo. L’accordo sottoscritto ieri da Regione Liguria e associazioni dei pendolari prevede inoltre la soppressione di 19 convogli sui 290 circolanti nei giorni feriali e 27 convogli su 205 nei giorni festivi. 

Continua a leggere

Allerta maltempo su Genova Situazione disastrosa in A10 Un’altra frana nello Spezzino




Continua l’allarme per il maltempo a Genova, dove è scattata l’annunciata allerta meteo di livello 1, che si protrarrà sino alle 15 di domani.
Dalla tarda serata di ieri, una pioggia battente è caduta sulla città e i dintorni, e molti allagamenti si sono verificati sulle autostrade: sull’A10, fra le 10.30 e le 13 è stato addirittura sconsigliato il transito fra Arenzano e Genova, dove ancora alle 12.30 erano previsti tempi di percorrenza vicini alle due ore (ma si sono sfiorate anche le tre ore), a causa della presenza di acqua sul manto stradale; sull’A26, ci sono state a lungo code a scendere da Masone verso Voltri proprio a causa del blocco dell’A10; sull’A7, parzialmente allagata la galleria Zella, subito dopo la barriera di Genova Ovest, mentre un camion è finito fuori strada all’altezza del casello di Busalla, che è stato chiuso intorno alle 11 e poi riaperto.

Nella foto il masso caduto ieri pericolosamente vicino a una casa in provincia di Imperia

Continua a leggere

Nuvole e temporali un Natale con l'ombrello

In arrivo una perturbazione atlantica che porterà cattivo tempo su tutta l'Italia. Fra oggi e domenica pioggia su tutte le regioni. Allagamenti a Genova, problemi in Toscana

 

ROMA - Sotto l'albero mettete anche un ombrello, sarà utile a chi lo riceverà. Dal punto di vista meteorologico non sarà un Natale sereno, a causa dell'avvicinamento al Mediterraneo di quella che gli esperti definiscono una "saccatura atlantica" che poi di fatto è una perturbazione che porterà con sé vento e tempo instabile. Si comincia dalle regioni settentrionali, poi si passa a centro e Campania.

IL METEO IN TEMPO REALE 1

Pacchi bomba alle ambasciate Due feriti, uno rischia di perdere una mano

Falso allarme all'ambasciata dell'Ucraina, ordigno esploso all'ambasciata del Cile. Plico esploso nell'ambasciata svizzera, nel momento in cui il dipendente della sede diplomatica lo ha aperto. L'uomo rischia l'amputazione della mano sinistra. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per attentato con finalità di terrorismo. Verifiche in tutte le ambasciate

ROMA - Due ordigni sono esplosi oggi a Roma in altrettante ambasciate, ferendo gli addetti alla posta. Falso allarme all'ambasciata dell'Ucraina: si era parlato di un plico bomba non esploso, ma le verifiche hanno smentito la notizia, si trattava solo di un biglietto di auguri. Sono in corso verifiche in tutte le ambasciate e sedi diplomatiche a Roma. Un ordigno è invece esploso all'ambasciata del Cile in via Po, ferendo una persona in modo non grave. Poche ore prima, una busta esplosiva recapitata presso l'ambasciata svizzera a Roma aveva provocato il ferimento di un addetto della sede diplomatica.


Continua a leggere

Fondo da 400 milioni al 5 per mille Proroga per le "case fantasma"

Approvato il decreto legge: nel pacchetto solidarietà cento milioni a ricerca e assistenza sulla Sla; i soldi recuperati dai tagli all'editoria ed alle tv locali. Confermati per sei mesi gli incentivi al cinema, ma saltano i soldi per il Fondo unico per lo spettacolo e il piano Pompei. Gli obblighi fiscali slittano per gli alluvionati del Veneto e non per i terremotati dell'Aquila

 

Il ministro Giulio Tremonti ROMA - Arrivano 300 milioni per il cinque per mille ed altri 100 sono destinati a interventi in tema di sclerosi laterale amiotrofica (Sla) per ricerca e assistenza domiciliare dei malati. E' una delle misure contenute nel cosiddetto decreto Milleproroghe approvato oggi dal consiglio dei ministri. Nel testo si legge che "le risorse complessive destinate alla liquidazione della quota del 5 per mille nell'anno 2011 sono quantificate nell'importo di euro 400.000.000; a valere su tale importo, una quota pari a 100 milioni di euro è destinata a interventi in tema di sclerosi amiotrofica per ricerca e assistenza domiciliare dei malati".


