mercoledì 29 febbraio 2012

No Tav, scontri in autostrada Procede lo sgombero della A32

La polizia sta liberando la Torino-Bardonecchia dalle barricate dei No Tav. Circondati e malmenati a Chianocco gli operatori del "Corriere.tv". Il presidente della comunità montana Plano incontra il prefetto e chiede lo stop al cantiere e la sospensione delle proteste nel weekend. Occupata e poi riaperta la stazione di Bussoleno. Il ministro Cancellieri: "Dialogo, ma con fermezza".

 

Giornata di violenza in Val Susa. Mentre, nella "guerriglia" dei blocchi stradali, un gruppo di una ventina di No Tav ha cominciato a rallentare il traffico nei due sensi all'uscita di Rivoli della tangenziale di Torino, la polizia sta sgomberando l'autostrada A32 Torino-Bardonecchia dai blocchi stradali attuati dai No Tav all'altezza di Chianocco. In un paesaggio segnato dagli incendi delle barricate e da alte colonne di fumo, tra sassaiole e lanci di lacrimogeni e di idranti, le forze dell'ordine si sono fatte avanti per liberare l'arteria. In questo momento gli ultimi cinquanta "irriducibili" che si erano seduti sulla carreggiata opponendo resistenza passiva vengono portati via di peso, uno a uno, dagli agenti. Qualcuno avrebbe anche ricevuto qualche colpo di manganello.

Guarda le immagini dello sgombero

I dimostranti portati via a braccia


Continua qui

Maledizione Costa per due fratelli: lui sulla Concordia, lei sull'Allegra


La maledizione della Costa Crociere. Madre e padre inglesi angosciati: prima il figlio sulla Concordia, ora la figlia sull'Allegra 
La maledizione della Costa Crociere. 
Madre e padre inglesi angosciati: prima il figlio sulla Concordia, ora la figlia sull'Allegra
 
Una maledizione? Due figli colpiti, uno dopo l'altro, dal destino delle due infauste navi della Costa Crociere. Un padre e una madre increduli e angosciati. La figlia Rebecca, ballerina, è intrappolata in queste ore sulla Costa Allegra alla deriva al largo delle Seychelles. Il figlio James, anche lui ballerino, era stato salutato come eroe della Costa Concordia per avere fatto da "scala umana" per aiutare i passeggeri terrorizzati a fuggire quando la nave è naufragata, il 13 gennaio, davanti all'isola del Giglio.
Le foto dei due giovani, fratello e sorella, 19 anni lui e 23 lei, spiccano sulla homepage del sito del Daily Mail . In mezzo a loro, una nave da crociera. Il padre, Mark Thomas, parla della sua "incredulità" quando ha saputo che la figlia era sulla Costa Allegra, poche settimane dopo che il figlio ha vissuto la tragedia della Concordia, scrive il tabloid

Continua qui 

Carnival ripenserà al marchio Costa

Peschereccio traina in salvo la Costa, "È stato terribile, portateci a casa"

La nave trainata da un peschereccio, i passeggeri domani a Mahé. Gli elicotteri lanciano cibo sul ponte.

PAOLO COLONNELLO
inviato a Mahè(Seychelles)
È calma piatta. Con un’afa opprimente che inizia a rendere insopportabili gli effluvi di ogni genere sprigionati dalla nave, restituendo nel tremolio di una nebbia leggera l’immagine di un gigante ferito e scintillante sotto il sole, che si muove lentamente in mezzo al nulla dell’Oceano Indiano: non più di 6 nodi all’ora.
«La situazione però adesso è serena», fa sapere il comandante Nicolò Alba, un pugliese d’acciaio con anni di esperienza sul mare. È questa la fotografia scattata ieri dagli elicotteristi della Elicopter Seychelles che dalle prime luci dell'alba, partendo dal vicino atollo di Alphonse (20 miglia) hanno cominciato una spola incessante con la nave, non più alla deriva ma ancora a oltre 100 miglia dalla costa di Mahè, l’isola capitale delle Seychelles dove i disperati della Costa Allegra, trainati a turno da un peschereccio oceanico francese, il «Trevignon», e da un rimorchiatore, contano di riuscire ad approdare non prima di domattina.

Continua qui

No Tav, un'altra notte di blocchi. A fuoco le auto degli attivisti

Ancora chiusa l'A32 in Val Susa

Torino
È trascorsa senza grossi incidenti e la seconda notte di protesta ai blocchi che gli attivisti del movimento No Tav stanno attuando da lunedì mattina sull’autostrada A32 Torino-Bardonecchia, all’altezza dello svincolo di Chianocco (Torino), e sulla strada statale 25 del Moncenisio, sempre nei pressi di Chianocco.

Nel corso della notte, non lontano dai punti dove è in corso la protesta, sono andate a fuoco tre automobili, una catasta di legna e il telone di un Tir. La natura degli incendi, tutti spenti dai Vigili del fuoco, è da chiarire, ma i No Tav sostengono che si è trattato di gesti ai loro danni. Per Luigi Casel, uno dei leader No Tav - sono «evidentemente stati appiccati ai danni del movimento stesso».  «Poco dopo le auto - spiega Casel - sono stati dati al fuoco il telone di un Tir e un pallet in un deposito di legna. Tutto lascia pensare che siano opera della stessa mano».

Continua qui

martedì 28 febbraio 2012

Monti: meno tasse se tutti pagano

Il premier riunisce la task force anti evasione: recuperati  12 miliardi nel 2011, ma fare di più

L’amministrazione finanziaria accelera nella lotta all’evasione. È «un impegno ineludibile», ha sottolineato il premier e ministro dell’Economia Mario Monti perchè «se ognuno dichiara il dovuto, il fisco potrà essere più leggero per tutti». C’è un problema di risanamento ma soprattutto di equità, ha fatto notare Monti riunendo oggi al dicastero di via XX Settembre tutti gli ’stati maggiori' dell’amministrazione finanziaria. Oltre al vice ministro, Vittorio Grilli, e ai sottosegretari Vieri Ceriani e Gianfranco Polillo, erano presenti alla riunione i responsabili delle quattro Agenzie (Entrate, Dogane, Territorio, Demanio), dei Monopoli e della Guardia di Finanza. Una vera e propria «task-force» che si riunirà periodicamente per fare il punto sulle strategie e sulle azioni concrete per contrastare la piaga dell’evasione, un salasso per il Paese da oltre 100 miliardi di euro l’anno. «Nel 2011 grazie all’operato dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza sono stati recuperati 12 miliardi di euro. Ma si può e si deve fare di più», ha sottolineato ancora Monti presentando il suo Atto di indirizzo, ovvero la programmazione per il triennio 2012-2014 con tutte le indicazioni delle priorità, amministrazione per amministrazione.

Continua qui

 

Tapiri alla Fnsi e al direttore dell'Ansa

Nelle ultime settimane Striscia la Notizia ha smascherato lo strano caso della coppia, difesa dall’avvocato Giacinto Canzona, che avrebbe perso un figlio in seguito al naufragio della Concordia. La notizia ha avuto una grande eco su tutta la stampa italiana, che l’ha riportata senza avere effettuato alcun controllo, così come era successo per un sacco di altre vicende con protagonista lo stesso avvocato.

Continua qui

Incidente Val di Susa, scoppia la rabbia no Tav Stazioni bloccate, manifestazioni in tutta Italia

Cortei e sit in in solidarietà con l'attivista rimasto ferito in Piemonte. A Roma blitz a Termini e stop al traffico ferroviario per alcuni minuti. A Palermo dure contestazioni contro Bersani


ROMA - Decine di manifestazioni di solidarietà sono scattate in tutta Italia in segno di solidarietà con Luca Abbà, l'attivista no Tav rimasto gravemente ferito 1questa mattina in Val di Susa dopo essere caduto da un traliccio dell'alta tensione su cui era salito per protestare contro l'allargamento del cantiere della ferrovia ad alta velocità. Iniziative sono state organizzate a Roma, Milano, Torino, Firenze, Bologna e in ogni regione italiana, da Trieste a Cagliari, da Trento a Palermo, passando per centri minori come Reggio Emilia, Piacenza e Forlì. Ma oltre alle mobilitazione "reale", il movimento, con il sostegno della rete informale Anonymus, ha scatenato anche un blitz "virtuale" colpendo il sito web della polizia di Stato e quello dei carabinieri che sono stati mandati in tilt. 

Nella capitale la protesta ha assunto la forma di un rapido blitz alla stazione Termini nel corso del quale i militanti hanno bloccato per alcuni minuti i binari e danneggiato un treno Freccia Rossa. Gli attivisti si sono poi spostati nei dintorni di Termini, prima a Porta Maggiore, poi a San Lorenzo e su via Tiburtina, all'imbocco della Tangenziale Est, paralizzando il traffico della zona.

Blocco dei treni pure a Bologna 2 con l'irruzione di un gruppo di manifestanti sui primi tre binari della stazione Centrale attraverso un ingresso secondario. Poco prima, all'arrivo del corteo, un reparto di poliziotti e carabinieri in tenuta antisommossa aveva impedito all'ultimo momento ai manifestanti di entrare nell'atrio. "Assassini, assassini", le urla dei manifestanti. Momenti di tensione con tafferugli e manganellate. Alle 20 i manifestanti hanno lasciato liberi i binari. Il "Frecciarossa" bloccato ha avuto 30 minuti di ritardo ed è partito con la scritta "No Tav No Tav" sulla motrice.


