sabato 31 dicembre 2016

Bufale sul web, Beppe Grillo attacca l'Antitrust: "Post verità, nuova inquisizione"

Il leader M5s in un post sul blog accusa le istituzioni di voler controllare internet, riprendendo un'intervista al Financial Times di Pitruzzella che replica: "Nessuna censura, la Rete deve essere credibile"

BEPPE Grillo attacca il presidente dell'Antitrust Giovanni Pitruzzella dopo l'intervista rilasciata oggi al Financial Times sulle bufale nel web e sulla necessità di "una rete di organismi nazionali indipendenti capace di identificare e rimuovere le notizie false". Per il garante "la Post-verità in politica è uno dei driver del populismo e una delle minacce alla nostra democrazia". Grillo condanna le parole di Pitruzzella dal suo blog: "Post verità, nuova inquisizione. Pitruzzella non è un pazzo solitario". Sono "tutti uniti contro il web: ora che nessuno legge più i giornali e anche chi li legge non crede alle loro balle, i nuovi inquisitori vogliono un tribunale per controllarlo e condannare chi li sputtana", si legge nel post che apre con un'immagine in cui Gentiloni, Renzi e Napolitano, 'condannano' l'ex comico.

Continua qui

venerdì 30 dicembre 2016

Obama espelle 35 diplomatici russi, Putin non reagisce: «Noi responsabili»

Roma - Il rapporto fra Stati Uniti e Russia torna al clima di Guerra Fredda. Ieri la decisione del presidente Barack Obama di espellere 35 diplomatici russi definiti «agenti dell’intelligence» di Mosca e autori di attività di hackering durante le elezioni presidenziali che hanno visto vincere Donald Trump. 

Oggi la risposta del Cremlino: «La reciprocità è la legge diplomatica nelle relazioni internazionali - il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov - Per questo proponiamo al presidente della Russia di dichiarare persone non gradite 31 funzionari dell’ambasciata Usa a Mosca e altri quattro del consolato Usa a San Pietroburgo». Una richiesta che però non è stata raccolta da Putin, che ha deciso di «non espellere» i diplomatici americani in risposta alle azioni di Washington. Lo fa sapere il Cremlino in un comunicato. La Russia si «riserva il diritto» di rispondere agli Stati Uniti ma non intende scendere al livello di una «diplomazia irresponsabile». 

Continua qui

giovedì 29 dicembre 2016

Almaviva contact chiude a Roma: licenziamento per 1.666 persone

Niente accordo in extremis al Ministero dello Sviluppo economico, dopo l'iniziale rifiuto delle Rsu

MILANO - Nulla sembra ormai poter tenere attiva la sede romana di Almaviva contact: nella capitale, il call center chiude e le lettere di licenziamento dei 1.666 dipendenti sono già tutte partite. Secondo fonti del Ministero dello Sviluppo economico, l'ultimo tentativo di riaprire il tavolo presso il dicastero oggi è infatti fallito. Un deragliamento della trattativa confermato dalla viceministra Teresa Bellanova a RaiNews24: "Purtroppo l'azienda ha avanzato difficoltà anche dal punto di vista della tenuta della procedura e quindi ha ribadito il mantenimento dell'accordo dei lavoratori di Napoli e il mancato accordo con Roma".

Il sito è inattivo dallo scorso 22 dicembre, quando è scaduta la procedura di mobilità ed è stato dato il via libera ai licenziamenti, a seguito del "no" opposto dalle Rappresentanze sindacali unitarie romane all'accordo raggiunto quella notte al Mise. Un tentativo di riaprire il tavolo è stato fatto per rispettare la volontà della maggioranza dei lavoratori interpellati direttamente con assemblee e raccolte firme: i sindacati hanno cercato allora una marcia indietro per allinearsi alla scelta già fatta dai colleghi di Napoli. Qualora la richiesta fosse stata accettata, ai lavoratori romani sarebbero stati dati tre mesi (coperti dalla cassa integrazione) per riuscire ad arrivare a un ulteriore accordo che dovrà necessariamente contenere anche un taglio del costo del lavoro


Continua qui

Yacht a fuoco nella Marina di Loano

Savona - Tre persone sono morte nell’incendio di una imbarcazione nella Marina di Loano. È successo questa mattina intorno alle 5.

A bordo quattro persone di origine tedesca: due uomini e due donne. Sono intervenuti i vigili del fuoco. Sul posto anche la Capitaneria di Porto e i Carabinieri.