Continua a leggere

mercoledì 22 dicembre 2010

Vercelli, un'altra ragazza scompare nel nulla: da sabato nessuna notizia...

Dopo Yara Gambirasio, la 13enne scomparsa a Brembate Sopra (Bergamo) il 26 novembre scorso, a Vercelli non si hanno più notizie di una 15enne. I genitori della giovane Nicole Donis hanno raccontato alla polizia che la loro figlia sarebbe uscita di casa sabato, 18 dicembre, intorno alle ore 20:00, dicendo di andare a fare compagnia ad un’amica, di origine marocchine, che era stata sfrattata ed era costretta a dormire in un garage.

 

Continua a leggere

"Se quei sei si comportano bene la prossima volta vanno a Roma"

Le manovre per le elezioni regionali della primavera di quest'anno. Le parole ai suoi del boss Pelle. Le microspie registrano gli incontri in una casa di Bovalino, nella Locride

dal nostro inviato ATTILIO BOLZONI


REGGIO CALABRIA - A casa Pelle vanno in scena le "primarie" del centrodestra di Reggio. Pelle Giuseppe da San Luca, boss della 'ndrangheta, sorvegliato speciale con obbligo di firma. A casa Pelle, si decide chi sale e chi scende dalla giostra della politica calabrese.

Davanti al suo "domicilio coatto" c'è sempre la fila. Ogni volta che si va a votare, quelli sono là con il cappello in mano. "Loro hanno bisogno di noi", ricorda un mafioso al suo capo. E loro, quei candidati, si presentano in massa. Il boss li riceve a corte. Le elezioni sono quelle del Consiglio regionale della primavera di questo 2010, si traffica su appalti e trasferimenti di detenuti al 41 bis, però quello che i candidati veramente vogliono è raggiungere "un accordo" a vita con chi comanda. Sfilano e s'inchinano molti di quelli che corrono nella lista "per Scopelliti Presidente", il governatore voluto da Berlusconi, "l'uomo giusto per la Calabria", l'ex sindaco "più amato dagli italiani" che con oltre il 70 per cento dei consensi nella provincia di Reggio ha seppellito il centro sinistra. Sono amministratori comunali, avvocati, imprenditori. E medici come Santi Zappalà, sindaco di Bagnara, il più fortunato, il prescelto dai Pelle di San Luca. 


Continua a leggere

Riforma Gelmini al rush finale gli studenti incontrano Napolitano "Il Presidente è il nostro unico interlocutore"

L'esame del disegno torna all'esame del Senato, dopo una battaglia ostruzionistica dell'opposizione. Il voto rimandato a domani. Intanto il movimento fa sentire la sua voce con manifestazioni lontano dalla zona rossa e "flash mob" in tutte le città d'Italia. Circa 30 mila gli studenti in corteo a Roma, assalti al 'Secolo XIX' a Genova, cariche della polizia a Milano. Gli studenti dopo l'incontro col Capo dello stato: "Disposto ad ascoltare le nostre proposte" 

Fonte

Haiti, 300 bimbi a Parigi per le adozioni. Commozione e polemiche

Spaventati, in lacrime, abbracciati ai loro nuovi genitori. Sono arrivati stamattina a Parigi i primi bambini haitiani che sono stati adottati dalle famiglie francesi dopo il terremoto nell'isola del gennaio scorso. Oltre trecento piccoli rimasti orfani hanno viaggiato a bordo di un aereo di Stato per raggiungere la loro nuova casa in Francia. All'aeroporto di Roissy, un'apposita area del Terminal 2 è stata riservata per loro, con l'assistenza di medici e psicologici per accoglierli. Scene di commozione, quando i neo-genitori hanno per la prima volta, dopo una lunga attesa, potuto abbracciare i figli adottivi. Le famiglie francesi chiedevano da tempo di velocizzare le procedure, ma il ministero degli Esteri temeva di non rispettare tutte le regole e garanzie per i bambini previste nel caso di adozioni internazionali 

Le foto

Vinci: ''Nel giorno più buio, Berlusconi è luce''

Matrix, in apertura del programma Alessio Vinci presenta così il presidente del Consiglio. E il video fa il giro della Rete

Il video

Parco dello Stelvio smembrato Il Pd: "Il prezzo della fiducia"