Continua qui

 

Fulminato sul traliccio, resta grave leader No Tav 

 

 

lunedì 27 febbraio 2012

Finto cieco per 25 anni, dovra' restituire 400mila euro a Inps

Smascherato e denunciato da Gdf, al vaglio posizione medici 

Per lo Stato era cieco da 25 anni. Ma ciò non gli impediva di muoversi nel traffico caotico di Roma, passeggiare nei giardini pubblici e recarsi all'ufficio postale a ritirare l'indennità di invalidità e di accompagnamento, riconosciutagli in quanto affetto da cecità assoluta.

La comoda vita del falso cieco è, però, stata scoperta dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma che, dopo aver assunto informazioni presso le Aziende Sanitarie Locali e l'Inps, hanno pensato di avviare alcuni accertamenti sul conto dell'uomo, 65 anni. Dopo numerosi pedinamenti, regolarmente filmati dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Tivoli, è venuta fuori una situazione completamente diversa dal quadro clinico "raccontato" dalla documentazione sanitaria. Infatti, nonostante la sua cecità ufficiale, l'uomo si muoveva, in piena autonomia, con disinvoltura e naturalezza, senza bisogno di accompagnatori.

Continua qui

Lite tra padre e figlio finisce con un omicidio-suicidio

Dramma stamani a Giaveno: le vittime hanno 47 e 17 anni. Il genitore ha colpito il ragazzo con un martello poi si è tolto la vita uccidendosi con una coltellata

di FEDERICA CRAVERO ERICA DI BLASI

Tragedia in famiglia questa mattina a Giaveno. Un uomo avrebbe ucciso il figlio"per vendetta" verso la moglie che secondo lui lo tradiva. Questa l'ipotesi su cui stanno lavorando gli inquirenti della Compagnia di Rivoli. Ecco quello che sarebbe successo.  Adriano Maero, 47 anni, ha ucciso a martellate il figlio e poi si è tolto la vita con un coltello. La madre, dopo aver litigato con il marito, era uscita di casa intorno alle sei ed è rimasta fuori per un paio d'ore. Quand'è rientrata a casa, una villetta tra le colline di Giaveno, il figlio di 17 anni, William, era già morto, ucciso dalla foga del padre che l'ha colpito più volte con un martello mentre dormiva nel suo letto. Alla macabra scoperta, la donna è uscita urlando: "Mi ha ammazzato il figlio, mi ha ammazzato il figlio". Il marito si è invece ucciso su una poltrona vicino all'ingresso: per togliersi la vita ha utilizzato un coltello, che si è conficcato nell'addome. La madre sotto choc è stata portata all'ospedale di Rivoli. Sembra che il movente dela tragedia sia la scoperta da parte del marito dei tradimenti  della moglie: lui si sarebbe vendicato uccidendo il figlio. 


Continua qui

Valsusa, cade dal traliccio grave giovane leader No Tav

Luca Abbà, uno degli esponenti più noti del movimento "No Tav" e  proprietario di uno dei terreni, è rimasto ferito durante l'operazione di recinzione dell'area per il cantiere dell'alta velocità Torino-Lione. Abbà, con altri quindici esponenti del movimento che si ribella alla costruzione della ferrovia, si trovava alla baita Clarea per "sorvegliare" il cantiere in vista degli espropri. Quando ha visto l'inizio delle operazioni di recinzione dell'area, Abbà ha scalato un traliccio della luce; ma nell'operazione avrebbe inavvertitamente toccato i fili della corrente. Precipitato, è stato soccorso dagli agenti e trasportato all'ospedale. Le sue condizioni sono molto gravi. Questo il quadro ufficioso dell'ospedale: "E' stato colpito da elettricità a media tensione, muove le gambe, è cosciente e orientato. C'è una sospetta lesione interna con versamento, vasta emorragia interna, probabili fratture a sterno e costole, ustioni di secondo grado".

Continua qui

Incidente su nave crociera Costa. Alle Seychelles fiamme a bordo dell'Allegra

Nuovo incidente a un'imbarcazione della compagnia Carnival dopo la tragedia della Concordia al Giglio 1 il 13 gennaio scorso. Non ci sono feriti. La notizia diffusa dal sito di attualità marittima Lloyd's List. Le fiamme domate quando la nave Costa Allegra si trovava a circa 200 miglia dall'arcipelago nell'Oceano Indiano

di VALERIA PINI

ROMA - Una nave della Costa Crociere è alla deriva dopo un incendio a largo delle isole Seychelles. Le fiamme a bordo dell'Allegra sono state spente e nessuno è rimasto ferito. Secondo le prime informazioni si trova a circa 200 miglia dalla terra ferma. La notizia diffusa dal sito di attualità marittima Lloyd's List.

Non ci sono feriti. "A titolo di precauzione a bordo è stato dato l'allarme di emergenza generale - si legge sul comunicato diffuso da Costa Crociere dopo l'incidente - . Tutti i passeggeri e i membri dell'equipaggio, non impegnati nella gestione dell'emergenza" si sono riuniti nei punti di raccolta "con le dotazioni di sicurezza necessarie". "L'incendio è stato estinto e non si è esteso a nessuna altra zona della nave. Non ci sono stati feriti o vittime", si legge ancora sul comunicato.

A bordo della Costa Allegra gli italiani, secondo quanto si è appreso dalle Capitanerie di Porto, sono in tutto 212: 186 passeggeri e 86 membri dell'equipaggio.

Lo speciale sul naufragio della Concordia 2 

Continua qui

"The Artist", trionfo annunciato Premiati Ferretti-Lo Schiavo

Il silenzio, su grande schermo, paga: la pellicola di Hazanavicius prende film, regia, attore (Dujardin), colonna sonora e trucco. Un altro risultato vincente del cinema europeo. Al rivale "Hugo Cabret" 5 statuette tecniche, tra cui la scenografia. Casarosa a bocca asciutta. Streep per la terza volta migliore attrice

di CLAUDIA MORGOGLIONE

Nessun brivido dell'imprevisto, nessun rovesciamento last minute: l'edizione numero 84 degli Oscar conferma, con una puntualità perfino un po' noiosa, quasi tutti i pronostici della vigilia. Doveva essere l'anno di The Artist, la brillantissima opera muta in bianco e nero che ha fatto incetta di tutti i premi possibili: e anche sul palco degli Academy Awards, la pellicola diretta da Michel Hazanavicius trionfa sugli avversari. Miglior film, migliore regia, migliore attore col suo eroe romantico Jean Dujardin; e poi costumi e colonna sonora. Segno che il silenzio, cinematograficamente, è d'oro. L'avversario più agguerrito, l'Hugo Cabret di Martin Scorsese forte di undici nomination, prende sì lo stesso numero di statuette, cinque, ma sono quelle cosiddette tecniche: fotografia, effetti speciali, sonoro, montaggio sonoro. E soprattutto scenografia, con la vittoria - meritatissima - dei nostri Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo.

TUTTI I PREMI / FOTO: I VINCITORI - IL RED CARPET 

Continua qui

Terremoto: paura tra Imperia e Savona, ma nessun danno

Imperia - Decine di chiamate ai vigili del fuoco di Imperia e Savona dopo che è stata avvertita una scossa di terremoto alle 23.37 minuti. Il sisma, di 4.4 gradi sulla scala Richter, ha avuto come epicentro la zona di Nizza.
In alcune zone dell'imperiese la scossa è durata circa 30 secondi, e molti residenti si sono precipitati in strada per la preoccupazione. Secondo i vigili del fuoco non ci sono stati danni.

Fonte

Incendio a Crevari, Vigili del fuoco: "Situazione molto difficile"

Genova - Fiamme e paura nel ponente genovese: il primo rogo è scoppiato intorno alle 19.30 sulle alture di Crevari, tra Voltri e Vesima. L'incendio ha distrutto decine di ettari di vegetazione, mentre un secondo fronte di fiamme ha colpito anche le alture di Vesima. L'autostrada A10 tra Voltri e Arenzano è stata chiusa in entrambe le direzioni. Intorno alle 22.30 sono scattate le prime evacuazioni in Via Gainotti.
"Le persone evacuate saranno accolte nel Municipio el Ponente e al Palacep di Prà", ha dichiarato in diretta a Primocanale l'assessore alla Protezione civile Francesco Scidone. Sul posto sono state impegnate sei squadre di vigili del fuoco, 5 di Genova e una di Savona, oltre agli uomini della Forestale.

Fonte

sabato 25 febbraio 2012

La passeggiata che ricarica il cellulare

L'invenzione in un liceo di Montecatini

Trasformare il movimento in energia elettrica si può: l'idea di quattro ragazze trasformata in realtà dal Cnr e da una serie di aziende che hanno collaborato al progetto. Un nuovo fronte nel vivace mondo dell'energy harvesting, ovvero della raccolta dell'energia dalle azioni quotidiane















DI STEFANIA MARTANI

È TUTTO made in Italy ed è uno dei dispositivi più interessanti nel campo dell'energy harvesting, il processo per cui l'energia, proveniente da sorgenti alternative, viene catturata e salvata. Si tratta delle prime scarpe a recupero energetico, realizzate grazie a un'idea di quattro ragazze del liceo scientifico 'C. Salutati' di Montecatini terme, sotto la supervisione del Consiglio nazionale delle ricerche.

Continua qui

OnLive Plus in arrivo su iPad per usare Windows sul tablet

Windows 7 su un iPad? Tra breve sarà possibile grazie a OnLive Desktop Plus, una app che permette di collegarsi con il tablet ai server di OnLive, e utilizzare un sistema Windows. I programmi per Pc diventano così accessibili a velocità più che accettabile, considerando che si tratta di un sistema ad accesso remoto...

