mercoledì 31 dicembre 2014

Capodanno imbiancato, neve da nord a sud

Vesuvio innevato, bora a Trieste, le Eolie isolate

(ANSA) - ROMA, 31 DIC - Capodanno sotto la neve in molte zone d'Italia. Vesuvio innevato dalla cima alle quote più basse e neve pure nella fascia dei comuni vesuviani, chiuso per un'ora l'aeroporto di Capodichino. In Puglia, fiocchi bianchi nella notte sia sui rilievi, sia sulle zone costiere ed a Bari, Brindisi e Taranto. Molise e Sicilia paralizzate da neve e gelo; isolate le Eolie, chiusa l'autostrada Palermo-Catania tra Buonfornello e Irosa. Nevischio in Emilia Romagna, bora a 100 km/h a Trieste.

 

Continua qui 

 

Capodanno nella morsa del gelo: neve e disagi al Centro e al Sud

 

Traghetto, perse tracce di 98 persone Relitto verso Valona per il maltempo

Le pessime condizioni meteorologiche hanno costretto i soccorritori a dirottare dalle coste della Puglia verso l'Albania, ma la destinazione finale resta Brindisi.

Il relitto della Norman Atlantic è stato agganciato e sarà ora portato nella baia di Valona, in Albania. Impossibile infatti trasportarlo sulle coste pugliesi per le condizioni proibitive del mare in tempesta. La destinazione finale resta comunque il porto di Brindisi. Intanto il procuratore di Bari fa sapere che non si hanno notizie di 98 profughi.

Continua qui

martedì 30 dicembre 2014

Maltempo su tutta l'Italia, termometri sottozero. Nevicate sulla dorsale adriatica

Vento e un flusso di aria artica per i prossimi giorni 

Neve a Capracotta, Molise © ANSA

Italia, in particolare l'area centrale, sotto la morsa del gelo con nevicate tra Abruzzo e Molise, in attesa di un Capodanno che sarà caratterizzato da vento forte, da un flusso di aria artica da nord a sud e da precipitazioni nevose che interesseranno soprattutto le regioni centro-meridionali dalle prime ore del 30 dicembre e per le successive 36 ore. A lanciare l'allerta è la Protezione civile.

Da ore il Molise é sotto una bufera di neve. Paralizzate le località di montagna, in particolare l'Alto Molise. Fino ad un metro e mezzo di neve nella zona di Capracotta (Isernia), mezzo metro invece ad Agnone (Isernia). Le precipitazioni sono in corso anche a quote basse e stanno creando difficoltà sulle strade dove dalla notte sono in azione mezzi spartineve e spargisale. Nevica senza sosta da ieri sera anche a Campobasso dove il manto nevoso ha raggiunto i dieci centimetri e la temperatura è scesa fino a cinque gradi sotto zero.

Continua qui

Norman Atlantic, 3 morti italiani. Procuratore: “Su 179 non ci sono notizie”

A bordo del Norman Atlantic c’erano 499 persone, i morti sono 10 accertati di cui sono stati recuperati 8 corpi. Non ci sono notizie di 179 persone, ma gran parte di questi potrebbero essere su due mercantili in viaggio verso la Grecia che si erano avvicinati al luogo dell’incidente del traghetto della Visemar noleggiato dalla Anek Lines. Sono i numeri aggiornati del procuratore capo di Bari Giuseppe Volpe sulla tragedia della nave incendiata e finita alla deriva tra le coste della Puglia e dell’Albania da oltre due giorni. Numeri aggiornati, ma non certi. Non è chiaro, ha detto il procuratore, quanti clandestini vi fossero a bordo (3 sono già sicuri); non è chiaro quanti passeggeri fossero saliti in overbooking (i sicuri sono 18). Che i numeri non tornassero si era capito già nelle scorse ore quando era emerso che tra le 310 persone recuperate 80 non figuravano nelle liste di passeggeri e membri dell’equipaggio (che non sono controllate in maniera severa come in aeroporto, ma comunque dovrebbero essere verificate).

Continua qui 

Traghetto in fiamme: le vittime sono 11, fra cui 3 camionisti di Napoli. Norman Atlantic sarà rimorchiata a Brindisi

 

 

Grecia, allarme per uomini armati su una nave a Corfù

Lo riferisce Skynews su twitter

Una nave al largo dell'isola greca di Corfù ha lanciato un segnale di allarme per la presenza di sospetti uomini armati a bordo. Lo riferisce Skynews su twitter.

Anche la televisione di Stato Nerit ha confermato la notizia della presenza di uomini armati a bordo della nave.

Continua qui

 

Volo malese, trovati i resti dell'aereo nel Mar di Giava: 162 morti

L'Indonesia, dopo la tragedia di domenica, aveva richiesto l'aiuto degli Stati Uniti per trovare l'aereo

I relitti bianchi e rossi trovati nel mare di Giava appartengono all'aereo AirAsia scomparso domenica scorsa con 162 persone a bordo. Lo afferma il Direttore generale dell'Aviazione civile indonesiana. Il ministro dei Trasporti si sta recando sul luogo del ritrovamento, dove sarebbe stato avvistato anche un corpo galleggiante. I resti dell'aereo sono stati trovati 160 chilometri a sudovest di Pangkalan Bun, al largo dell'isola di Borneo
"Il mio cuore e' colmo di tristezza per le famiglie coinvolte" nel disastro aereo. "Per conto dell'AirAsia le mie condoglianze a tutti. Le parole non possono esprimere il dolore che provo". Lo scrive con un tweet l'amministratore delegato di AirAsia, Tony Fernandes.

Continua qui

 

Milano, il 22enne sfregiato con l'acido da un operatore di Borsa e una bocconiana: arrestati

La vittima dell'aggressione è al Niguarda con una prognosi di 60 giorni. In manette un 30enne tedesco e una 22enne che in passato avrebbe tentato di evirare un uomo durante un rapporto sessuale

Lui operatore di Borsa, lei studentessa della Bocconi, È il profilo dei due giovani arrestati per avere sfregiato con l'acido il 22enne P.B. in via Giulio Carcano a Milano. Il giudice Lorella Trovato, del tribunale di Milano, ha convalidato per entrambi l'arresto in carcere. La ragazza è accusata di avere materialmente gettato il liquido. Il giovane di avere successivamente tentato di colpire con un martello la vittima, ricoverato per ustioni con una prognosi di 60 giorni.

Continua qui 

lunedì 29 dicembre 2014

Volo Air Asia scomparso, capo ricerche: "Forse l'aereo è in fondo al mare"

Airbus A320 della compagnia low cost viaggiava fra Indonesia e Singapore con 162 persone a bordo

L'aereo dell'Air Asia partito dall'Indonesia per Singapore con 162 persone a bordo è probabilmente "in fondo al mare". Lo ha affermato oggi il capo dell'agenzia nazionale indonesiana di ricerca e soccorso. "Tenendo conto delle informazione in nostro possesso e della stima secondo la quale il luogo dello schianto sarebbe in mare, l'ipotesi è che l'aereo si trovi proprio in fondo al mare", ha detto in conferenza stampa Bambang Soelistyo. "Si tratta di un'ipotesi preliminare che potrà avere sviluppi con le valutazioni dei risultati delle ricerche", ha aggiunto.

Le autorità indonesiane hanno allargato il raggio delle ricerche. In superficie sono stati rinvenuti oggetti che però il vicepresidente indonesiano in persona, Jusuf Kalla, ha escluso possano provenire dall'aereo scomparso.

Continua qui

Incendio sul traghetto dalla Grecia, salvi in 251. A bordo ancora 227 naufraghi, 49 verso Bari

Sul Norman Atlantic, partito da Patrasso e diretto ad Ancona, alle 4,30 di domenica mattina il fuoco è divampato nel garage. Il mare molto mosso rende difficili le operazioni. A bordo 44 italiani, di cui 22 passeggeri. Dal ponte: "La nave si è inclinata. C'è freddo e fumo". La Guardia Costiera: "Fiamme domate"

ATENE - Oltre 24 ore di terrore per i passeggeri della Norman Atlantic, bloccati sulla nave in fiamme dalle 4,30 da domenica mattina. Nella notte tra domenica è lunedì grazie agli interventi di tutte le forze coinvolte, è salito il numero dei naufraghi recuperati. Le operazioni di recupero proseguono speditamente secondo la Capitaneria. L'obiettivo è di evacuare tutte le persone in poche ore. Dlla nave durante il giorno sono arrivate testimonianze drammatiche: "Qui si muore di freddo e di fumo".