Il Consiglio dei ministri affida la gestione del Parco nazionale agli enti locali. La Prestigiacomo era contraria. L'opposizione: "Scambio vergognoso e norma incostituzionale. Premiati gli autonomisti altotestini della Svp dopo l'astensione sulla sfiducia"



ROMA - Il debito con l'Svp, che si è astenuto sulla fiducia, è saldato. Almeno è questo l'accusa delle opposizioni. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo che modifica la disciplina del Parco nazionale dello Stelvio smembrandone la gestione sin qui unitaria a favore delle amministrazioni locali. Il passaggio, fortemente gradito alla provincia autonoma di Bolzano, per stessa ammissione della Svp era stato promesso da Berlusconi agli autonomisti altoatesini in cambio dell'astensione in occasione del voto sulla mozione di sfiducia dello scorso 14 dicembre.  "Non ci hanno detto se votate la fiducia vi daremo questo o quell'altro ma è vero - aveva ammesso la settimana scorsa il leader della Sudtiroler Volkspartei, Luis Durnwalder - che su due o tre cose ci sono state trattative con Tremonti e Calderoli".

Continua a leggere

Prestigiacomo sfiduciata dal Pdl "Me ne vado, ma resto ministro"

La responsabile dell'Ambiente sconfessata dal suo stesso gruppo a Montecitorio annuncia in lacrime il passaggio al gruppo Misto: "Ne parlerò con Berlusconi". La solidarietà della Carfagna. Decisivo l'apporto dell'ex Fli Moffa. Le opposizioni: "Maggioranza allo sbando"

 

ROMA - Nella maggioranza appena uscita per il rotto della cuffia dalla prova di forza con Fli sulla sfiducia, scoppia la grana Prestigiacomo. Al culmine di una lunga serie di dissapori e veri e propri incidenti di percorso con vari colleghi del centrodestra e del governo, il ministro dell'Ambiente ha annunciato la sua uscita dal Pdl. Visibilmente scossa, quasi in lacrime, la Prestigiacomo parlando con i cronisti in Transatlantico ha spiegato: "Non mi riconosco più nel Pdl, pertanto resterò al governo, ma mi dimetto dal gruppo e mi iscriverò al Misto". "Parlerò direttamente a Berlusconi" della vicenda, ha poi aggiunto.


Continua a leggere

Barbara Berlusconi attacca la Carfagna "Dovrebbe avere il pudore di tacere"

"Dai Telegatti a ministro, di cosa si lamenta?" dichiara la figlia del premier a Vanity Fair. E se Berlusconi ha portato le showgirl in Parlamento "gli italiani le hanno votate". Poi Barbara ammette: "Quelle che mio padre chiama 'debolezze' hanno inciso sulla sua vita e sulla sua politica"

 

 
ROMA - Riuscirà Mara Carfagna a farsi scivolare addosso anche l'attacco frontale di Barbara Berlusconi, così come è accaduto con le provocazioni di Alessandra Mussolini 1? In un'intervista a Vanity Fair, che le dedica la copertina, la figlia del premier definisce "grave" che il ministro per le Pari Opportunità "trovi il coraggio di lagnarsi. A volte bisogna avere il pudore di tacere. Se si sente discriminata lei, che dai Telegatti è diventata ministro, la cosa assume dimensioni ancora più grottesche". "Vedere certe signorine girare in auto blu - rincara la figlia del premier - non fa bene all'immagine del Paese, perché davvero si fatica a coglierne i meriti".

Continua a leggere

 

Riforma Gelmini al rush finale E gli studenti tornano in corteo

LA DIRETTA. Previste iniziative in tutta Italia. A Roma non è stata chiesta autorizzazione: "Sfileremo pacificamente e a sorpresa". Lettera a Napolitano: "Presidente, non firmi". Prosegue l'iter in Senato, voto finale oggi o domani. Ieri il caso Mauro: la vicepresidente leghista di turno perde il controllo dell'aula, accelera i voti e fa passare 4 emendamenti Pd. Schifani decide la ripetizione 

Fonte

martedì 21 dicembre 2010

Il meteo delle feste: neve soltanto dopo Natale Il colore dominante del tempo sarà il grigio, pranzo del 25 dicembre con la pioggia