Continua qui

Processo Mills all’ultimo atto


L'ex premier Silvio Berlusconi

 

Oggi la sentenza con l'incognita prescrizione. Berlusconi: "L'ennesimo caso inventato contro di me"

Giovanna Trinchella
Milano
Corsi e ricorsi penserebbe il filosofo Gianbattista Vico. Sì perché due anni fa, proprio il 25 febbraio, la Cassazione dichiarò la prescrizione per David Mills, l’avvocato inglese corrotto - per quei supremi giudici - nell’interesse di Silvio Berlusconi e di Fininvest per mentire nei processi «All Iberian» e «Arces-Tangenti GdF». Prezzo della corruzione, anzi «gift» (regalo) come lo definì lo stesso Mills in una lettera al suo fiscalista, 600 mila dollari.

Continua qui 

Caso Mills, Berlusconi prosciolto il reato è caduto in prescrizione

Sì al decreto sul fisco. Slittano i tagli alle tasse

Rinvio sui contenuti, semplificata la procedura per il doppio cognome

Fabio Martini
Roma
A dispetto delle apparenze, venerdì 24 febbraio resterà come una delle giornate più movimentate per Mario Monti: dalle 9 del mattino (incontro col premier irlandese Enda Kenny), fino a tarda sera, quando si è conclusa una lunghissima riunione del Consiglio dei ministri, per oltre 12 ore - compresa una visita al Quirinale - il presidente del Consiglio ha dovuto risolvere problemi di varia natura e di varia grandezza.

Continua qui

venerdì 24 febbraio 2012

Nuovi record per verde e diesel

Commercio: vendite -1,3%, dato peggiore dal 2009. Male anche grandi negozi, salvi i discount

ROMA - Ancora record per benzina e diesel, spinti dai nuovi massimi storici delle quotazioni internazionali. Vola Shell, con un rialzo di 0,9 cent e arriva a 1,820 euro, mentre il picco di 1,759 euro per il diesel di Ip e Q8 segue un rialzo di un centesimo rispetto a ieri. E' quanto emerge dalle rilevazioni di Staffetta Quotidiana. Nessuna compagnia è sotto gli 1,8 euro al litro per la benzina, mentre la sola Esso non supera gli 1,75 euro per il diesel. Sui mercati internazionali, la benzina è arrivata a 632 euro per mille litri (0,632 euro al litro), mentre nel luglio del 2008, all'alba della crisi dei mutui subprime, ne costava 576 euro, il 10% in meno. Schizzano le medie nazionali, riporta Staffetta, con la benzina a 1,809 euro e il diesel a 1,752. Il Gpl è a 0,814 euro ed il metano a 0,95 euro. Faticano a mantenere i prezzi bassi anche le no-logo, con prezzi che salgono a 1,718 euro per la verde e 1,659 per il diesel. Per Quotidiano Energia, che segnala ugualmente rialzi diffusi su tutta la rete, si profila invece un altro week-end di record, dopo che in alcune regioni del centro si è arrivati a punte di 1,91 euro per la verde e al Sud il diesel sale fino a 1,78 euro.

Continua qui

Pubblicate oltre 6000 password di utenti Youporn. Con indirizzi di mail

Oversecurity segnala che sono state pubblicate oltre 6000 password, con relativo indirizzo di e-mail, del popolare sito pornografico Youporn.com. La fuga di credenziali sarebbe stata permessa dalla scarsa sicurezza informatica del sito, come descritto da Anders Nilsson.

A parte le ovvie considerazioni di privacy, nello sfogliare l'elenco non manca di stupire la poca furbizia degli utenti che usano password ridicolmente facili (12345 e altre permutazioni classiche) e che si registrano a un sito pornografico usando una mail che adoperano anche altrove (con un controllo a campione sugli indirizzi di e-mail dell'elenco ho trovato vari profili Facebook di uomini e donne associati a quegli indirizzi) o addirittura un indirizzo di mail aziendale.

C'è poi da domandarsi quanti di questi utenti hanno usato la stessa password di Youporn per la propria casella di mail o per altri servizi online (non ho provato) e quanti sono, a questo punto, semplicemente ricattabili.

Quello che non mi è chiaro è il motivo per cui si sono registrati presso il sito, mettendosi così a rischio. Qual è il vantaggio di una registrazione presso Youporn? La possibilità di commentare i video? Confesso la mia ignoranza e chiedo aiuto ad esperti ed esperte per capire quest'aspetto della vicenda che francamente mi sfugge.

Aggiornamento (20:20): @yoda609 mi segnala che Nilsson ha pubblicato un'analisi statistica delle password. Illuminante.
Continua qui

Il nuovo mercato della cocaina. Ecco chi sniffa per lavorare meglio

Secondo gli esperti, un lavoratore su cinque, nelle categorie più esposte, usa la cocaina per combattere stress e fatica, per ottenere prestazioni professionali di maggior durata e qualità. E' la nuova frontiera della sostanza prima destinata al tempo libero e ai lavori pregiati e ora adottata imparzialmente da artigiani e avvocati, medici e camionisti, muratori e piloti.

Una volta era la droga di moda, quella da sballo del sabato sera o quella destinata ai mestieri glamour: finanza, arte, spettacolo. Oggi è trasversale, coinvolge medici e infermieri, camionisti e muratori, artigiani e piloti, chef e avvocati. Tutti abbagliati dalla possibilità di vincere stress e fatica, di reggere i ritmi, di essere più "performanti" nelle rispettive attività. Tutti destinati a restarne prima o poi schiavi.

I dopati della cocaina appartengono a tutte le categorie professionali. Dopo i camionisti e i cottimisti, l'ultima novità sono gli artigiani. Idraulici, elettricisti, imbianchini. Gente che magari non ha particolari problemi ma che crede di rendere di più prendendo la sostanza. La coca promette molto, ti offre chiavi di accesso ma poi, al massimo dopo un anno, inizia a presentarti il conto

Continua qui

Altolà di Napolitano sui decreti: "Basta emendamenti fuori tema"

L'Aula approva il milleproroghe. Il Capo dello Stato scrive a Fini e Schfani: "Rischio annullamento.
Con ultimo voto superato limite"

Roma
Nuovo richiamo del Capo dello Stato al Parlamento per l’uso eccessivo degli emendamenti ai decreti legge. In particolar modo Napolitano se la prende con la prassi, utilizzata durante l’esame del decreto milleproroghe, di introdurre disposizioni che nulla hanno a che fare con le proroghe previste dal provvedimento iniziale.

Continua qui

giovedì 23 febbraio 2012

La moglie lo caccia: radiologo vive in ospedale

Separato dall'agosto del 2011 da oltre sei mesi occupa una stanza del San Camillo. L'ospedale è lo steso dello scandalo per i pazienti curati per terra.

Costretto a vivere in una stanza del San Camillo, dova lavora come tecnico radiologo, per le difficili condizioni in cui si è trovato dopo essere stato cacciato di casa dalla moglie. Si legge così negli atti presentati dagli avvocati del signor G. al tribunale di Roma. Con tanto di documentazione fotografica annessa. Una mossa per impietosire il giudice che si stava occupando dei suoi controversi rapporti conla moglie. 

Casa e ufficio
Ad una prima occhiata sembra solo un'ufficio un tantino caotico. Una moka sulla scrivania e un po' di vestiti sparsi. Poi allunghi il collo e dietro il monitor del pc compare un letto. E' rifatto con una certa cura. Lo guardi meglio: è una barella. Ha dell'incredibile la storia del tecnico radiologo romano che ha trovato vitto e alloggio nella struttura ospedaliera dove lavora.
Caccaiato dalla moglie
Le foto sono allegate agli atti trasmessi dai legali dell'uomo al giudice romano chiamato ad esprimersi nella sua causa di separazione con la moglie. Una mossa studiata per impietosire il giudice, facendo leva sullo stato di estremo disagio in cui si trova l'uomo in seguito all'atteggiamento della moglie.

Continua qui

Stupro l'Aquila, arrestato il militare che percosse e abusò di una studentessa

Svolta nell'inchiesta sullo stupro ai danni di una studentessa in una discoteca dell'Aquilano nella notte tra l'11 e il 12 febbraio. I carabinieri hanno arrestato, nella caserma Campomizzi dell'Aquila, Francesco Tuccia, il 21enne militare della provincia di Avellino, principale sospettato. Al giovane vengono contestati i reati di tentato omicidio e violenza sessuale. "Parlano le ferite gravissime", dicono fonti interne alla Procura dopo l'arresto del giovane. Sulle ferite gravissime, probabilmente invalidanti, insieme ad altri riscontri testimoniali e legati agli esami dei Ris di Roma, la Procura ha ricostruito "con chiarezza". la vicenda.

Il giovane avrebbe agito da solo al di fuori della discoteca dove era uscito insieme alla giovane con la quale all'interno del locale aveva avuto un approccio. Secondo il pm titolare dell'inchiesta, David Mancini, non c'è stato rapporto sessuale ma una violenza sessuale che sarebbe stata effettuata anche con l'utilizzo di un corpo estraneo. Secondo il pm il giovane militare si sarebbe disfatto del corpo estraneo che probabilmente non verrà ritrovato alla causa della abbondante presenza della neve.

Continua qui

Grecia salva? Può ancora fallire. L’accordo è quarantena anti “contagio”

BRUXELLES – La Grecia, che ha ottenuto dopo mesi di trattative il suo maxi-piano di aiuti, senza precedenti nella storia dell’euro, potrebbe ancora fallire. Non si sono placati i timori per la tenuta del Paese, tanto che i mercati hanno accolto senza entusiasmo la notizia del salvataggio: è vero che la Ue le eviterà il default della Grecia a breve, ma troppi dubbi pesano ancora sul suo futuro. Le elezioni ad aprile, una classe politica incapace di dare sicurezze, e un programma di rigore troppo rigido per poter essere applicato senza sprofondare nella recessione, alimentano i dubbi di chi crede che la bancarotta non sia scongiurata per sempre. E se da una parte l’Europa aiuta la Grecia, dall’altra la mette sotto la tutela permanente della troika Ue-Bce-Fmi.