Le persone messe in salvo sono 251. Ancora 227 persone da salvare, nessuno risulta disperso. Due soccorritori a bordo. Quarantanove passeggeri in arrivo, inizialmente diretti a Brindisi, poi cambio di rotta, virata verso Bari.  E i soccorsi, cui stanno partecipando molte navi mercantili, andranno avanti coordinati dalla nave della Marina Militare italiana San Giorgio. Le condizioni meteo sono state terribili per tutta la giornata dell'emergenza: mare forza 8 e vento a cinquanta nodi.


Continua qui 

Norman Atlantic, in fiamme al largo dell’Albania, soccorsi in Adriatico


Traghetto, cinque morti. In 60 ancora a bordo. Quasi domato il rogo. Ma rimane l’allerta meteo

Ultimo aggiornamento:Traghetto in fiamme, evacuati tutti i passeggeri: 8 morti.

 

 

 

 

sabato 27 dicembre 2014

Caro tariffe: nel 2014 salasso da 324 euro, e arrivano nuovi rincari

Roma - Rifiuti, acqua, trasporti. La lista dei rincari tariffari è lunga e tale nel 2014 da aver inciso sulle tasche degli italiani 324 euro in più rispetto allo scorso anno. A fare i conti è il Codacons che, tolta qualche piccola eccezione come quella dell’rc auto, rileva aumenti generalizzati in quasi tutti i settori, nazionali e locali.

Il 2015, però, potrebbe non essere migliore visto che un’altra associazione di consumatori, la Federconsumatori, prevede rincari complessivi, tra prezzi e tariffe per 677 euro. In rampa di lancio ci sono anche le richieste di aumento dei pedaggi autostradali che le società concessionarie avrebbero richiesto a partire da gennaio, un timore che al momento non trova conferme negli ambienti del ministero dei trasporti.

Continua qui

Ali Agca in Vaticano: «Voglio vedere Papa Francesco». E porta fiori sulla tomba di Woytila

Città del Vaticano - Alì Agca si è recato oggi in Vaticano e ha portato un mazzo di fiori sulla tomba di Papa Wojtyla. Lo riferiscono fonti vaticane.
Ali Agca sarebbe stato riconosciuto in piazza San Pietro da un poliziotto che l’avrebbe accompagnato negli uffici dell’Ispettorato Vaticano per un controllo sui documenti. Agca ha già lasciato gli uffici di polizia.
«Sentivo la necessità di fare questo gesto»: così Ali Agca ha spiegato negli uffici dell’Ispettorato di Polizia l’ intenzione di portare fiori sulla tomba del Papa al quale sparò nel 1981. Agca è arrivato ieri in auto a Roma dall’ Austria. A chi ha avuto modo di incontrarlo ha mostrato un atteggiamento tranquillo.


Continua qui

Arriva l’aria polare, neve anche a Milano e Torino

Il vento glaciale Burian fa precipitare l’Italia nella morsa del gelo. Da oggi temperature sotto zero dopo un dicembre tra i più miti dall’ ’800. Gelo e fiocchi in tutta la Val d’Aosta




Mancava da tredici anni, ora è ritornato e sarà terribile. E’ il vento polare proveniente dalla Russia, il Burian, che farà piombare l’Italia in un periodo gelido. Temperature notturne fino a -10° in pianura, -30° e oltre sulle Alpi, sullo zero anche di giorno su alcune città del Nord e non più di 4/5° diurni al Centro. Il Burian, che arriverà lunedì, porterà entro la fine dell’anno tanta neve sulle regioni adriatiche fin sulle coste, fiocchi a bassissima quota, se non localmente anche in pianura sulla costa Smeralda, sulle coste settentrionali della Sicilia e su tutta la Calabria.

NEVE SU MILANO Oggi la perturbazione Cleopatra ha già portato la neve sulla Pianura padana e sulle Alpi e Prealpi del Nord mentre su Toscana, Lazio e poi Campania arriveranno violenti nubifragi con neve abbondante sopra i 500/600 metri. A Milano è iniziato a nevicare in mattinata. Per la giornata di oggi sono attese precipitazioni deboli diffuse e a carattere nevoso anche in pianura con temperature minime e massime in calo, tra -4 e 0 gradi. Già domani la situazione dovrebbe migliorare.

Fonte 


La giornata di inverno nel Tigullio, spruzzata di neve sui monti

 

 

Torino, anziana uccisa per 15 euro. In manette il giovane killer

Arrestato un 18enne romeno. È stato rintracciato grazie al cellulare rubato alla vittima e alle impronte digitali lasciate su un bicchiere. Adesso è accusato di omicidio e rapina

Sono stati preziosi dettagli investigativi a portare la polizia a ridolvere l’omicidio di corso Re Umberto in meno di sette giorni. Margherita Crivello, 77 anni, è stata aggredita in casa il 17 dicembre scorso e derubata della borsetta da un 18enne rom, Mihiata Stanescu, che l’ha buttata a terra e forse picchiata con un pugno in pieno volto, fratturandole la mandibola. Il giovane, bevendo da un bicchiere, poi trovato in frantumi in casa, ha lasciato un’impronta digitale nitida, del dito anulare, sul vetro. Da qui è stato riconosciuto dagli uomini della scientifica della questura torinese, perchè il giovane, da sei mesi in Italia, era già stato fermato per un furto di rame.

Continua qui

venerdì 26 dicembre 2014

In arrivo la neve anche sulla pianura alessandrina

Prevista per domani sabato 27 dicembre, ma domenica torna già il sereno

“L’Inverno ruggisce sull’Italia, si apre una fase di freddo intenso con nevicate anche in pianura” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega “nel weekend arriverà un impulso polare dal Nord Europa che porterà maltempo con prime nevicate anche fino in pianura sul Nord Italia nella giornata di sabato, specie tra Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia entro fine giornata.

Ad Alessandria domani sabato 27 dicembre cieli molto nuvolosi o coperti con deboli nevicate fino al pomeriggio, asciutto in serata, sono previsti 2 cm di neve. Durante la giornata di domani la temperatura massima registrata sarà di 1°C, la minima di -1°C, lo zero termico si attesterà a 600 m. I venti saranno al mattino assenti o deboli e proverranno da Nord, al pomeriggio deboli e proverranno da Nord-Nordovest.

Continua qui

In arrivo il grande freddo (con poca neve)

 

Gavi (AL), marito e moglie uccisi dalla caldaia

Gavi - Sono morti nella notte, Franco Tacchino (68 anni) e Rosalia Franza (65), marito e moglie, intossicati dalle esalazioni della caldaia a gas nella loro villetta di Gavi, mentre la figlia Paola (30) è ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Novara.

A trovarli, in mattinata, è stato l’altro figlio, Cristian: non riuscendo a contattarli telefonicamente, è andato ad accertarsi di persona delle condizioni dei genitori e della sorella nel palazzo al numero 6 di via Lomellina.

Continua qui

Ragazza italiana uccisa in Brasile, corpo trovato su una spiaggia. Gaia Molinari uccisa con una pietra

Ferite alla testa e sul corpo, il cadavere trovato da alcuni turisti il giorno di Natale

Giallo in Brasile dopo il ritrovamenton del cadavere di un ragazza italiana: una piacentina di 29 anni è stata assassinata, si tratta di Gaia Molinari. Il suo corpo è stato ritrovato il giorno di Natale da alcuni turisti sulla spiaggia in località Jijoca Jericoacoara, a 287 km da Fortaleza. Presentava diverse ferite alla testa e sul corpo. Sarebbe stata colpita con una pietra.

Continua qui

Allerta Protezione Civile per neve

In pianura al Nord e su colline al Centro. Attenzione per vento

(ANSA) - ROMA, 26 DIC - Allerta maltempo della Protezione civile a causa di una perturbazione proveniente dal Nord Atlantico raggiungerà le regioni settentrionali del nostro Paese nel corso della prossima notte. E' previsto, a partire dalle zone di nord-ovest, un netto peggioramento delle condizioni meteorologiche, con venti forti, temporali sulle aree tirreniche e nevicate fino in pianura al Nord e a quote collinari al Centro.

 

Fonte

giovedì 25 dicembre 2014

Pendolari, sei nuovi treni sulla Genova-Arquata gallerie a nuovo, ora viaggia il primo "Vivalto"

A regime saranno disponibili 3.500 posti a sedere in più Gli interventi consentono il passaggio di carrozze a doppio piano

Basteranno 3500 posti a sedere e altri sei nuovi treni per risolvere i drammi quotidiani dei pendolari? Per ora i viaggiatori della Genova  -  Busalla  -  Arquata si godono il regalo di Natale che hanno trovato ieri sul primo binario della stazione Brignole. Un nuovo Vivalto a doppio piano, quattro carrozze e 1500 posti in più a sedere per una linea fino ad ora considerata off limits per i treni di nuova generazione.
"E' solo l'inizio  -  spiega Enrico Melloni, Direttore regionale Trenitalia  -  Quando ad aprile entreranno a regime tutte i due nuovi convogli i posti a sedere saliranno fino a 3.500 in più al giorno". Un progetto da un milione e mezzo di euro che ha permesso di risagomare 8 gallerie su tutta la linea, intervenendo sulle interferenze che non permettevano il passaggio dei treni.