ROMA, 21 DICEMBRE - Bianco Natale? Non per quest' anno. Il colore dominante delle feste sarà infatti il grigio e la neve si farà vedere soltanto dopo il 25 dicembre. Foschie e piogge intermittenti faranno da fondale al Natale del 2000.
Da venerdì fino al giorno di Natale il grigio non darà tregua all'intera penisola e chi sperava di risvegliarsi sotto la neve dovrà aspettare Santo Stefano. Lo spettacolo, comunque, durerà soltanto ventiquattro ore e andrà in scena solo in montagna.
Nessun problema in Trentino e Val d'Aosta per chi ha deciso di indossare giacche a vento, scarponi e sci: la neve oltre i 1400 metri c'è, il freddo anche, il manto naturale solo per sicurezza viene rimpinguato dalla neve artificiale sparata dai cannoni. Tra le perle delle Dolomiti, per esempio, a San Martino di Castrozza sono aperti 24 impianti di risalita, 65 sono i chilometri delle piste percorribili (3 chilometri di fondo); a Madonna di Campiglio si scia su tutte le piste, per un totale di 100 chilometri. In Val d'Aosta, invece, le piste aperte agli sciatori coprono un percorso complessivo di 878 chilometri, 300 sono i chilometri del fondo e 172 gli impianti di risalita.
Per quanto riguarda le condizioni meteo, è in agguato un lento peggioramento su tutta la penisola. Secondo le previsioni del Servizio meteorologico dell'Aeronautica militare, infatti, già domani le nuvole copriranno l'Italia, lasciando spazio a piogge e anche qualche temporale sulle regioni sud-orientali (Puglia, Calabria e Basilicata in particolare), su Sicilia e Sardegna. Un passeggero miglioramento è previsto per sabato e domenica, ma i preparativi per il cenone della vigilia si svolgeranno comunque all'insegna della nuvolosità.


Continua a leggere

Addio a Enzo Bearzot ct dell'Italia Mundial

Aveva 83 anni, le sue foto con Pertini sono sui libri di storia. Guidò la squadra in tre campionati del mondo

 Addio a Enzo Bearzot ct dell'Italia Mundial  Enzo Bearzot

MILANO - E' morto a Milano Enzo Bearzot, ct campione del mondo dell'Italia nel 1982. Il "vecio", allenatore amatissimo, se n'è andato in silenzio, rarissime le sue interviste negli ultimi anni. Era nato nel settembre del '27, aveva dunque 83 anni. La sua foto con Pertini, e in mezzo la Coppa del Mondo, è sui libri di storia. E' stato un esempio di stile e compostezza, sia da calciatore che da allenatore.

E' stato alla guida della Nazionale, dal '75 al 1986. Esordì con un Italia-Finlandia 0-0. Giocò ct in tre Mondiali, ottenendo un insperato quarto posto in Argentina. Un Mondiale in cui sbocciarono giovani come Gentile, Cabrini, Scirea, Tardelli e Paolo Rossi. Un gruppo fantastico che poi Berazot avrebbe portato alla vittoria nel Mondiale del 1982. E fu per le ragioni del cuore che confermò un gruppo ormai sfiorito nel 1986, quando la Nazionale fu eliminata in Messico agli ottavi di finale dalla Francia di Platini. Fu la sua ultima partita alla guida della squadra azzurra.


Continua a leggere

 

I siti che ci inseguono "Sappiamo dove siete"

Boom delle "app" su smartphone, privacy a rischio. E una inchiesta del Wsj rivela che le applicazioni raccolgono i dati e possono inviarle ad aziende esterne di TIZIANO TONIUTTI  

SI CHIAMANO smartphone, ovvero telefonini "intelligenti". E sono in grado di far funzionare "app", applicazioni di ogni tipo: social network, giochi, guide ai ristoranti, musica. Ma proprio le "app" possono nascondere al loro interno rischi per la privacy. E questo grazie ad alcune funzionalità che permettono di inviare all'esterno informazioni di vario tipo.

Continua a leggere

'Ndrangheta e voto di scambio Tra i 12 arresti un consigliere Pdl

In manette anche 4 candidati del centrodestra

Inchiesta a Reggio Calabria per associazione mafiosa e corruzione elettorale aggravata. Nel mirino il presunto condizionamento esercitato dalla cosca Pelle di San Luca in occasione delle ultime elezioni. Tra gli arrestati Santi Zappalà (foto), del Popolo delle libertà, Antonio Manti, Pietro Nucera, Liliana Aiello e Francesco Iaria

Fonte

Napoli ancora sotto la spazzatura è fallito il miracolo di Natale

Cumuli ovunque: ieri per le strade della città c'erano 2.200 tonnellate non raccolte. Nonostante le ripetute promesse di Berlusconi la situazione non è cambiata di CRISTINA ZAGARIA 