Continua qui

Nord Italia: niente precipitazioni almeno fino alla fine del mese

Veramente un'annata nera per i settori meridionali delle Alpi. 

 

Niente da fare per la pioggia o la neve sulle regioni settentrionali, almeno fino alla fine del mese.
Inoltre, il diagramma a lato ci mostra un notevole sopramedia termico, anche dell'ordine di 10°.
La situazione presa in esame è quella relativa alla città di Milano, ma può benissimo essere estesa a tutto il settentrione d'Italia.
Dal punto di vista precipitativo, sarà "encefalogramma piatto" almeno fino ai primi giorni di marzo. Una situazione davvero paradossale, soprattutto per i settori sud-alpini ( Emilia Romagna esclusa, ovviamente!)
A parte le Alpi Marittime, che nelle ultime settimane hanno ricevuto discreti apporti, per il sud delle Alpi questo si conferma uno degli anni più neri degli ultimi tempi.
Quando cambierà la situazione? Il grafico sopra riportato da qualche speranza di cambiamento entro i primi giorni di marzo. Perlomeno si tornerebbe in media termicamente e potrebbe comparire qualche timida precipitazione.
E così, mentre la Sicilia e le estreme regioni meridionali pregano affinchè la pioggia smetta di cadere, su alcuni settori del nord-ovest la pioggia è ormai diventata una chimera. Paradossi di questo strano inverno.

Fonte

 

Nuovi bombardamenti a Homs, vittime "Damasco ordina di uccidere i giornalisti"

La città simbolo della lotta dei ribelli contro il regime di Assad attaccata sin dalle prime ore del mattino. E l'inviato di Libération tornato dal Paese denuncia: "l'esercito ha dato ordine di eliminare tutti i cronisti che mettono piede sul suolo siriano". Commissione d'inchiesta Onu accusa: "Crimini contro l'umanità". In arrivo nuove sanzioni Ue.

 

DAMASCO - Le forze armate del regime siriano sono tornate oggi ad attaccare la città di Homs, la città nelle mani dei ribelli che contestano Bashar al Assad, in un'ondata di violenze compiuta dall'esercito fedele al presidente che dura ormai da diverse settimane. Dall'Onu, intanto, arriva una durissima condanna: "il governo siriano non è stato in grado di proteggere la popolazione" e le sue forze hanno commesso gravi violazioni che equivalgono a "crimini contro l'umanita" con l'apparente consenso dei più alti livelli dello Stato, si legge in un rapporto della commissione d'inchiesta Onu sulla Siria, pubblicato oggi a Ginevra.


Continua qui

Buenos Aires, schianto in stazione Almeno 49 morti nel treno impazzito

Si rompono i freni, il convoglio va a sbattere sul marciapiede: centinaia di feriti in Argentina

Buenos Aires
È di almeno 49 morti accertati, tra cui un bambino in tenera età, e di oltre seicento feriti, molti dei quali in condizioni critiche, il bilancio della più grave sciagura ferroviaria avvenuta in Argentina nell’arco di oltre tre decenni.

Un treno per pendolari della linea urbana “Sarmiento” non è riuscito a rallentare nell’entrare nella stazione del quartiere occidentale di Once, ed è quindi andato a cozzare violentemente contro i respingenti della banchina per poi deragliare, ripiegandosi su se stesso. Il direttore generale della Protezione Civile argentina, Daniel Russo, ha definito «angoscioso» il compito delle squadre di ricerca, poichè all’interno dei vagoni rovesciati, soprattuto delle due carrozze di testa, vi sono «cataste di corpi». Decine i passeggeri rimasti intrappolati tra le lamiere del convoglio, che era al completo: si stima che a bordo vi fossero tra le ottocento e le mille persone, per lo più pendolari diretti ai rispettivi luoghi di lavoro.

Continua qui

mercoledì 22 febbraio 2012

Calcio, Ris: "Bergamini fu investito da morto"

Il giocatore del Cosenza travolto da un camion nel novembre del 1989 sarebbe stato ucciso

Donato Denis Bergamini, il calciatore del Cosenza morto il 18 novembre 1989, era già senza vita quando venne travolto da un camion. E' questo il risultato a cui sono giunti i carabinieri del Ris di Messina, che hanno depositato la loro perizia alla procura della Repubblica di Castrovillari. Bergamini sarebbe dunque stato ucciso, e non si è suicidato gettandosi sotto il camion come aveva stabilito la prima inchiesta.Nella perizia del Ris si affermerebbe anche (come aveva anticipato nei giorni scorsi la "Gazzetta dello Sport" e rilanciato il "Quotidiano della Calabria"), che è impossibile che le scarpe, l'orologio ed una catenina che il calciatore indossava al momento della morte non abbiano subito danni nel trascinamento del corpo.

Continua qui

Governo, ecco i redditi dei ministri Severino è la più ricca, Monti quarto

Per la Guardasigilli 7 milioni. Il patrimonio di Passera è di 8,8

Torino
Da Paola Severino ad Andrea Riccardi. Ovvero dal ministro più ricco a quello relativamente più povero. Ecco quanto hanno dichiarato per il 2010 i membri del governo Monti, premier incluso.

Le dichiarazioni patrimoniali pubblicate oggi on-line mostrano come l’ingresso nel governo abbia livellato adesso gli stipendi 2012 su cifre che si aggirano intorno ai 200 mila euro, quanto previsto per l’incarico ministeriale.

Continua qui

Online i redditi dei ministri:ecco la classifica


 

«Io, infermiera spero di non finire mai qui»

Genova - «Io, che lavoro qui, ho il terrore di diventare un paziente di questo ospedale». L’infermiera raggiunge l’ultima barella, seguendo i barellieri e i parenti in fila indiana. Non si può camminare in altro modo nelle corsie del primo piano del pronto soccorso del San Martino.
In fondo al corridoio è coricata una donna che sta per essere dimessa. Davanti ai suoi piedi c’è una porta. Divide l’area critica dall’area medica. Si apre continuamente. Dietro la testa, un’altra barella. Accanto, a poco più di un metro, ancora un’altra barella. Questa volta la donna è nuda. L’infermiera, con tutta la delicatezza che si può avere in una situazione del genere, vuole lavarla per l’ultima volta. Con un braccio le alza le gambe. Con l’altro le rimuove il pannolone, mentre a parole cerca di spiegare a chiunque incroci il suo sguardo che quel lavoro lo deve fare per forza: «Devo farlo, capite? È questione di pochi minuti». Nessuno scuote la testa quando il bacino della paziente viene sollevato, piegandosi in modo innaturale. È routine. È il dramma che si consuma ogni giorno in questo come in altri dipartimenti di emergenza in tutta Italia. Non si sa neanche se la pensionata si stia lamentando. In questo grado zero della dignità i lamenti dei pazienti che affollano il pronto soccorso sono suoni indistinti. Si perdono in un sottofondo da incubo: qualcuno chiede aiuto, altri parlano con i parenti, i macchinari non si fermano mai.

Individuati 4 corpi a bordo della Concordia

Anche quello di Dayana Arlotti, 5 anni, di Rimini

ROMA  - I vigili del fuoco hanno da poco individuato quattro corpi nella parte sommersa della nave Concordia naufragata davanti all'Isola del Giglio. Lo si apprende da fonti dei soccorritori. Dal naufragio del 13 gennaio, mancavano all'appello 15 persone.

Tra i corpi individuati sul ponte 4 della Costa Concordia c'é anche quello di Dayana Arlotti, 5 anni, di Rimini. La piccola si trovava in crociera con il padre. Lo riferiscono fonti vicine ai soccorritori.

Continua qui

Sospesi per 90 giorni dirigenti Umberto I Una morte sospetta al mese nei pronto soccorso

I dati della commissione parlamentare sugli errori sanitari. Il ministro annuncia ispezioni. Ieri il blitz dei senatori Marino e Gramazio all'Umberto I di Roma. La donna, 53 anni "bloccata sulla barella e senza nutrizione". Indagine della Procura. Balduzzi: "Nas in ogni struttura con criticità"

 

ROMA - Novanta giorni di sospensione per i responsabili del pronto soccorso dell'Umberto I di Roma in riferimento al caso di una donna di 53 anni 1, trovata legata alla barella 2con delle lenzuola e senza nutrizione da quattro giorni. La paziente è stata scoperta in quella condizione all'alba da Ignazio Marino e Domenico Gramazio, senatori del Pd e del Pdl, entrati a sorpresa nella "piazzetta" del pronto soccorso. Il provvedimento è stato preso dal direttore generale dell'ospedale Antonio Capparelli nei confronti del direttore del Dea-Dipartimento emergenze e accettazione, il professor Claudio Modini, e del coordinatore dell'area medica Dea, il professor Giuliano Bertazzoni. 


Continua qui

Marò italiani arrestati in India De Mistura a Delhi per trattare

E' iniziata la delicata missione del sottosegretario agli Esteri. La disputa internazionale dopo lo scontro a fuoco in cui sono stati uccisi due pescatori. I legali fanno ricorso all'Alta Corte contro l'arresto dal nostro inviato VINCENZO NIGRO

 

NEW DELHI  -  E' iniziata in India la missione del sottosegretario agli Esteri Staffan De Mistura. A Roma il governo italiano gli ha dato carta bianca nell'avviare un negoziato politico con quello indiano sul caso dei due marò del San Marco arrestati sabato scorso dopo uno scontro a fuoco in alto mare in cui sono stati uccisi due pescatori.