Continua qui 

Donna uccide figlio 13enne durante lite

La sera della vigilia di Natale a S.Severino Marche, Macerata

(ANSA) - MACERATA, 25 DIC - Una donna di 40 anni, Deborah Calamai, ha ucciso a coltellate mercoledì sera a San Severino Marche (Macerata) poco dopo le 21,30 il figlio 13enne, Simone, al culmine di una lite. Sono ancora sconosciuti i motivi del diverbio tra madre e figlio, scoppiato nell'abitazione dei due. Sembra che la donna abbia inseguito il figlio adolescente fin sul pianerottolo, colpendolo poi con una decina di coltellate, una delle quali al cuore, risultata fatale.

Continua qui

mercoledì 24 dicembre 2014

METEO A 7 GIORNI: porte aperte all'inverno sull'Italia!

Fine dicembre ed inizio gennaio davvero freddi ed in parte anche nevosi sulla nostra Penisola. L'inverno proverà a fare sul serio, scaraventando aria artica verso l'Europa centrale e l'Italia all'inizio della settimana prossima. 

 

Dopo averlo aspettato ed analizzato su carte e modelli, l'inverno proverà a fare la voce grossa sul nostro Paese nel corso dei prossimi giorni.
La mitezza di Natale potrebbe essere spazzata via in breve tempo, con un crescendo di freddo che culminerà sull'Italia proprio verso la fine dell'anno.
L'antipasto lo avremo nella giornata di Santo Stefano, quando una prima (moderata) irruzione da nord spazzerà via la nebbia, le nubi basse e gli inquinanti, facendo precipitare sia le temperature, che i fiocchi di neve, questi ultimi segnatamente sull'Appennino centro-meridionale.



Un secondo impulso freddo, legato ad un fronte di matrice nord atlantica, si farà sentire al centro-nord tra domenica 28 e lunedì 29 dicembre (lo vediamo nella prima cartina a sinistra).

La traiettoria di questa perturbazione è ancora incerta, ma sembra assai probabile la caduta di un po' di neve sulle pianure del nord (specie nord-est) e a quote collinari al centro (specie Toscana). Il tutto sarebbe poi seguito da un'ulteriore calo delle temperature e nevicate lungo i versanti orientali fino in pianura (si legga a tal proposito questo articolo: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/tutta-la-neve-in-arrivo-al-centro-sud/48457/)

Attorno alla fine dell'anno, il freddo (anzi, il GELO) potrebbe tentare il colpaccio  ed impadronirsi di gran carriera prima dell'Europa centro-orientale, poi anche dell'Italia.

La cartina prevista per martedì 30 dicembre mette in luce la forte colata fredda che viene attualmente contemplata dall'ultimo run del modello americano.

La nostra Penisola potrebbe essere attraversata da isoterme (a 1500 metri di quota circa) al di sotto dei -10°, con punte di -15° in prossimità dell'arco alpino.
 
Per avere idea della mole di freddo che potrebbe interessare l'Italia nella notte di San Silvestro, ecco una cartina che inquadra le temperature attese per mercoledì 31 sul nostro Paese.

Punte di -14° sulle Alpi, -12° sul nord Italia e -10° su molte zone della nostra Penisola, meridione compreso. Sarebbe un'ondata fredda davvero intensa e il freddo verrebbe accentuato anche dalla forte ventilazione settentrionale che si attiverebbe su molte regioni.

Lungo le regioni adriatiche la neve potrebbe cadere fin sui litorali se questa cartina trovasse conferma nel prossimo futuro.
Ecco la linea di tendenza del tempo fino alla giornata di mercoledì 31 dicembre.

Continua qui 

Una svolta verso il GRANDE INVERNO?

 

Usa, ancora un giovane nero ucciso dalla polizia

Il giovane colpito a un distributore di benzina vicino a Ferguson, nella contea di St Louis. Gli agenti: era armato, ha puntato l’arma contro di noi. Sale la tensione

Ancora un giovane nero ucciso dalla polizia negli Stati Uniti, a pochi chilometri dalla cittadina di Ferguson dove il 9 agosto scorso un altro afroamericano, Michael Brown, venne freddato dagli agenti e la cui morte scatenò un’ondata di proteste senza precedenti sui metodi adottati dalle forze dell’ordine. Secondo una prima ricostruzione degli agenti della contea di St Louis in Missouri, la notte scorsa, un poliziotto ha aperto il fuoco uccidendo un giovane di 18 anni, identificato con il nome di Antonio Martin, dopo che quest’ultimo gli aveva puntato contro una pistola.

Continua qui

martedì 23 dicembre 2014

Allarme Natale: dolci scaduti nel 2007 e pesce avariato, maxi sequestro

Sotto osservazione 56 strutture, oltre 650 le persone segnalate all'autorità giudiziaria dai Nas

I Nuclei antisofisticazioni e sanità e i Nuclei antifrodi dei carabinieri sono impegnati nell'operazione "Natale sicuro" e hanno sequestrato oltre 60 tonnellate di cibo, tra cui 30mila kg di prodotti di pasticceria e dolciari e 1000 kg di pesci di ignota provenienza, "in cattive condizioni igienico-sanitarie, stoccati in ambienti inadeguati, con date di scadenza superate o venduti come produzione artigianale pur essendo industriali".

Negli ultimi venti giorni, i militari hanno passato al setaccio industrie di prodotti dolciari, pasticcerie, mercati ortofrutticoli ed ittici, depositi alimentari e caseifici. Oltre 2mila le ispezioni eseguite - piu' di 100 al giorno - con irregolarita' rilevate nel 20% delle strutture controllate. Seicento le violazioni accertate alle normative nazionali e comunitarie e oltre 650 le persone segnalate alle autorita' giudiziarie e amministrative.

Continua qui

Verona, aggredisce a martellate moglie e figli. Poi si suicida

Nuova tragedia familiare. Teatro dell'ennesimo episodio di violenza è Isola della Scala in provincia di Verona: un moldavo di 37 anni ha aggredito a martellate la moglie e i due figli di 9 e 16 anni, poi si è ucciso.

L'uomo, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri intervenuti sul posto, si è ucciso tagliandosi le vene dei polsi. Resta da chiarire il movente della tragedia.

Continua qui

Incendio doloso in una stazione di Bologna: treni fermi. È il quarto sabotaggio in un mese

Rogo su alcuni cavi per la gestione del traffico. Nessun ferito ma blocchi, ritardi e disagi. Ma a preoccupare è soprattutto la serie di attacchi alle linee: per gli inquirenti c'è una strategia dietro. Lupi: "Atto terroristico"

Continua qui

lunedì 22 dicembre 2014

"E' mio figlio!". Il dramma della madre che vede il suo bimbo nell'Isis

Il piccolo Ismail, 3 anni, riconosciuto dalla madre. Il padre l'aveva portato via da Belluno quando si è unito all'Is, poi è stato ucciso e il piccolo è sparito

Lidia Solana Herrera è sicura: il bimbo della foto difffusa da un sito jihadista, col mitra in mano tra i miliziani dell'Isis è suo figlio, Ismail Mesinovic. Il piccolo di 3 anni è stato rapito dal padre Ismar a novembre 2013, quando l'imbianchino bosniaco fino a quel momento residente a Longarone (Belluno) ha deciso di andare in Siria a combattere al fianco dei miliziani islamisti. E ha portato con sé il suo bimbo, allontanandolo dalla madre, che da quel momento non ha mai smesso di cercarlo.

LE FOTO DEL PICCOLO ISMAIL DIFFUSE DALL'ISIS

Pochi mesi fa ha saputo che il marito è morto, ma nessuna traccia del piccolo se un sms inviato da un amico macedone di Ismar: "Ismail sta bene".
Sul caso stanno indagando i Ros di Padova, gli stessi che già hanno aperto un'inchiesta sulla rete di reclutatori dell'Isis in Veneto. La foto del piccolo sembra autentica, il piccolo col mitra, forse giocattolo, la felpa nera, a fascia con la scritta dell’Isis somiglia moltissimo al piccolo Ismail. "Credo proprio che sia mio figlio - si è convinta -. È uguale. Vi prego, riportatelo da me".