Napoli ancora sotto la spazzatura è fallito il miracolo di Natale  

NAPOLI - Camion carichi di rifiuti che rimangono ore (giorni) in fila davanti agli stabilimenti. Camion che tornano indietro, senza scaricare. Camion che non riescono a tenere il ritmo della città. Seguendo gli autocompattatori stipati di immondizia, che fanno il giro dell'oca, si comprende la schizofrenia di una città che torna in emergenza e si prepara a passare un Natale sommersa dai rifiuti, tra scioperi, inchieste della magistratura per infiltrazioni mafiose nei cda delle aziende che gestiscono la raccolta e cittadini esasperati per le strade invivibili e il paradosso degli aumenti in bolletta per la Tarsu.

Continua a leggere

lunedì 20 dicembre 2010

Napolitano: "Proteste spia di disagio" Gasparri: "Potenziali assassini nei cortei"

Oggi, dalle 11 alle 14, in ogni facoltà della Sapienza sono previste assemblee degli universitari; nel pomeriggio, alle 17,30, è prevista un'assemblea di ateneo all'interno della facoltà di Lettere. "Decideremo quali saranno le nostre iniziative di protesta e come metterle in atto, probabilmente mercoledì ci sarà una manifestazione, ma ne parleremo in queste ore" spiegano gli studenti. Il capogruppo al Senato del Pdl insiste: ""Voglio fare un appello: genitori, dite ai vostri figli di stare a casa. Quelle manifestazioni sono frequentate da potenziali assassini. Vanno evitate". Iniziato al Senato l'esame della riforma Gelmini. 

Fonte

Evasione da 1,7 miliardi Indagati 9 manager Eni

La Guardia di Finanza notifica gli avvisi di chiusura delle indagini. I pm di Milano ipotizzano una maxi violazione della legge sulle accise del gas. Il reato sarebbe avvenuto dal 2003 al 2009

MILANO - Nove manager dell'Eni sono indagati per una presunta violazione della legge sulle accise del gas, con tasse non pagate per un valore di circa 1,7 miliardi di euro. E' quanto emerge dagli avvisi di chiusura delle indagini notificati dalla Guardia di Finanza.

Continua a leggere

Cablo Usa: rapporto su morte Calipari costruito per evitare altre inchieste

WIKILEAKS

E' quanto si legge in un documento firmato dall'ambasciatore Usa in Italia, Mel Sembler, nel maggio 2005. Il governo Berlusconi voleva "lasciarsi alle spalle la vicenda" e "bloccherà i tentativi delle commissioni parlamentari di aprire indagini". Giuliana Sgrena: "Ora commissione d'inchiesta". Rosa Calipari: "Rapporti con gli Usa messi davanti alla verità"

 


ROMA - Il rapporto italiano sulla morte di Nicola Calipari in Iraq, almeno nella parte che definiva l'uccisione del funzionario dei servizi da parte di un posto di blocco americano come "non intenzionale", era costruito allo scopo di evitare ulteriori inchieste della magistratura italiana. Lo si legge in un cable siglato dall'ambasciatore Usa a Roma, Mel Sembler, nel maggio 2005, diffuso dal Guardian, media partner di Wikileaks.

Guardian 1 il cablo sul rapporto Calipari

SPECIALE 2: il database dei cablogrammi segreti

Il governo Berlusconi, secondo il documento, voleva "lasciarsi alle spalle" la vicenda, che comunque non avrebbe "danneggiato" i rapporti bilaterali con Washington e non avrebbe nuociuto all'impegno militare italiano in Iraq. Nicola Calipari fu ucciso la notte del 4 marzo 2005. L'agente era in un'auto dei servizi assieme alla giornalista Giuliana Sgrena, appena rilasciata dai suoi rapitori dopo una lunga mediazione. L'auto si dirigeva all'aeroporto di Bagdad quando dal check-point americano partirono alcuni colpi d'arma. Calipari fece scudo col suo corpo per difendere la giornalista e fu ucciso da un proiettile alla testa. Il soldato che sparò fu poi identificato in Mario Lozano, addetto alla mitragliatrice al posto di blocco.