Continua qui

martedì 21 febbraio 2012

Tasse, dal 2014 sconti a redditi bassi nella bozza non c'è l'Ici alla Chiesa

All'esame del pre-Consiglio dei ministri il testo provvisorio del dl sulla semplificazione fiscale. Nel pacchetto anti-evasione, le liste selettive dei contribuenti infedeli, più controlli sulle onlus e multe fino al 40% sui capitali esportati. Possibile la rateazione flessibile dei debiti tributari.

 

ROMA - A partire dal 2014, cioè dall'anno successivo al pareggio di bilancio, le risorse che nel 2012 e nel 2013 arriveranno dalla lotta all'evasione fiscale verranno destinate a misure, anche non strutturali, a favore delle fasce deboli, con particolare riferimento all'incremento delle detrazioni fiscali per i familiari a carico.


Continua qui

La Rai rinuncia al canone su pc, tablet e smartphone

Dopo le polemiche, dietrofront della televisione pubblica: imprenditori e liberi professionisti non dovranno versare la tassa richiesta nei giorni scorsi, a meno che i computer non siano utilizzati solo come televisori e l'azienda non abbia corrisposto il canone speciale di ALESSANDRO LONGO

 

ROMA - La Rai ha rinunciato al canone su pc, tablet e smartphone. Decisiva è stata la presa di posizione del ministero allo Sviluppo Economico. Il ministero ha infatti comunicato a Rai una propria interpretazione della norma del 1938 relativa al canone e ha escluso perentoriamente quei prodotti dal pagamento. La decisione arriva dopo le polemiche di giorni scorsi 1.

La Rai - a quanto risulta a Repubblica.it da fonti ministeriali - ha accolto quest'interpretazione, dopo un breve contraddittorio durante un incontro con il Dipartimento comunicazioni del ministero. Il ministero ha fatto notare a Rai che sarebbe stato assurdo imporre un pagamento a scapito dei beni digitali. Avrebbe certo penalizzato lo sviluppo tecnologico in Italia, tra consumatori e aziende, proprio in una fase in cui il Paese sta cercando di potenziarlo e mentre il governo lavora alla prima Agenda digitale italiana 2.


Continua qui

Sul Danubio barche distrutte dal ghiacchio


 
A Belgrado e nei suoi dintorni, ma anche a Novi Sad e altre località della Serbia, centinaia fra barche di varie dimensioni, yacht e barconi-ristoranti sulle rive del Danubio sono stati distrutti o seriamente danneggiati da enormi e spessi blocchi di ghiaccio che, a causa di un repentino innalzamento della temperatura negli ultimi due-tre giorni, si spostano velocemente lungo il grande fiume.
 

Giovani, lavoratori atipici, donne avere un mutuo è diventata un'utopia

Banche superprudenti che chiedono garanzie su garanzie e cambiano in peggio le condizioni in corso d'opera, la crisi che sconsiglia di programmare investimenti pesanti: comprare la casa è diventato un percorso di guerra. Il 40 per cento delle richieste di finanziamenti per l'abitazione è stata bocciata dagli istituti di credito.

 

di ROSARIA AMATO

 
ROMA - Il mutuo c’è, ma torni tra un mese. Oppure ci potrebbe essere, ma porti suo padre. E possibilmente le buste paga degli ultimi due-tre anni. Negli ultimi mesi ottenere un mutuo è diventato sempre più difficile: gli spread si sono alzati, le banche se la prendono molto comoda e spesso modificano in peggio le condizioni in corso d’opera, imponendo assicurazioni e chiedendo garanzie su garanzie. Se poi si fa parte di una categoria non standard (giovani, atipici, immigrati, meridionali, donne single) l’unica condizione per comprare una casa è praticamente disporre dei contanti. Ma anche questo è impossibile, dopo la corsa durata quasi un decennio, che ha portato negli anni 2000 i prezzi delle case a raddoppiare, e in diversi casi a triplicare. Secondo l’ultima indagine della Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie per comprare casa occorrono in media undici anni di stipendi. Senza un mutuo, non si può. 

 

Continua qui

I marò non furono i soli a sparare vicino agli italiani attaccata nave greca

La petroliera "Enrica Lexie" fatta rientrare in porto con un trucco dalla polizia indiana. A registrare la presenza di un'altra imbarcazione è statao l'Icc-Css. Gli avvocati faranno ricorso ponendo il problema della giurisdizione

 

di PAOLO G. BRERA e VINCENZO NIGRO
NON c'era solo la Enrica Lexie dell'armatore Fratelli D'Amato a vedersela coi pirati, mercoledì scorso tra le onde dell'Oceano indiano davanti alle coste del Kerala. Poche ore più tardi rispetto a quando i marò giurano di avere respinto un assalto alla Enrica Lexie, un petroliera simile a quella italiana è stata attaccata ed è riuscita a cavarsela mettendo in fuga gli aggressori: era "due miglia e mezzo a Sud dell'ormeggio di Kochi", dove la nave italiana è poi stata indotta a rientrare con un mezzo inganno.

Continua qui

Bruxelles, accordo all'Eurogruppo per evitare il fallimento della Grecia

Sbloccati a poche ore dal default i 130 miliardi di aiuti per Atene. La troika avrà suoi rappresentanti permanenti nel Paese, creato un conto bloccato dove i greci verseranno gli interessi sul loro debito, chiesto un sacrificio ai privati creditori. Soddisfatti Draghi e Monti: "L'Europa è in grado di funzionare"

 

BRUXELLES - E' stato raggiunto l'accordo all'Eurogruppo sui nuovi aiuti alla Grecia. La riunione di Bruxelles fra i ministri europei delle Finanze, l'Fmi e la Bce durata oltre 12 ore ha dunque sbloccato i 130 miliardi di aiuti promessi ad Atene. A frenare la trattativa la difficoltà di accordo con i privati detentori del debito greco che dovranno accettare una ulteriore riduzione del valore nominale dei titoli in loro possesso. 


Continua qui

Chi ha un computer deve pagare il canone

In base a un decreto regio del 1938, la Rai chiede a 5 milioni di imprese e cittadini con partite IVA di pagare un canone speciale: perché hanno un computer o un videocitofono

Quasi cinque milioni di imprese hanno ricevuto in questi giorni dalla Rai un’ingiunzione di pagamento per il «canone speciale», ovvero quello riservato a un uso della televisione “non familiare”. Ma hanno ricevuto la lettera anche quelle aziende che non risultano avere in ufficio una televisione, ma possiedono un semplice apparecchio in grado di ricevere il segnale radiotelevisivo: un computer, un monitor, un telefono cellulare, un iPad o una telecamera per la videosorveglianza o un video citofono particolarmente avanzato (che permette una connessione audio-video integrale e permette di vedere sul monitor chi suona alla porta, ma anche la Tv).
Poiché il canone Rai non è una tassa sul servizio (non ha a che fare con la ricezione o visione dei programmi Rai) ma sul possesso dell’apparecchio, significa che chi dispone di uno di questi dispositivi «adattabili» alla ricezione del segnale è obbligato a pagare il canone, anche se questi apparecchi non sono utilizzati per guardare la Tv. Per spiegare la sua richiesta, la Rai ha trasmesso anche uno spot televisivo: nelle ultime ore la notizia ha generato molte proteste soprattutto su internet (su Twitter è stato creato uno hashtag #raimerda che, nel giro di poche ore, è arrivato subito in testa nella classifica dei trending topic italiani). E i capigruppo del Pdl Alessio Butti e del Pd Fabrizio Morri nella Commissione di Vigilanza sulla Rai hanno invitato oggi il ministro dello Sviluppo Corrado Passera a intervenire sulla richiesta.

Continua qui 

Rai, clausola shock nei contratti. Protesta: "No a 'licenziamenti' per gravidanza"


 

lunedì 20 febbraio 2012

"In coma, legata alla barella" blitz al Policlinico di Roma

I senatori Marino e Gramazio hanno fatto una verifica-lampo nelle corsie del pronto soccorso. "Aveva solo la flebo con l'acqua fisiologica, i sanitari erano in attesa di poterla trasferire in un reparto ma è rimasta per giorni sul letto senza sponde legata con delle lenzuola per evitare cadute". Il direttore del Dea: "Capita spesso, a causa della  mancanza di posti letto". Il Tribunale diritti del malato: "Nella 'piazzetta' anche 35 pazienti al posto di 8". E arrivano gli ispettori del ministro Balduzzi.

 

In coma dopo un trauma cranico, legata alla barella con delle lenzuola e senza nutrizione da quattro giorni, in attesa di essere ricoverata "da un minuto all'altro". E' la condizione in cui i senatori Marino e Gramazio hanno trovato una signora di 59 anni, in un 'blitz' effettuato al pronto soccorso del Policlinico Umberto I di Roma. "E' una cosa che capita spesso, il problema della mancanza di posti per il ricovero non è una novità" è stato il commento a caldo, agghiacciante, di Claudio Modini, direttore del Dea, dipartimento di emergenza del Policlinico. E dopo che in ospedale sono arrivati in tutta fretta gli ispettori del ministro della Salute Balduzzi, per la donna si è liberato un posto letto in Neurologia.