Fonte

Discesa polare dal 26: arriva il Terribile Ivan!

Bel tempo con nebbie fino a Natale, poi cambia tutto con pioggia e neve

Discesa polare dal 26: arriva il Terribile Ivan!

Vivremo giornate di passione. Dal 26 dicembre, il terribile Ivan, una discesa polare dal Nord Europa irromperà in Italia portando ad uno sconvolgimento totale del tempo sulle nostre regioni. La nostra redazione web ci comunica che il tempo non cambierà fino a Natale con nebbie in pianura e pioviggine sparsa in Liguria, Toscana e coste tirreniche, poi cambia tutto. Dalla serata del 25 dicembre faranno ingresso in Italia venti forti orientali che inizieranno a far piovere sull’Emilia Romagna e Marche con neve inizialmente da 1300 metri, poi in calo fino a 600 metri. Il giorno di santo Stefano pioggia e neve a bassa quota colpiscono le regioni adriatiche e gli Appennini, venti fortissimi dai quadranti nordorientali. Maltempo che raggiunge anche il Sud con intensi nubifragi sul Palermitano, Messinese, poi anche Crotonese. La neve scenderà fin sopra i 300/500 metri sugli Appennini, localmente anche a quote più basse. Arriverà la neve anche al Nord?

La redazione web del sito www.iLMeteo.it comunica che Ivan porterà ad un calo repentino delle temperature che scenderanno di notte di 3/5°sotto lo zero al Nord.  Nella notte di sabato 27 una perturbazione atlantica raggiungerà le regioni settentrionali e domenica 28 sarà neve diffusa e copiosa al Nord, forte in Emilia Romagna, Lombardia, Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia con accumuli anche importanti. Sempre domenica 28 però si abbatteranno forti nubifragi sul Lazio e sulla Toscana meridionale.

Fonte

Incidente stradale nel Salento: tre morti

LECCE - Tre persone sono morte in un incidente stradale avvenuto in serata sulla strada statale 275 che collega Maglie a Leuca, nel Salento. Altre due sono state ricoverate in ospedale e sono in gravi condizioni. Tre le auto coinvolte nell'incidente: una Ford Fiesta, una Fiat Croma, e una Fiat 600. Lo scontro è avvenuto in un tratto di strada dove non c'è lo spartitraffico, in prossimità dello svincolo per Scorrano.

Continua qui

domenica 21 dicembre 2014

Crisi, niente vacanze di Natale per 48 milioni di italiani

Secondo Federalberghi un italiano su due, 30 milioni, resta a casa per motivi economici. Partiranno in 11,8 milioni, ma spenderanno di più. "Cresce la fiducia" dice Confturismo, mentre Bocca chiede "misure urgenti da parte del governo"

MILANO - Natale e Capodanno a casa per 48 milioni di italiani. La crisi morde forte e se 18 milioni dichiarano di non partire per scelta, altri 30 milioni, un italiano su due, non lo fa per motivi economici. Insomma al di là delle rilevazione statistiche la ripresa è ancora lontano. Quest'anno saranno solo 11,8 milioni gli italiani che si ritaglieranno qualche giorno di ferie, cinque al massimo, fuori casa, l'1,6% in meno rispetto a 12 mesi fa, quando pareva che la crisi avesse toccato il fondo. 

Continua qui

Gdo, un Natale in rosso il fatturato precipita

Dall'8 al 14 dicembre le vendite a livello nazionale sono diminuite del 5,13%. Il bilancio dal 1 gennaio si è ormai attestato sopra la soglia dei due punti percentuali (-2,18%) ed è altamente improbabile che riesca a tornare sotto prima della fine dell'anno


Per la distribuzione moderna si preannuncia un Natale drammatico. Secondo i dati raccolti da Nielsen, nella settimana dall'8 al 14 dicembre il calo del fatturato ha subito un'ulteriore accelerazione portandosi a -5,13%. Il progressivo dal 1 gennaio sale così al -2,18% e, salvo imprevisti e inattesi cambiamenti di trend, il 2014 si chiuderà con un rosso abbondantemente superiore ai due punti percentuali.

Nei sette giorni in esame è letteralmente crollato il Nord-est, sono andati molto male il Centro e il Sud e, se così si può dire, ha limitato le perdite il Nord-ovest, che era però reduce da un pessima settimana.  Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia-Giulia e Trentino hanno lasciato sul terreno il 7,12% e dall'inizio dell'anno hanno accumulato una perdita del 2,75%. Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia hanno sofferto un calo del 5,51% e restano la macro-area con la peggiore performance dal 1 gennaio (-2,93%). Toscana, Marche, Umbria, Lazio e Sardegna sono arretrate del 5,13% ma salvano il primato dall'inizio dell'anno (-1,64%). Piemonte, Valle d'Aosta e Lombardia hanno perso il 3,94% nella settimana e si fermano a un soffio dalla soglia del -2% (-1,97% per la precisione) per tutto il 2014. 
Continua qui

sabato 20 dicembre 2014

FREDDO e NEVE: fine anno con o senza botto?

Verso un'evoluzione normale per il periodo?

 

 
La media degli scenari del modello americano non sembra lasciare spazio ad alcuna discussione. Tutte le ipotesi, portate avanti da giorni con grande fatica da parte del nostro team, verrebbero quasi completamente ridimensionate da questa carta, che vedrebbe correnti da ovest solo leggermente ondulate con deviazione da nord-ovest sulla nostra Penisola, un po' di freddo secco in Adriatico e nulla di più.

Ci sembra un'analisi un po' troppo affrettata, che poggia evidentemente su corse perturbatrici molto lontane dall'ipotesi ufficiale del modello americano, che seguita a veder piombare su Europa centrale e sull'Italia una depressione carica di temperature invernali, vento e nevicate almeno in montagna.

Il tutto certo in un quadro non estremo; risulterebbe un affondo invernale di assoluta normalità, se non fosse che di queste configurazioni non si vedeva traccia da quasi 2 anni e dunque assume una valenza diversa.

Potrebbe essere il segnale di molte altre ondulazioni in arrivo durante il mese di gennaio, dunque con scambi meridiani più accentuati di masse d'aria e di conseguenza potenziali episodi invernali per il nostro Paese.

Se invece tutto si risolvesse in una bolla di sapone, allora prepariamoci a vivere un altro periodo mite, dominato dalle correnti occidentali.

Il modello europeo, pur non troppo convinto, vede l'affondo perturbato di fine anno, ma soprattutto lascia intendere che potrebbe verificarsene uno anche più importante all'inizio del 2015.

Ancora una volta però si nota come situazioni di potenziale forte maltempo invernale che il modello "legge" nel lungo termine, vengano gradualmente ridimensionate e fatte rientrare nella assoluta normalità avvicinandosi all'evento.

Continua qui

 

Cec-Pac addio, l'Agid fa sparire l'invenzione di Brunetta. Flop da 19 milioni di euro

L'annuncio oggi dell'Agenzia per l'Italia Digitale. Dal 18 dicembre non saranno più attivate Cec-Pac. Da marzo 2015 gli utenti potranno avere una Pec gratuita per i rapporti con la pubblica amministrazione
 

L'AGENZIA per l'Italia digitale chiude la Cec-Pac, la speciale posta certificata che l'allora ministro Renato Brunetta aveva ideato per i rapporti tra cittadino e la pubblica amministrazione. E la chiude perché la Cec-Pac si è rivelata un flop: un mostro burocratico che ci costava 19 milioni di euro e veniva utilizzata da poche persone- nonostante gli annunci trionfali di Brunetta. "Con questa decisione, l'Agid inaugura una fase nuova: la chiusura di tutti quei progetti digitali che non funzionano e che causano solo uno spreco di fondi pubblici. È una novità rispetto alle solite storture burocratiche italiane", commenta a Repubblica.it Ernesto Belisario, avvocato membro del tavolo permanente per l'innovazione e l'agenda digitale presso Palazzo Chigi. 

Continua qui 

Tabaccaio ucciso durante una rapina ad Asti

Il colpo all'ora di chiusura. La vittima 37 anni ha reagito per difendere la moglie che era stata picchiata dai due banditi che gli hanno poi sparato.