Continua a leggere

 

Gasparri propone arresti preventivi Le opposizioni: "Annuncio di fascismo"

Protesta studentesca

Il capogruppo dei senatori del Pdl fa riferimento alla "retata" del 1979. La Russa frena: "Bastano le leggi che ci sono". Veltroni: "Prefetto convochi insieme studenti e forze di polizia". Vendola: "Gasparri da giovane era un teppista". L'appello di Roberto Saviano

 
ROMA - "Invece delle sciocchezze che vanno dicendo i vari Cascini e Palamara, qui ci vuole un 7 aprile. Mi riferisco a quel giorno del 1978 in cui furono arrestati tanti capi dell'estrema sinistra collusi con il terrorismo". Così il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, in merito alle polemiche seguìte alla scarcerazione dei ragazzi fermati 1 lo scorso 14 dicembre durante gli scontri a Roma. Il 7 aprile del 1979 (e non del 1978, come erroneamente afferma Gasparri) fu il giorno in cui, con un'enorme retata, le forze dell'ordine arrestarono diverse persone, prevalentemente legate a Autonomia operaia, accusate a vario titolo di appartenere alle frange dell'eversione. Fra gli arrestati c'era anche Toni Negri, sospettato di essere il capo delle Brigate rosse. 

Continua a leggere

 

domenica 19 dicembre 2010

Il giovane misterioso, le immagini degli scontri

Ecco il video che mostra il personaggio al centro delle polemiche e che secondo alcuni potrebbe essere un agente provocatore infiltrato

Il ragazzo con il giubbotto beige è il protagonista delle polemiche sulla presenza di agenti infiltrati negli scontri di Roma. In queste immagini dell'agenzia Prospekt, la stessa che ha realizzato molte delle foto pubblicate da L'espresso, viene mostrato in diversi momenti degli scontri.


Il video

Brucia casa nel Beneventano, 5 morti fra cui 2 bambini

BENEVENTO - Cinque persone di cui 2 gemellini di 3 anni, sono morti in un incendio di una casa rurale a Cusano Mutri in provincia di Benevento.  Le vittime del rogo sono Genoveffa Vitelli, di 44 anni ed i figli Simone Tammaro, di 26, Giovanni, di 24 ed i gemellini Antonio e Carlo di tre. E' rimasto ferito ed e' ricoverato in ospedale il marito della donna, Rocco Tammaro, di 51 anni. Il padre di quest'ultimo, Simone Tammaro e' sotto choc ed e' stato anch'egli portato in ospedale.

Fonte

La Cgia: Cresce il debito delle famiglie La media sfiora i 20mila euro

Dal settembre 2008, inizio della grave crisi finanziaria internazionale, al settembre di quest'anno l'indebitamento medio nazionale è cresciuto del 28,7%. Il record spetta alle famiglie della provincia di Grosseto: +48% in due anni, ma le più esposte con gli istituti si trovano a Roma. Concentrata a Sud la "sofferenza" nella restituzione del credito

ROMA - Dal settembre 2008, ovvero dall'inizio della crisi finanziaria internazionale, al settembre di quest'anno, l'indebitamento medio nazionale delle famiglie è cresciuto del 28,7%. E, allo stesso mese di settembre 2010, le famiglie italiane hanno accumulato un indebitamento medio che sfiora ormai i 20mila euro, per la precisione 19.491 euro, maturato a seguito dell'accensione di mutui per la casa, dai prestiti per l'acquisto di beni mobili, dal credito al consumo, dai finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili. 

Continua a leggere

Minzolini taglia il video dei pestaggi a Roma


Ieri sera il Tg1 ha lanciato un servizio a firma Flavia Lorenzoni. Lo scopo? Sostenere che i tanti video “rimbalzati sul web” che volevano accreditare la tesi della presenza di infiltrati delle forze dell’ordine nella manifestazione “si sono rivelati delle bufale“.

Già qui la prima colpevole confusione. Nessuna delle foto e dei filmati pubblicati su internet sono “bufale”, al limite l’interpretazione che individuava in alcuni soggetti dei potenziali “infiltrati” può essere ad oggi considerata destituita di fondamento. Un Telegiornale ansioso di raccontare i fatti avrebbe detto questo: “I filmati che accreditavano come infiltrati alcuni manifestanti violenti mostrano in realtà soggetti non legati in alcun modo alle forze dell’ordine“. Il Tg1 di Minzolini, si sa, ha ben altre aspirazioni, un’altra linea e troppo spesso prende cantonate quando si tratta di raccontare gli eccessi delle manifestazioni di protesta contro il governo.


IL VIDEO ORIGINALE