Continua qui

Incidente stradale in Afghanistan morti tre militari italiani, un ferito

Si tratta di soldati del 66° Reggimento: il Lince sul quale viaggiavano si è ribaltato durante l'attraversamento di un corso d'acqua, intrappolandoli. L'episodio non lontano da Shindad, nella regione occidentale del paese. Il cordoglio di Napolitano e Monti

 

ROMA - Tre militari italiani sono morti questa mattina in un incidente stradale avvenuto nell'area di Shindad, nella parte occidentale dell'Afghanistan. Si tratta del caporal maggiore Francesco Currò, 33 anni, messinese, del primo caporal maggiore Francesco Paolo Messineo, 29 anni, di Termini Imerese e del caporal maggiore Luca Valente, 28 anni, di Gagliano del Capo (Lecce). Tutti e tre i soldati appartenevano al 66esimo reggimento aeromobile "Trieste" di stanza a Forlì. Un quarto soldato è rimasto ferito, ed è ricoverato nell'ospedale militare da campo di Shindand in ipotermia. Non sarebbe in pericolo di vita. 


Continua qui

Due mesi sotto la neve: è vivo

Divisi gli esperti «Non è possibile» «Sì, grazie alle sue riserve di grasso»

FRANCESCO S. ALONZO
Stoccolma
C’è del miracoloso nell’avventura incredibile di cui è stato protagonista l’artigiano svedese Peter Skyllberg di 44 anni, rimasto chiuso nell’auto bloccata dalla neve per ben due mesi, riuscendo a sopravvivere. La vettura è stata scoperta per caso dal poliziotto Gunnar Ek, che percorreva una pista per gatti delle nevi e che è stato attratto dal riflesso del sole su uno specchietto dell’auto. «L’aumento della temperatura di questi ultimi giorni - ha spiegato - aveva fatto sciogliere parte della neve che copriva la macchina, mettendo a nudo uno specchio. Mi sono avvicinato e ho notato che c’era una persona sdraiata sul sedile posteriore. Credevo fosse morto, ma quando sono riuscito a liberare con la pala e ad aprire una portiera, ho visto che respirava».

Continua qui 

Si può stare due mesi bloccati dalla neve in un’automobile?

Svezia, sessanta giorni nell'auto sotto la neve (le foto)

 

Trasferiti i due marò arrestati Cresce la tensione India-Italia

La morte dei pescatori scambiati per pirati è un caso diplomatico. Roma insorge: "Atto unilaterale". Adesso rischiano la pena capitale

I due marò italiani che si trovano in stato di custodia vigilata in attesa di essere presentati ad un giudice per l’imputazione di omicidio di due pescatori indiani si trasferiranno nel pomeriggio (fine mattinata italiana) da Kochi, dove sono sbarcati dalla petroliera "Enrica Leixe", a Kollam, distretto competente per l’incidente avvenuto in mare mercoledì.

Continua qui

Ultimo round per salvare la Grecia

L'Eurogruppo prepara la stretta sulla sorveglianza del debito ellenico. Pronti 130 miliardi di aiuti

Marco Zatterin
corrispondente da Bruxelles
La somma delle dichiarazioni e delle indiscrezioni della vigilia invita al più classico dei «prudenti ottimismi». Molto può accadere stasera alla riunione dei ministri economici dell’Eurozona, ma l’esito più quotato è che si arrivi a scrivere la parola fine sul negoziato per il piano di salvataggio da 130 miliardi della Grecia, il secondo dopo quello da 110 di metà 2010. Ieri ne hanno discusso gli sherpa dei governi, convergenti nel dire che «ci sono ancora dei problemi con le cifre, ma sono superabili». Risulta più morbida la posizione di tedeschi e finlandesi, mentre solo l’Olanda si ostina a puntare i piedi. «Non credo che a questo punto - ha detto una fonte - qualcuno possa assumersi la responsabilità di far saltare tutto quanto».

Continua qui

domenica 19 febbraio 2012

Morti due scialpinisti sul Cristallo

L'allarme ieri sera, travolti da valanga a quota 2.200 metri

(ANSA) - CORTINA (BELLUNO), 19 FEB - Sono stati ritrovati morti due scialpinisti dispersi da ieri sul monte Cristallo, vicino a Cortina d'Ampezzo. I cadaveri sono stati individuati sotto una valanga caduta lungo il Canale Bernardi a quota 2.200 metri. Uno dei due è stato trovato dal Soccorso alpino grazie alla ricezione del segnale dell'Arva ancora acceso, mentre il secondo con l'ausilio di un cane da valanga. L'allarme era scattato ieri sera, dopo il loro mancato ritorno a casa.

Fonte
 

Fu aggredito da nomadi,muore cuoco

Aveva tentato di sedare lite tra ubriachi e cassiere del locale

(ANSA) - BERGAMO, 19 FEB - E' morto ieri in ospedale a Bergamo, dov'era ricoverato in coma da quasi due mesi, il cuoco aggredito il 30 dicembre scorso in un pub di Entratico (Bergamo) da tre nomadi ubriachi che vivevano in un vicino campo. La vittima, Marcello Costantini, 54 anni, di Costa di Mezzate (Bergamo) era intervenuto per fare da paciere in una discussione tra i tre ubriachi, che volevano andarsene senza pagare, e il cassiere del locale.

Fonte

Festival Berlino: orso d'oro ai fratelli Taviani

A 'Diaz, Non pulire questo sangue' di Daniele Vicari va il premio del pubblico

ROMA - L'orso d'oro di questa 62/ma edizione del Festival di Berlino e' andato a Paolo e Vittorio Taviani per 'Cesare deve morire'. Erano 21 anni che l'Italia non vinceva questo premio.

Continua qui

Pescatori uccisi in India. Marò in stato di fermo

Tensione con Nuova Delhi per la nave italiana coinvolta nell'uccisione di due pescatori indiani

NEW DELHI -E' crisi diplomatica tra Italia e India. Due fucilieri di marina italiani della 'Enrica Leixe', la petroliera coinvolta nell'uccisione di due pescatori indiani, sono stati arrestati oggi alla polizia di Kochi, nel sud del paese, secondo fonti indiane. Verranno posti in custodia giudiziaria e quindi presentati nei prossimi giorni davanti a un tribunale per omicidio, ma i due hanno ribadito di essere estranei ai fatti loro contestati.

Continua qui

Emma trionfa al Festival delle donne

Seconda Arisa e terza Noemi. L' ex reginetta di Amici sbanca con "Non è l'Inferno", irresistibile Geppy Cucciari


MILANO- Il Festival delle donne: Arisa, Emma e Noemi erano arrivate all'ultimo scalino, tutte meritevoli, tutte brave. Ma è stata l'ex reginetta d'Amici, la pugliese capace di commuoversi, a trionfare. Come avevano previsto in tanti. E con una canzone «Non è l'Inferno» che è una sorta di «cartolina dalla crisi», molto contemporanea,, forse un poco retorica, ma non per questo non genuina. La proclamazione è arrivata alle 1.15, dopo l'intervento di Adriano Celentano. Ovvero «Molto rumore per nulla». Il sermone del Molleggiato è stato molto contenuto, rispetto a quello del debutto. Ed è arrivato al culmine di una gara velocissima. I dieci big si erano esibiti in meno di un'ora e mezzo. Record di brevità probabilmente per le finalissime. Apprezzatissima, Geppy Cucciari, le sue incursioni nel corso di tutta la serata sono state molto gradite dalla platea.

Continua qui 

Celentano attacca di nuovo stampa e vescovi. Ma la sala contesta: «Basta». E lui si ferma


 

sabato 18 febbraio 2012

Striscia la Notizia smaschera finti naufraghi della Concordia

Una vicenda vergognosa è destinata a scuotere l'opinione pubblica televisiva, anche se anestetizzata dalla settimana sanremese: 'Striscia la notizia' ha infatti scoperto una agghiacciante finzione, portata avanti dall'avvocato Canzona e da alcuni attori, che si sono prestati a recitare la parte di naufraghi della Costa Concordia nei salotti televisivi.

Continua qui (video)

EDIZIONE STRAORDINARIA: arriva una nuova ondata di maltempo con neve a quote basse al nord, piogge anche intense al centro-sud con fusione del manto nevoso

Da domenica pomeriggio al settentrione sono attese nevicate sulle Alpi centro-orientali e dalla nottata anche sul nord Appennino. Lunedì neve mista a pioggia su molte zone della Valpadana e neve forte su nord Appennino, a quote medie su Appennino centrale. Nel frattempo maltempo in accentuazione sul meridione con pioggia che fonderà la neve caduta in quota. Martedì migliora al centro-nord, ancora maltempo all'estremo sud sino alle prime ore di giovedì. 

 

Continua qui

 

Un'occhiata alle ipotesi estreme. Botta gelida su mezza Europa, coinvolta anche l'Italia tra fine mese ed inizio marzo?

 

Il Paese non risparmia più nuovi depositi giù dell'80%

Banche senza ossigeno, in piedi solo grazie all'aiuto della Bce. Il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, auspica maggiore sostegno alla crescita. Crolla anche la domanda di prestiti per investimenti fissi: -50% nel quarto trimestre 2011  di ANDREA GRECO 

 

DUEMILAUNDICI fuga dalle banche. Nell'anno della crisi sovrana gli italiani danno e chiedono sempre meno ai loro istituti. Solo 25 miliardi di contributo dai privati alla raccolta bancaria (-80% su base annua), di cui solo 6 dai depositi. Per contro, nel quarto trimestre 2011 la domanda di credito per investimenti fissi è crollata: meno 50%, peggio che dopo il crac Lehman.

L'ossigeno creditizio, che in tempi normali viene per quasi metà del totale da famiglie e imprese, è stato fornito per quote rilevanti dalla Bce, senza il cui generoso sostegno, attesta il bollettino Abi, l'Italia avrebbe rischiato il blocco delle attività economiche. Colpa dell'attacco mondiale al rischio Paese, che tra luglio e novembre ha portato il differenziale Btp-Bund a 570 punti base. 