Un tabaccaio è rimasto ucciso questa sera durante una rapina ad Asti. Il negozio, in via Alba 16 si chiama Bacco Tabacco. La vittima, Manuel Bacco, 37 anni, stava chiudendo il negozio quando è stato affrontato da due rapinatori incappucciati che hanno picchiato la moglie. Lui ha reagito e di fronte a questo i due non hanno esitato a sparare. E poi sono fuggiti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.
L'omicidio di una settimana fa a Torino
Una settimana fa un altro tabaccaio era stato ucciso a Torino da uno squilibrato che lo aveva picchiato a morte per "vendetta"


Fonte 

venerdì 19 dicembre 2014

Varese, trovata morta la hostess scomparsa

Valentina Scampini, 28 anni, era sparita quattro giorni fa da Oggiona Santo Stefano. Il suo cadavere è stato scoperto in un bosco. La sua auto era stata trovata parcheggiata in città

Valentina Scampini, la giovane hostess di 28 anni, che era scomparsa da quattro giorni a Oggiona Santo Stefano, nel Varesotto, è stata trovata morta. Lo confermano gli investigatori. Il suo corpo è stato rinvenuto dagli uomini del Saf dei Vigili del Fuoco e della protezione civile insieme ai Carabinieri che pattugliavano l’area.

Continua qui

Discarica dei veleni a Bussi: tutti assolti

Una nuova prescrizione salva i responsabili Montedison di un disastro ambientale senza precedenti

Dopo cinque ore di Camera di consiglio la Corte d’Assise di Chieti ha assolto tutti gli imputati coinvolti nel processo per la megadiscarica dei veleni di Bussi sul Tirino (Pescara). Gli imputati erano 19 e tutti a vario titolo erano stati accusati di disastro colposo, di disastro ambientale e di avvelenamento delle acque. La Corte ha derubricato il reato in disastro colposo e gli imputati sono stati giudicati non colpevoli per sopraggiunta prescrizione. I 19 imputati sono quasi tutti ex amministratori e vertici della Montedison. I pm del tribunale di Pescara Giuseppe Bellelli e Anna Rita Mantini avevano chiesto 18 condanne e un’assoluzione e pene da 4 a 12 anni e otto mesi. La scoperta della discarica più grande d’Europa, cioè 25 ettari di rifiuti tossici, risale al 2007 dopo più di un anno di indagini del Corpo forestale dello Stato, coordinate dall’allora pm Aldo Aceto, avviate a seguito del ritrovamento nel fiume Pescara di considerevoli quantità di clorometanoderivati. Il governatore dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, annuncia comunque una causa civile per il risarcimento dei danni.

Continua qui 

Amianto alla Olivetti: 33 richieste di rinvio a giudizio

 

Massacrò di botte la fidanzata, 20 anni di carcere a un 35enne

Roma - Una sentenza accolta tra pianti e applausi. Vent’anni di reclusione per Maurizio Falcioni, il romano di 35 anni che il 4 febbraio scorso ha ridotto in fin di vita la fidanzata Chiara Insidioso Monda, al termine dell’ ennesima lite di gelosia.

Un vero e proprio pestaggio che ha portato la 19enne in coma, uno stato da cui la giovane è uscita solo qualche giorno fa. «Il massimo della pena, giustizia è fatta», il commento del papà della ragazza su Facebook.

Continua qui

Paura e scosse di terremoto a Firenze, scuole evacuate, gente in strada

Magnitudo 4,1. Chiuse numerose scuole nel Chianti, epicentro del sisma. Non si segnalano al momento danni. Ma lo sciame sismico è cominciato nella notte: 30 scosse dalla notte. Palazzo Vecchio riunisce l'unità di crisi e "consiglia" il personale di lasciare le sedi

Una scossa dopo l'altra, fino a contarne trenta dalla notte a mezzogiorno. Così Firenze scopre all'improvviso la paura del terremoto. Gente in strada, edifici pubblici e scuole evacuate, centralini presi d'assalto. A Palazzo Vecchio il sindaco Dario Nardella riunisce alle 13 l'unità di crisi e dispone per sicurezza la chiusura dei musei civici. Nel Chianti prima e poi anche a Firenze, Fiesole e Prato molte scuole vengono chiuse e gli studenti mandati a casa per lo sciame sismico che continua. "I bambini sono nei cortili delle scuole come da procedura. Si valuta il rientro caso per caso", scrive su Twitter la vicesindaca di Firenze Cristina Giachi. Molti genitori vengono chiamati dalle scuole per andare a riprendere i bambini a scuola. Per il personale di Palazzo Vecchio arriva l'invito a lasciare le sedi in via precauzionale, visto che non c'è la possibilità di controllare la staticità immediatamente e ovunque: "Nessun ordine ma consiglio", spiegano dal Comune mentre le scosse si susseguono. Quella che mette più paura arriva a 4,1 di magnitudo, alle 11.36 della mattina. Prima c'era stata un'altra scossa di 3,9 alle ore 10.39 e ancora a breve distanza un'altra di magnitudo 3. Alle 13.0'9 un'altra botta: stavolta di magnitudo 3,2.

Continua qui
 

Psicologa uccide il marito e lo fa a pezzi con la motosega.

Ha fatto a pezzi il corpo del marito e poi sparso i resti in giro per Città del Messico. Poi ha cercato di farsi ricoverare in un istituto psichiatrico per evitare il processo

Una psicologa è nei guai dopo che la polizia l'ha accusata di aver ucciso il marito, facendone a pezzi il corpo con una motosega e occultando i resti in diverse buste di plastica sparse in tutta l'area metropolitana di Città del Messico.
Dopo il delitto la donna, Maria Alejandra Lafuente Casco, ha mandato messaggi dal cellulare del marito ai famigliari, per depistare le indagini. Lo scorso 6 novembre, la polizia ha rinvenuto il tronco decapitato e senza arti di un uomo a Cuautehmoc, una delle sedici aree di Città del Messico. Poche ore più tardi sono state ritrovate in un'altra zona della città altri resti: gambe e braccia, prive delle mani e dei piedi. La testa e ciò che rimaneva di mani e piedi vennero ritrovati nei pressi della casa della coppia, insieme ad una sega elettrica, lo strumento con cui la donna avrebbe fatto a pezzi il corpo. La perizia del medico legale ha stabilito che i resti appartenevano alla stessa persona e ha permesso di risalire all'identità del morto, il 41enne Allan Carrera Cuellar. Inchiodata da prove schiaccianti, la psicologa ha provato inutilmente a sfruttare le sue conoscenze per farsi ricoverare in una clinica psichiatrica e sottrarsi al carcere. Ora la killer dalla faccia d'angelo si trova in cella. Il procuratore l'ha accusata di omicidio premeditato aggravato dal legame di parentela.

Continua qui

Australia, 8 bambini uccisi a coltellate

Madre in ospedale, corpi trovati da fratello più grande

(ANSA) - SYDNEY, 19 DIC - Otto bambini di età comprese tra i 18 mesi e i 15 anni sono stati uccisi a coltellate in una casa nel quartiere di Manoora a Cairns, sulla costa nordest dell'Australia. A trovare i cadaveri è stato il fratello più grande, 20 anni. In ospedale e sentita dagli inquirenti la madre (34 anni), ferita.

Fonte

giovedì 18 dicembre 2014

Giallo di Elena Ceste, si attende la svolta

Dopo l’assedio mediatico, il marito “si sbarazza” del televisore

Il televisore abbandonato davanti al cancello di casa

Costigliole(AT)
Sono passati ormai due mesi dal ritrovamento del corpo di Elena Ceste e i funerali sembrano ancora lontani. Per dare degna sepoltura alla mamma di Costigliole, scomparsa lo scorso 24 gennaio e poi ritrovata dopo quasi nove mesi in un canale a poche centinaia di metri da casa, bisogna pazientare almeno fino a inizio anno. 

Un solo indagato
L’unico indagato rimane il marito Michele Buoninconti per «omicidio e occultamento di cadavere». Lui fa il papà premuroso, accompagna i quattro figli, a scuola, li segue, li cura. Ieri era a casa, ma ha già ripreso la sua attività in forza ai vigili del fuoco ad Alba e, ha chiesto il trasferimento ad Asti, nella caserma dove aveva iniziato, dove arriverà a metà gennaio. Mantiene anche i rapporti con i genitori di Elena come conferma Carlo Tabbia, legale della famiglia Ceste: «In primo piano ci sono quattro bambini che hanno bisogno di riprendere la quotidianità e di un po’ di serenità - dice l’avvocato - i nonni hanno passato la domenica con i nipoti e li hanno accuditi in più occasioni quando Michele è andato al lavoro. Si stanno organizzando anche per passare in Natale insieme, come avevano fatto gli anni prima».