Continua qui

Fornero: 'Sussidio disoccupazione ma stop Cig straordinaria'

Il ministro del Lavoro: 'Sgravi per donne e Sud'

ROMA - Il Governo punta a rafforzare il sussidio di disoccupazione all'interno di una "revisione profonda" degli ammortizzatori sociali che dovrebbe prevedere un ampliamento della platea, ma anche una stretta sulla cassa integrazione straordinaria. Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, ha parlato oggi a Bruxelles di riforma "coraggiosa" che però, per gli ammortizzatori sociali, dovrà rinviare l'operatività almeno al prossimo anno a causa della crisi economica. Il confronto con le parti sociali sulla riforma proseguirà lunedì con un incontro al ministero del Lavoro che si concentrerà proprio sugli ammortizzatori sociali dopo che nei giorni scorsi si è affrontato quello del riordino delle tipologie contrattuali.

Continua qui

venerdì 17 febbraio 2012

Torino, smascherata falsa cieca una truffa di 8 anni da 235 mila euro

Nei guai una 60enne di Pinerolo. Incastrata dai video della Finanza mentre guarda vetrine di negozi e attraversa la strada. Sequestrati il conto corrente e gli immobili.

ANTONIO GIAIMO

Agata, 60 anni il prossimo mese, si è finta cieca per anni. Originaria di Castelbuono, un paese in provincia di Palermo, abita con il marito a Pinerolo. In 8 anni è riuscita ad incassare dall’Inps 235.000 euro. Ma il raggiro è stato scoperto dalla Guardia di Finanza di Pinerolo, che ieri ha convocato la donna per notificarle un provvedimento, emesso dal gip del tribunale di Pinerolo, Alberto Giannone, di sequestro di tutti suoi beni: alloggi e conto corrente. Agata è stata denunciata per truffa.

Continua qui

 

Presidente tedesco Wulff si dimette Angela Merkel annulla visita a Roma

Il capo di Stato tedesco al centro di uno scandalo: è accusato di aver ottenuto da un amico un prestito a tasso agevolato. Ieri la Procura di Hannover ha chiesto l'annullamento dell'immunità parlamentare per poter procedere a indagini sul suo conto. Il cancelliere: "Rispetto e rammarico". Telefonate a Monti e Napolitano

 

BERLINO - Il presidente tedesco Christian Wulff, 52 anni, si è dimesso. Lo ha annunciato lo stesso presidente nel corso di una dichiarazione dalla sede della presidenza, il castello di Bellevue a Berlino: "Ho fatto degli errori, ma sono stato sempre in buona fede - ha detto Wulff -.  C'è bisogno di un presidente che possa dedicarsi completamente alle sfide europee e abbia fiducia ampia dei cittadini. Gli sviluppi di questa settimana hanno dimostrato che questa fiducia non c'è più e quindi non c'è altra possibilità che abbandonare questa carica: oggi perciò mi dimetto", ha aggiunto. Annullata la visita del cancelliere tedesco, Angela Merkel, in programma oggi a Roma. La Merkel avrebbe dovuto incontrare alle 12 a Palazzo Chigi il premier Mario Monti e a seguire si sarebbe recata al Quirinale per una colazione di lavoro con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.


Continua qui

Concordia, le immagini dello scafo sospeso

Sul sito del Tirreno la prima ricognizione in acqua sulla nave naufragata al Giglio. Il relitto poggia, a poppa e a prua, su due soli speroni di roccia che stanno cedendo. La stabilità della nave sembra sempre più a rischio.

Le foto

Multe, un tesoro da due miliardi all'anno ma solo 30 milioni vanno alla sicurezza

L'enorme peso delle sanzioni sui cittadini non riesce a far diminuire gli incidenti e il numero di vite perse. Il rapporto della Fondazione Guccione: le stragi sull'asfalto da noi calano meno che nei grandi paesi europei di GIOVANNI VALENTINI 

 

C'È UN ALTRO "tesoro" di Stato che svanisce misteriosamente nei meandri dell'amministrazione pubblica: quello delle contravvenzioni stradali. Vale oltre tre miliardi di euro, secondo i dati degli ultimi cinque anni, soltanto nelle 15 città metropolitane del Paese. E per estensione, calcolando complessivamente i ricavi delle multe comminate in tutt'Italia dalle polizie locali (circa 1,6 miliardi) e da quelle nazionali come Polstrada e Carabinieri (400 milioni), si arriva a un incasso totale annuo di due miliardi di euro.

Ma lo Stato, nell'ultimo quinquennio, ha speso in media appena 30 milioni di euro all'anno per il Piano nazionale per la sicurezza stradale. Così, tra il 2001 e il 2010,  l'Italia è scesa all'11° posto nella graduatoria per la diminuzione di morti e feriti dell'Europa a 15. Un altro record negativo che aggrava purtroppo l'immagine di un Paese vulnerabile e insicuro.


Continua qui

Corte dei Conti: "Corruzione dilaga" Severino rinvia il disegno di legge

Parole severe dal presidente Giampaolino alla cerimonia di inaugurazione. "Le dimensioni del malaffare sono superiori a quelle che vengono, spesso faticosamente, alla luce". Ministro della Giustizia: "Ci vuole tempo, è un problema mai debellato". Accuse sull'evasione fiscale: "Solo in Spagna peggio di noi"

 

ROMA - "Illegalità, corruzione e malaffare sono fenomeni ancora notevolmente presenti nel Paese le cui dimensioni  sono di gran lunga superiori a quelle che vengono, spesso faticosamente, alla luce". E' questo uno dei punti più forti della relazione con cui il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, ha inaugurato l'anno giudiziario della magistratura contabile. Essere a conoscenza della "mappatura" dei fenomeni di corruzione, aggiunge, serve "per effettuare una ricognizione degli episodi più ricorrenti di gestione delle risorse pubbliche inadeguata, perché inefficace, inefficiente, diseconomica". Giampaolino si riferisce a tutti i comportamenti che arrecano "un danno alle finanze pubbliche": dalla corruzione dell'attività sanitaria, allo smaltimento dei rifiuti, dal "gravemente colposo" utilizzo di strumenti derivati o prodotti finanziari simili, per arrivare alla costituzione e gestione di società a partecipazione pubblica e alla stipula di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Vengono inclusi anche gli errori nella gestione del servizio di riscossione dei tributi".


Continua qui

giovedì 16 febbraio 2012

Crescono i fallimenti Il 16% in più rispetto al 2010

L'anno scorso le imprese che hanno portato i libri in tribunale sono state 149. Secondo uno studio della Camera del Commercio, i  settori più colpiti sono commercio e industria/costruzioni. Il presidente della Camera di Commercio: "Un dato preoccupante. Bisogna mettere in campo ogni risorsa possibile"

 


Riprendono a crescere i fallimenti a Genova e provincia: secondo uno studio della Camera di Commercio, l'anno scorso, le imprese che hanno portato i libri in tribunale sono state 149, il 16,4% in più rispetto al 2010 (di queste, 119 hanno sede a Genova e 30 nei comuni della provincia).

Continua qui

Si lancia nel vuoto con la figlia Omicidio-suicidio in una casa famiglia

Una donna di 33 anni si è uccisa buttandosi dalla finestra con la piccola di 4 anni. Entrambe sono morte sul colpo.

Massimiliano Peggio
Alessandra Guzzo, una donna di 33 anni in cura presso la casa famiglia Opera Pia Viretti, in strada San Vincenzo 137 a Torino (precollina), si è lanciata dalla finestra della struttura con in braccio la figlia di 4 anni. La mamma e la bimba sono morte sul colpo.

Continua qui

 

La Corte dei Conti: "Evasione Iva al 36%"

"E' tra le più elevate in Europa, secondi solo alla Spagna", ha detto il presidente Giampaolino

L'evasione Iva in Italia è tra i primi posto in Europa, superata solo dalla Spagna. Il dato è evidenziato dal presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, durante il discorso di inaugurazione dell'anno giudiziario. Nel Vecchio Continente, spiega il magistrato contabile, si assiste a "una caduta della compliance. Per la sola imposta sul valore aggiunto per l'Italia si evidenzia un tax gap superiore al 36%".Giampaolino ha poi ricordato che il 2011 "sarà ricordato nella storia della finanza pubblica italiana, per la severità della situazione economica e per l'affanno con il quale i governi hanno rincorso i rimedi necessari a fronteggiarla e ad arginarne gli effetti più devastanti". Purtroppo a questo si aggiunge il fatto che nel nostro Paese "illegalità, corruzione e malaffare sono fenomeni ancora notevolmente presenti".

Continua qui

Scure di Moody's su banche e città. Giù il rating di 114 istituti, 24 italiani. Declassate Milano, Firenze e Torino

Downgrade pure per 9 gruppi assicurativi (con Unipol e Generali), Eni e Finmeccanica. Riviste le valutazioni di enti locali spagnoli, portoghesi e austriaci, nonchè di società francesi, comprese le ferroviarie.

Milano
Moody’s ha abbassato il rating o rivisto le prospettive (outlook) su 114 banche europee appartenenti a 16 Paesi diversi. Lo si legge in una nota.  Tra gli istituti colpiti 24 sono italiani.

Continua qui 

Auto, in rosso i dati di gennaio nell'Ue 

 

Ici per la Chiesa, la svolta di Monti

Pronto un emendamento sugli immobili ecclesiastici: "Esenti soltanto gli edifici non commerciali"

Flavia Amabile
Roma
La Chiesa dovrà pagare l’Ici sugli enti commerciali, annuncia Mario Monti. Se ne parlava da tempo con una campagna di mobilitazione partita dal web, e ora la Chiesa risponde in modo cauto, in perfetto stile curiale, la parte antiecclesiastica della rete si mostra soddisfatta anche se si rende conto che non sarà un provvedimento completo come speravano in tanti. I più arrabbiati sono i comuni e minacciano reazioni. L’Ici sarebbe un’imposta comunale, come dice anche il nome: ora cambierà ma nessuno li ha consultati.