Continua qui

In arrivo sforbiciate fra i 217 uffici postali della provincia: preoccupati i sindaci dei paesi

Si profilano gravi disagi per le popolazioni di piccoli centri e frazioni
 
Alessandria
Ancora non è chiaro quanti e quali siano quelli a rischio. Eppure il piano strategico 2015 - 2019 di Poste Italiane, presentato a Roma dall’ad Francesco Caio, impensierisce gli amministratori dell’Alessandrino, per la voce insistente di una sforbiciata agli uffici postali, nelle pieghe di un percorso che porterà alla privatizzazione dell’azienda.
 
«Nel caso, sarebbe un altro tassello della strategia che, dal 2011, mira a cancellare i piccoli Comuni. Cosa vorrebbe dire per i nostri anziani non avere più la Posta sotto casa?» sbotta Franco Ravera, sindaco di Belforte e presidente dell’Unione montana Dal Tobbio al Colma, 9 Comuni e 9 mila abitanti sulle alture dell’Ovadese. Matematico che in una provincia di paesi - bonsai, con tanti piccoli sportelli, ci si senta più esposti che altrove a un nuovo colpo di mannaia. Stando ai dati di Poste Italiane, al momento sono 217 gli uffici in provincia, suddivisi tra le filiali «Alessandria 1» e «2», 27 in più del numero dei Comuni (190).

Continua qui

Compra un “Gratta e vinci” da 5 euro alla Snai e si aggiudica un premio da un milione e 740 mila euro

Voghera(PV)
 
Ammonta complessivamente a un milione e 740 mila euro la fortunatissima vincita di un vogherese al gratta e vinci «Turista per sempre». Con una semplice giocata di 5 euro è arrivato il super premio ottenuto al Punto Snai presente a Voghera in via Piacenza. 

Continua qui

Napoli, 25enne morta sotto i ferri Testimoni: "Operata dopo il decesso"

Nell'inchiesta della procura di Torre Annunziata sul decesso di Tommasina De Laurentiis sono indagati cinque medici

Tommasina De Laurentiis, la 25enne deceduta l'8 marzo 2013 nell'ospedale Sant'Anna di Boscotrecase (Napoli), potrebbe essere stata sottoposta anche dopo il decesso a una sutura dei vasi sanguigni, tranciati per errore durante una normale operazione in laparoscopia per la rimozione della colecisti. E' quanto hanno riferito alcuni testimoni durante l'inchiesta della procura di Torre Annunziata in cui sono indagati cinque medici.

Continua qui

Milano, è nato e sta bene il figlio della donna clinicamente morta

 

 

Omicidio di Garlasco, Stasi condannato a 16 anni: colpevole per la prima volta

Era stato assolto in primo e in secondo grado. I giudici escludono l'aggravante della crudeltà. La decisione dopo cinque ore di camera di consiglio. Dovrà risarcire la famiglia di Chiara Poggi con un milione di euro

Colpevole per la prima volta, dopo quattro gradi di giudizio. Alberto Stasi è stato condannato a 16 anni per l'omicidio della sua fidanzata Chiara Poggi, avvenuto il 13 agosto 2007 a Garlasco (Pavia). Sono le 19.30 quando, dopo cinque ore di camera di consiglio, i giudici della corte d'assise d'appello tornano in aula e leggono la sentenza a porte aperte, davanti a telecamere e giornalisti. Non è chiusa, dunque, la partita giudiziaria. L'impugnazione (scontata) della sentenza in Cassazione eviterà per ora a Stasi di finire in carcere. I giudici, tuttavia, potrebbero in qualsiasi momento adottare una misura cautelare se fosse ravvisato un pericolo di fuga dell'imputato.

LA SCHEDA Un caso che divide da sette anni tra errori e omissioni

Un milione di euro di risarcimento. A differenza di quanto aveva chiesto il sostituto procuratore generale Laura Barbaini che voleva, invece, una pena di 30 anni, i giudici dell'appello hanno escluso l'aggravante della crudeltà. Ma hanno condannato l'imputato all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e all'interdizione legale durante il periodo della condanna. Stasi dovrà anche risarcire la famiglia di Chiara Poggi con un milione di euro, cifra cumulativa che vale per padre, madre e fratello.

Rita Poggi: "Mai mollato". I genitori della vittima, visibilmente commosi, hanno abbracciato il loro legale, Gian Luigi Tizzoni, che ha seguito la vicenda fin dall'inizio. "Siamo soddisfatti, non abbiamo mai mollato, volevamo giustizia e dopo sette anni è arrivata" ha dichiarato la mamma di Chiara, Rita Poggi che ha detto di non aver guardato Stasi durante la lettura del dispositivo e ha aggiunto: "Ora guarderò Chiara e le dirò 'ce l'hai fatta'".



"Sono sconvolto". Stasi è rimasto fermo, impassibile quando i giudici hanno letto la sentenza di condanna. Non c'è stata nessuna reazione da parte sua, si è limitato a uscire dall'aula in silenzio scortato dai suoi avvocati che hanno rivelato lo stato d'animo del loro assistito: "E' sconvolto". Prima che la corte si ritirasse in camera di consiglio Stasi si era appellato alla corte chiedendo di essere assolto: "Non cercate a tutti i costi un colpevole condannando un innocente - aveva detto - Sono anni che sono sottoposto a questa pressione". Secondo l'avvocato Fabio Giarda, "è una sentenza che non ha senso ispirata al principio 'poca prova, poca pena'".

Il calcolo della pena. Nel calcolare la pena, i giudici non hanno riconosciuto alcuna attenuante (neppure le "generiche"), mentre il delitto è stato qualificato come omicidio "semplice" con esclusione dell'aggravante della crudeltà che era contestata all'imputato. Il calcolo della pena è stato fatto partendo dalla pena base per l'omicidio non aggravato: 24 anni, che sono stati ridotti di un terzo (otto anni) essendo il processo stato definito con rito abbreviato. Risultato finale: 16 anni, quanti la Corte ne ha inflitti a Stasi.

Quattro gradi di processi. Prima di questa condanna, Stasi era stato assolto due volte, in primo e secondo grado. Poi la Cassazione aveva disposto un nuovo processo che si è concluso ora con questa nuova sentenza. La prima assoluzione - esattamente 5 anni fa, era il 17 dicembre - era stata disposta dal gup di Vigevano Stefano Vitelli. Il processo d'appello bis era iniziato nove mesi fa.

Continua qui 

Omicidio di Chiara Poggi, sette anni di errori e ritardi nelle indagini 

 




martedì 16 dicembre 2014

Pakistan: attaccata scuola, 120 morti, è strage di bambini. Talebani: 'Devono soffrire come noi'

83 feriti ricoverati in ospedale, tre giorni di lutto. Renzi: 'Orrore inconcepibile, mondo reagisca'

Le vittime dell'attacco talebano alla scuola pubblica militare di Peshawar sono salite a 120, secondo quanto riferisce la tv "all news" Express News. Secondo la stessa emittente, mentre continua uno scontro a fuoco, pochi minuti fa si sono sentite altre nuove esplosioni all'interno dell'edificio.
"Abbiamo scelto con attenzione l'obiettivo da colpire con il nostro attentato. Il governo sta prendendo di mira le nostre famiglie e le nostre donne. Vogliamo che provino lo stesso dolore". Cosi' il portavoce dei talebani pachistani, Mohammed Umar Khorasani, ha rivendicato l'attentato.

Continua qui 

Ultimo aggiornamento, Pakistan: attacco talebani fa strage di bambini in una scuola, 141 morti

Yemen, autobombe fanno strage: 25 morti, tra cui 15 bambine

 

Alluvionati, beffa di Natale: da Roma nessuna deroga. Si paga entro il 22 dicembre

Genova - Il pacco è servito: non ci sarà nessun ulteriore rinvio, le tasse vanno pagate. Da tutti, ergo anche dai numerosi cittadini alluvionati a ottobre e novembre. Comprese le scadenze arretrate, per quanti - fiduciosi - si fossero avvalsi della moratoria finora in vigore e avessero per questo “mancato” qualche pagamento. Non solo: il dovuto va saldato a stretto giro, considerato che il congelamento concesso con decreto il 20 ottobre scorso sfumerà il 22 dicembre 2014. Sono fatte salve, è bene precisarlo, le imposte di competenza del Comune di Genova: Imu e Tasi (immobili), Tari (rifiuti) e Cosap (occupazione suolo). Su queste la giunta ha, proprio in questi giorni, prolungato (fino al 28 febbraio) il rinvio del pagamento, per cui in origine era stata fissata la scadenza del 31 dicembre 2014.

Continua qui

lunedì 15 dicembre 2014

Terrore a Sydney, decine di ostaggi in un bar. Ucciso il sequestratore, altri 2 morti nel blitz

Un predicatore armato irrompe nel locale e issa la bandiera islamica. Dopo 16 ore di terrore l’irruzione delle forze speciali: tre persone ferite durante lo scontro a fuoco

Sydney
È finito con un blitz delle forze speciali l’assedio del bar di Sydney in cui un uomo armato teneva in ostaggio decine di persone da più di 14 ore. Durante l’irruzione nella cioccolateria Lindt a Martin Place, nel cuore finanziario della città, è stato ucciso il sequestratore. Nello scontro a fuoco sono rimasti uccisi anche due ostaggi. Non è chiaro se siano stati uccisi da colpi sparati dal sequestratore o dagli agenti mentre altre tre persone, incluso un agente, sono state ferite in modo grave. Il blitz è scattato dopo che il sequestratore ha aperto il fuoco.

Continua qui

Mafia Capitale, arrestati tre ufficiali della Marina per truffa sul gasolio

Nel mirino un presunto commercio nero di carburante destinato alle pompe di benzina legate al clan. Rifornita anche una nave fantasma per una frode da 7 milioni di euro

La guardia di finanza ha arrestato altre sei persone nell'ambito dell'inchiesta Mafia Capitale. Tre dei destinatari delle ordinanze sono appartenenti alla Marina Militare. Nel mirino un presunto commercio nero di carburante destinato alle pompe di benzina legate al clan. Sarebbe stata rifornita anche una nave "fantasma" per una frode da 7 milioni di euro.

 Continua qui

Euro falsi dalla Cina: 12 fermi e sequestro da mezzo milione.

Importavano dalla Cina in Italia monete false da uno e due euro ed erano pronti a metterle in circolazione nei giorni dello shopping natalizio

Un'organizzazione importava dalla Cina in Italia monete false da uno e due euro ed era pronta a mettere in circolazione nei giorni dello shopping natalizio più di 300.000 pezzi, per un valore totale di oltre mezzo milione di euro. Lo hanno scoperto i carabinieri della Compagnia di Palermo Piazza Verdi e della Sezione Operativa del Comando Antifalsificazione monetaria di Roma.

Il provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura di Palermo, è nei confronti di 12 persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla falsificazione, introduzione nello stato e spendita di monete falsificate.

Fonte

domenica 14 dicembre 2014

Prezzo, mercati e alleanze: i giorni neri del petrolio che cambiano il mondo

 Prezzo, mercati e alleanze: i giorni neri del petrolio che cambiano il mondo

Valore dimezzato in sei mesi, Borse in caduta libera. Un crollo legato soprattutto al rallentamento asiatico

NEW YORK - IL 2014 si chiude all'insegna del "contro-shock petrolifero". È una crisi vera, di cui si cominciano solo ora ad intravedere tutte le ramificazioni. È una tempesta paradossale, contro-intuitiva. Il formidabile cambiamento che l'ha scatenata è a priori positivo per tutti quei paesi come l'Italia che sono consumatori e importatori di energia. Tant'è: la settimana scorsa si è chiusa con le Borse europee in caduta libera, e Wall Street (la piazza finanziaria del nuovo petro-Stato che è l'America) ha subito le perdite più pesanti degli ultimi tre anni. Gli investitori mondiali, grandi e piccoli, si sono gettati ad acquistare titoli del Tesoro americani e tedeschi: il tipico bene-rifugio che viene accaparrato nei momenti di panico. Questa "fuga verso la sicurezza" ha sospinto di nuovo i tassi d'interesse a livelli bassissimi, che sono anch'essi un segnale di pericolo. Un Bund tedesco della durata di 10 anni oggi rende 0,64%. Il rendimento dovrebbe almeno compensare l'inflazione. Un interesse così vicino allo zero per un periodo così prolungato significa che i mercati non vedono l'ombra di una ripresa dei prezzi e quindi della crescita, neppure su un orizzonte lontano. A scatenare quest'ondata di paura è appunto il contro-shock energetico. Che si tratti di un evento di tipo traumatico, violento, lo dimostra la caduta dei prezzi. Il petrolio si è dimezzato dai suoi massimi del 2010. Ha perso quasi il 50% solo da giugno, in sei mesi. E il 10% di caduta del prezzo si è concentrato nell'ultima settimana.

Continua qui

sabato 13 dicembre 2014

PREVISIONI METEO: domenica uggiosa al nord e sulle centrali tirreniche

Domenica ancora qualche pioggia possibile al nord e sull'alta Toscana, asciutto e in parte soleggiato altrove. Lunedì estensione dei fenomeni sino al medio Tirreno, sempre asciutto altrove, clima mite al centro-sud. Martedì arrivo di una depressione e maltempo in estensione a quasi tutto il Paese.

 

Domenica, 14 dicembre 2014

 
NORD-OVEST: Su tutti i settori molte nubi. Sulla Liguria centro-orientale ancora possibilità di qualche rovescio. Piogge deboli sulla Lombardia e l'est del Piemonte, con qualche nevicata sulle Alpi sopra i 1200-1300 metri. Su tutte le altre regioni tempo nel complesso asciutto, anche se nuvoloso. Ventilazione moderata da sud sul Ligure che sarà ancora mosso, venti deboli altrove, clima piuttosto freddo.

NORD-EST: Su tutti i settori diffusa nuvolosità. Qualche pioggia possibile tra Emilia, Veneto, Friuli e fascia prealpina nell'arco della giornata. Fiocchi di neve sopra i 1200-1300 metri sulle Alpi, altrove tempo asciutto anche se con poco sole. Ventilazione moderata da sud, clima abbastanza freddo e umido, specie in pianura.

CENTRO: Su Toscana, Umbria occidentale e Lazio parziali annuvolamenti. Qualche pioggia possibile sull'alta Toscana. Nubi sul Tirreno, nelle zone interne e sulla Sardegna senza piogge, tempo più aperto in Adriatico. Ventilazione debole o moderata da sud, temperature in aumento.

SUD: Nubi sparse sulla Campania e la Sicilia occidentale, senza piogge, per il resto avremo generali condizioni di bel tempo. Ventilazione debole da sud, temperature in salita.

Continua qui

 

Inizio settimana prossima: MARTEDI sarà la giornata peggiore

Meteo feste di Natale: avremo freddo e neve o solo anticiclone?

 

 

Aereo si schianta contro una casa, 6 morti tra cui 2 bambini.

Il pilota stava cercando di atterrare in un piccolo aerodromo ma si è schiantato contro una casa

E' salito a 6 morti il bilancio dello schianto di un piccolo aereo contro una casa alle porte di Washington, nel Maryland. Oltre alle tre persone che si trovavano a bordo del velivolo, sono morti anche una donna e i suoi due bambini che al momento dello schianto si trovavano dentro casa.

LE IMMAGINI DELLO SCHIANTO

L'incidente è avvenuto nella contea di Montgomery. L'aereo era un jet privato di una compagnia aerea con sede in North Carolina e il pilota stava cercando di atterrare in un piccolo aerodromo dove non ci sono controllori di volo.

Continua qui


 

La decisione del Governo: congelato il maxi aumento delle tasse sulla casa

Roma - Stop all’aumento delle tasse sulla casa (Imu-Tasi) anche nel 2015. Un emendamento del Governo alla manovra prevede infatti la proroga al prossimo anno delle misure della legge di stabilità dello scorso anno.
Secondo quanto si apprende la modifica sarebbe contenuta nel pacchetto che il governo avrebbe presentato in commissione Bilancio al Senato, dove è ripreso l’esame del testo.

Proseguono le votazioni, iniziate ieri, che però si concentrano su altri emendamenti destinati a non essere approvati.
«12 milioni di euro per Italia Lavoro e 6 milioni all’Itt»

In arrivo anche 12 milioni di euro per Italia Lavoro e 6 milioni all’Istituto italiano di tecnologia di Genova (Itt). Lo prevedono alcuni emendamenti del governo alla Legge di Stabilità. Nel caso dell’Itt per 3 milioni di euro si tratta del recupero di vecchi tagli.
«50 milioni per le periferie»

Cinquanta milioni nel 2015, che salgano a 75 all’anno per il biennio 2016-2017, per il piano aree urbane, vale a dire le periferie. Lo prevede un emendamento del governo alla legge di Stabilità.

Continua qui


Morta lago nel Bracciano, arrestato il fidanzato

Svolta nel giallo, Marco di Muro è accusato di omicidio volontario aggravato: “Federica fu annegata”. La giovane era stata trovata cadavere la notte di Halloween del 2012. La famiglia non ha mai creduto alla morte naturale


Federica Mangiapelo, la giovane trovata morta in riva al lago di Bracciano l’1 novembre del 2012

Ci sono voluti due anni, passati tra perizie, esami e i disperati appelli della famiglia a far luce sulla verità. Oggi, però, il caso di Federica Mangiapelo, la 16enne trovata morta sulla sponda del lago di Bracciano la notte di Halloween del 2012, sembra davvero essere ad una svolta. I carabinieri hanno infatti arrestato il fidanzato della ragazza, Marco Di Muro, con l’accusa di omicidio volontario aggravato.