Continua qui

 

mercoledì 15 febbraio 2012

Sanremo boom, share quasi al 50%. Ma la Rai commissaria il Festival

Lo scorso anno la media degli spettatori fu pari a 11 milioni e 992mila. Ed è polemica per le frasi del molleggiato sui cattolici

Celentano attacca i giornali cattolici e il Festival viene commissariato. Un inizio lastricato di incidenti quello dell'edizione di quest'anno. Il direttore generale della Rai Lorenza Lei, dopo aver ascoltato informalmente il presidente e i consiglieri di amministrazione presenti, ha deciso, di fronte alla situazione che si è venuta a creare, di inviare il vicedirettore generale per l’offerta Antonio Marano a coordinare con potere di intervento il lavoro del festival di Sanremo.

Continua qui

 L'approfondimento

L'Istat: Pil giù, l'Italia in recessione Ma il debito pubblico è in calo

I dati certificano la grande gelata: e le stime per il 2012 sono deboli. Il debito scende a quota
1897,946 miliardi di euro

Milano
L'Italia è in recessione: a certificarlo, i confronti dei dati trimestrali dell'Istat. Nel quarto trimestre del 2011 il Pil dell'Italia ha registrato una contrazione pari a -0,7% rispetto al trimestre precedente. Si tratta della seconda contrazione congiunturale consecutiva del Pil, dopo quella del terzo trimestre (-0,2%).

Continua qui

 

Processo Mills: condannate Berlusconi a 5 anni

Milano - Cinque anni di carcere per Silvio Berlusconi sono stati chiesti oggi al processo Mills dal pm di Milano Fabio De Pasquale.
La richiesta del pm di condannare Berlusconi a 5 anni è arrivata al termine della sua requisitoria, iniziata sabato scorso e ripresa questa mattina.
De Pasquale ha ribadito che «c’è certezza, al di là di ogni ragionevole dubbio, della colpevolezza dell’imputato». Berlusconi è accusato di corruzione in atti giudiziari per aver versato 600 mila dollari all’avvocato inglese David Mills in cambio di dichiarazioni reticenti nei processi per la Guardia di finanza e Alla Iberian

Fonte 

Diritti tv Mediatrade, anche la procura di Roma chiede il rinvio a giudizio per Berlusconi

Naufragio Concordia, al via la class action "Risarcimento da 520 milioni di dollari"

Presentata al tribunale di Miami la richiesta di 39 superstiti del disastro dell'isola del Giglio. L'avvocato: "Enorme imprudenza, non tutelata la sicurezza dei passeggeri"

 

MIAMI - Si possono quantificare i danni, fisici e morali, subiti da un sopravvissuto del naufragio della Costa Concordia? Una class action ora ci prova: 13,3 milioni di dollari a testa, circa 10 milioni di euro. La richiesta arriva da un gruppo di 39 passeggeri che si sono rivolti al tribunale di Miami per sfidare il colosso delle crociere Carnival Cruise Lines, proprietario di Costa Crociere.

La richiesta complessiva è di 520 milioni di dollari e, secondo l'esposto preparato dall'avvocato Marc Bern, le accuse sono gravissime: "C'è stata enorme imprudenza - ha detto Bern - gli addetti della nave hanno agito senza tutelare la sicurezza dei passeggeri".


Continua qui

Gdf, operazione in tutta Italia. Evasione per oltre un miliardo

Su ordine della Procura di Roma, 150 perquisizioni in corso in aziende e dirigenti per un giro di fatture false nel campo delle apparecchiature telefoniche e computer. Impegnati oltre 400 militari

 

ROMA - Operazione della Guardia di Finanza di Roma che ha eseguito in tutta Italia, 150 perquisizioni su ordine della Procura della Repubblica nei confronti di persone e aziende responsabili di un giro di fatture false movimentando merce, in particolare apparecchiature per la telefonia e computer, in evasione di imposta per oltre un miliardo di euro. Impegnati oltre 400 militari. 


Continua qui

Sanremo 2012, si blocca il sistema di voto

Dopo la seconda esibizione, quella di Samuele Bersani, la giuria non può votare perché il sistema elettronico è andato in tilt. Si passa al voto cartaceo

Il video

Sanremo 2012, il Festival delle parolacce

Celentano: ''Chiudere Avvenire e Famiglia Cristiana''

Blitz della Finanza, dopo Cortina e Portofino, controllati bar e ristoranti vicino all'Ariston

 

Da Avvenire ai treni, Celentano bomba sgangherata lanciata su Sanremo

 

Sanremo 2012,le pagelle (1)di M. Venegoni

 

 

martedì 14 febbraio 2012

Omicidio Sandri: la Cassazione conferma la condanna di Spaccarotella

9 anni e 4 mesi - La sentenza odierna della Cassazione alla quale avevano fatto ricorso i legali dell'agente della polizia stradale Luigi Spaccarotella, ha confermato la sentenza di secondo grado con la quale era stato condannato a scontare 9 anni e 4 mesi di reclusione per omicidio volontario per dolo eventuale, a danno del tifoso della Lazio Gabriele Sandri, l'11 settembre 2007 sull'A1 in un'area di servizio nei pressi di Arezzo.

Il secondo grado - A seguito della sentenza di secondo grado, che aggravava l'accusa a suo carico emessa in primo grado ed elevava il periodo di reclusione da 6 a 9 anni, l'imputato aveva presentato ricorso alla Cassazione che però l'ha di fatto rigettato, rendendo in questo modo la pena irrevocabile. La reazione dell'agente all'esito del ricorso è stata di rassegnazione e ha subito comunicato al suo legale che sarebbe andato a costituirsi.

Continua qui

Ucciso a Milano, vigile accusato di omicidio Testimone a Tgcom24: "Erano disarmati"

Massimo riserbo degli inquirenti per una situazione definita "delicata e da approfondire". 

Attesa per l'esito dei rilievi della scientifica e per l'autopsia sul cadavere del cileno di 28 anni ucciso ieri con un colpo di pistola dall'agente di polizia locale Alessandro Amigoni. Gli inquirenti mantengono il massimo riserbo per una situazione che viene definita "delicata e da approfondire". Nel frattempo il vigile è stato indagato per omicidio volontario.Ieri Amigoni, assistito da un avvocato d'ufficio, è stato interrogato a lungo fino a tarda notte dal pm Roberto Pellicano, titolare delle indagini, seguite passo passo anche dal procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati.

Un testimone: "I cileni erano disarmati"
Un "testimone oculare" sostiene che i due immigrati in fuga non avrebbero avuto armi con sè. Lo rivela lui stesso alle telecamere di TgCom24. "Ero lì al Parco Lambro che passeggiavo - racconta l'uomo - come faccio spesso. A un certo punto ho visto due ragazzi che correvano via inseguiti da un'auto dei vigili che andava contromano. Poi si sono fermati e hanno iniziato a correre a piedi, non avevano nè pistole nè niente e urlavano 'Non sparate non sparate!'". "Dopo un po' - racconta ancora - ho sentito degli spari. Sono sicuro che i due ragazzi non fossero armati. Dopo gli spari ho visto uno dei due a terra insanguinato, l'altro invece è scappato. Dei due vigili, uno correva dietro ai ragazzi, l'altro invece è rimasto fermo accanto all'auto. Lo ha ammazzato - sostiene l'uomo - gli ha buttato due colpi addosso". 

Continua qui

Atteso il verdetto su Roma 2020 Il governo orientato a dire no

Monti annuncerà la decisione del governo sulla candidatura
per i Giochi. Ma è sempre più probabile un passo indietro.
Pescante: «Se finisse così avremmo molto da recriminare»

Roma
Il premier Mario Monti incontrerà il sindaco di Roma Gianni Alemanno, i presidenti del comitato organizzatore Gianni Letta e Mario Pescante e quello del Coni, Gianni Petrucci, dopo il Consiglio dei Ministri per annunciare la decisione del Governo sulla candidatura di Roma 2020.

Continua qui 

Olimpiadi Roma 2020, c'è il no di Monti. Il governo ha bloccato la candidatura

 

lunedì 13 febbraio 2012

Caso Ruby, il racconto dell'agente "Il festino e le avances di Silvio"

Il racconto dell'agente che arrestò l'allora minorenne Karima El Mahroug, la sera del maggio 2010. La ragazza gli disse di aver respinto il Cavaliere. Il ruolo della Minetti

 

MILANO - Udienza questa mattina al Tribunale di Milano nell'ambito dell'inchiesta per il processo Ruby 1 a carico dell'ex premier. Ad essere ascoltato come testimone è stato l'agente Ermes Cafaro, che arrestò per furto l'allora minorenne Karima El Mahroug la sera del 27 maggio 2010. Ruby raccontò all'agente Caffaro, in questura a Milano, di aver partecipato ad una festa a Villa San Martino ad Arcore, dove era stata accompagnata da Lele Mora e di aver ricevuto 'avances' da parte di Silvio Berlusconi. La giovane disse di averlo respinto.

Le avances. "Io volevo andar via - avrebbe detto la giovane marocchina al poliziotto - e Berlusconi si meravigliò". Alla festa ci sarebbero stati, oltre a lei, "donne che si spogliavano" e questo l'avrebbe messa a disagio. La ragazza avrebbe anche detto al poliziotto che Mora sapeva che fosse minorenne ma Berlusconi "probabilmente no".

 

Continua qui