Continua qui

venerdì 12 dicembre 2014

Elena Ceste, il marito "incastrato" dal telefono: già alle 9 sul luogo del delitto

Le analisi sul telefonino rivelerebbero, secondo il settimanale "Giallo", che l'uomo si trovava sul canale di scolo molto prima di quanto raccontato

Sembra essere a una svolta decisiva il giallo di Elena Ceste, la donna di Castigliole d'Asti scomparsa a gennaio e poi ritrovata morta a ottobre poco distante dalla sua abitazione. Secondo quanto riportato dal settimanale "Giallo", il marito Michele Buoninconti la mattina in cui è scomparsa la moglie, si sarebbe trovato vicino al canale di scolo, dove è stato poi ritrovato il corpo, prima di quanto ha raccontato agli inquirenti.

Continua qui

Sciopero generale. La Cgil: "Norme da anni '20". Adesioni al 70%. Scontri a Milano e Torino

Sciopero generale. La Cgil: "Norme da anni '20". Adesioni al 70%. Scontri a Milano e Torino
(lapresse)
Il giorno della protesta indetta da Cgil, Uil e Ugl. Incroceranno le braccia anche i ferrovieri, anche se solo per 7 ore. Cortei in 54 città. Su Repubblica.it aggiornamenti, video e dirette da tutta Italia

ROMA - Adesioni al 70%. E' questo il dato fornito dai sindacati nel giorno dello sciopero generale. Cortei in 54 città, otto ore di stop. Bloccato il trasporto pubblico: il 50% dei treni e degli aerei resta fermo. La percentuale sale all'80% per gli autobus. E i leader sindacali attaccano l'esecutivo di Matteo Renzi. Senza sconti. Susanna Camusso: "Nel Jobs Act ci sono norme da anni '20". Carmelo Barbagallo, Uil: "Blocchiamo il Paese per farlo ripartire. Faremo una nuova Resistenza". Landini: "Grande risposta dei lavoratori contro le politiche del governo". Tante le reazioni della politica. Napolitano: "Serve rispetto reciproco". In alcune piazze la tensione è alta. Soprattutto a Milano e Torino dove le forze dell'ordine hanno caricato studenti e antagonisti.

Continua qui 

PREVISIONI METEO: sabato rischio pioggia in aumento al nord, abbastanza buono il tempo altrove

Sabato e domenica arriverà qualche pioggia al nord e sull'alta Toscana, asciutto e in parte soleggiato altrove. Lunedì estensione dei fenomeni al medio e alto Tirreno, sempre asciutto altrove, un po' freddo al nord, mite al centro-sud. 


Sabato, 13 dicembre 2014
NORD-OVEST
Su tutte le regioni avremo generali condizioni di cielo nuvoloso. Piogge anche a carattere di rovescio sulla Liguria centro-orientale, precipitazioni deboli sulla Lombardia, asciutto su Piemonte e Val d'Aosta. Qualche fiocco di neve sulle Alpi Lombarde sopra i 1000 metri. Libeccio moderato sul Ligure, previsto mosso, venti deboli altrove. Temperature in lieve calo.
NORD-EST
Qualche pioggia possibile tra Emilia, Veneto, Friuli e fascia prealpina nell'arco della giornata. Fiocchi di neve sopra i 1000-1200 metri sulle Alpi, altrove tempo asciutto anche se con poco sole. Ventilazione moderata da sud, clima abbastanza freddo e umido specie in pianura.
CENTRO
Qualche pioggia possibile sull'alta Toscana. Nubi sul Tirreno, nelle zone interne e sulla Sardegna senza piogge, tempo più aperto in Adriatico. Ventilazione debole o moderata da sud, temperature in aumento.
SUD
Nubi sparse sulla Campania e la Sicilia occidentale, senza piogge, per il resto avremo generali condizioni di bel tempo. Ventilazione debole da sud, temperature in salita.
 
Continua qui

Il TEMPO in SINTESI sino a sabato 20 dicembre: lunedì 15 il nord e la Toscana seguiteranno ad essere interessati da un flusso di correnti umide ed instabili in arrivo da sud ovest, che determineranno annuvolamenti e piogge sparse. Una nuova figura depressionaria frattanto si muoverà dalle Baleari verso il Mar Tirreno e sarà responsabile, entro sera, di un peggioramento anche sul resto del Paese, con nubi e rovesci, soprattutto lungo le regioni tirreniche. Martedì e mercoledì ancora molte nubi e piogge al centro-sud, inizialmente coinvolto anche il nord, specie l'Emilia-Romagna, ma con successiva tendenza ad attenuazione dei fenomeni e a schiarite. Da giovedì a sabato tempo migliore su quasi tutta l'Italia, con temperature ancora leggermente superiori alla media.

Fonte

 

Loris, trovato e sequestrato il secondo cellulare della mamma

Il secondo telefonino di Veronica Panarello, quello di cui la donna accusata di aver ucciso il figlio ha sempre negato l'esistenza, è stato ritrovato

Il secondo telefonino di Veronica Panarello, quello di cui la donna accusata di aver ucciso il figlio Loris Stival ha sempre negato l'esistenza, è stato ritrovato dagli uomini che indagano sull'omicidio del bambino avvenuto il 29 novembre scorso a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. La donna avrebbe consegnato il cellulare che è intestato a una sua amica ma che sarebbe stato usato per alcuni giorni dalla madre di Loris.
Gli inquirenti sono al lavoro per cercare di capire se dal telefono possano arrivare ulteriori elementi utili a definire quanto accaduto quel sabato mattina nel paese in provincia di Ragusa. Veronica Panarello da tre giorni è rinchiusa nel carcere di Piazza Lanza a Catania. Per oggi è attesa la decisione del gip sulla convalida del fermo.

Continua qui

 

Mafia, "Buon anno pieno di profughi e sfollati". L'sms dello scandalo

A Capodanno del 2013 l'uomo forte delle cooperative romane Salvatore Buzzi ebbe l'idea di inviare questo messaggio di auguri a qualche amico

"Speriamo che il 2013 sia in anno pieno di monnezza, profughi, immigrati, sfollati, minori, piovoso così cresce l’erba da tagliare e magari con qualche bufera di neve: evviva la cooperazione socialee". A Capodanno del 2013 l’uomo forte delle cooperative romane Salvatore Buzzi ebbe l’idea di inviare questo messaggio di auguri a qualche amico, attraverso il suo telefonino che i carabinieri del Ros stavano già intercettando, rivela il Corriere della Sera.
Fra i destinatari c’era pure Angelo Scozzafava, che lui chiamava confidenzialmente "Scozzi", all’epoca direttore del dipartimento Promozione dei servizi sociali e della salute del Campidoglio: il suo nome compare spesso nelle carte sulla presunta associazione mafiosa di cui Buzzi è accusato di essere "organizzatore e gestore delle attività economiche".

Continua qui

 

giovedì 11 dicembre 2014

Sanremo, scompare bimbo di 9 mesi, la madre "L'ho lasciato sulla scogliera""

La donna, una russa in vacanza a Bordighera con il compagno e il piccolo, è indagata dopo un lungo interrogatorio in Procura a Imperia. Sospese le ricerche per il buio, allertate anche le autorità francesi

"L'ho lasciato sulla scogliera". Ma del piccolo, figlio di una donna russa, in vacanza da una settimana con il figlioletto di nove mesi e il compagno a Bordighera, ancora non c'è traccia, nonostante le ricerche di carabinieri e vigili del fuoco nella zona indicata dalla madre, davanti alla spiaggia di Bussana, nei pressi di Sanremo.
Una drammatica vicenda ancora tutta da chiarire. La donna, Natalia Sotnikova, quarantenne, era a Bordighera al Grand Hotel del mare da una settimana insieme al compagno (che non è padre del bambino). Secondo gli investigatori la coppia alloggiava in una suite con stanze separate. La donna è uscita alle due di questa mattina ed è rientrata alle 4. Gli inquirenti hanno visionato le immagini delle telecamere della videosorveglianza del parcheggio dell'albergo, dalle quali emerge che la donna è uscita col bimbo in braccio ed è rientrata senza.  


Continua qui 

Bordighera, si cerca un bimbo di 10 mesi: forse gettato in mare