Una donna di 52 anni è riuscita a salvarsi ed è stata soccorsa dal 118: non è in pericolo di vita ma è in stato di choc all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. È riuscita ad abbandonare la barca prima che fosse completamente avvolta dalle fiamme. Le vittime sono la sorella della sopravvissuta e i compagni delle donne.

| Foto: lo yacht in fiamme |

I soccorritori hanno tentato in ogni modo di estrarre le persone dall’imbarcazione, anche provando a tagliare lo scafo. Le vittime sono rimaste intrappolate nella cabina di prua.
I tre corpi sono stati recuperati alla fine della mattinata. I vigili del fuoco, vista l’intensità del rogo, sono intervenuti anche con il carro autoprotettori per la riserva d’aria e con una autobotte. I corpi sono stati estratti dalla cabina di prua e devono ancora essere identificate.

Continua qui

Giulio Regeni, il capo del sindacato egiziano confessa: “L’ho consegnato io all’Interno”

In un'intervista all'edizione araba dell'Huffington Post, Mohamed Abdallah, sospettato da marzo di essere l'umo che aveva tradito il ricercatore friuliano, ha dichiarato: "Ogni buon egiziano, al mio posto, avrebbe fatto lo stesso"


Già il 4 agosto scorso l’agenzia di stampa Reuters aveva puntato l’attenzione su Mohamed Abdallah, il capo del sindacato egiziano degli ambulanti. Due fonti della sicurezza interna egiziana avevano raccontato come l’uomo fosse un informatore dei servizi segreti. In un’intervista all’edizione araba dell’Huffington Post, Abdallah ha confessato di aver consegnato il ricercatore italiano Giulio Regeni al ministero dell’Interno, cioè agli uomini che fanno capo direttamente al presidente Al Sisi.

Regeni, incaricato dall’università di Cambridge di fare una ricerca sul campo proprio nell’ambito del mondo sindacale, secondo Abdallah faceva troppe domande“.

Continua qui

mercoledì 28 dicembre 2016

Roma, crolla palazzina di due piani ad Acilia: probabile fuga di gas. Due persone sotto le macerie

Una donna e la figlia ancora intrappolate. Estratti vivi ma feriti due anziani: una è grave. È successo in via Giacomo della Marca intorno alle 14


Una palazzina è crollata a Roma, in via Giacomo della Marca, zona Acilia-Dragoncello, intorno alle 14 a causa di un'esplosione in seguito a una fuga di gas. I soccorritori stanno cercando almeno due persone rimaste sotto le macerie dello stabile: sono una donna e sua figlia. Il marito della donna e l'altro figlio al momento dell'esposione non erano in casa. Altre due persone, i genitori della donna, sono state estratte vive: la donna è stata trasportata in codice rosso al Policlinico Gemelli con l'eliambulanza e il marito in codice giallo all'ospedale Grassi. Avrebbe riportato ferite lacerocontuse e traumi su tutto il corpo.

Continua qui

Benzina e autostrade, in arrivo la stangata di fine anno

Brutte notizie per gli italiani che devono mettersi in viaggio nelle prossime ore. Una stangata da 130 milioni di euro complessivi per coloro che hanno deciso di spostarsi lungo strade e autostrade per trascorrere le vacanze lontano da casa.

Attualmente i prezzi della verde si aggirano tra 1,50 euro al litro al self service e 1,60 del servito, mentre quelli del diesel variano tra 1,35 euro al litro al self service e 1,45 del servito

 A rivelarlo èil Codacons, che chiede l’intervento del governo. “Oggi per un pieno di benzina si spendono circa 4,45 euro in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; per un pieno di diesel addirittura l’aggravio di spesa raggiunge +6,2 euro. Questo perché i distributori di carburanti hanno applicato consistenti aumenti dei listini alla pompa: la verde costa mediamente il 6,1% in più rispetto al dicembre 2015; per il gasolio i rincari sfiorano il +10% (+9,8%)”.

E come non bastasse il vero salasso è previsto dal prossimo 1° gennaio...

Continua qui 

I trucchi per risparmiare benzina mentre si guida

 

 

Pensione: i requisiti dal 2017 in poi

Requisiti 2017 e aspettative di vita, tutti i calcoli e i prossimi adeguamenti

Fra le novità di Riforma Pensioni inserite in Legge di Bilancio c’è lo stop agli adeguamenti alle speranze di vita per alcune categorie di lavoratori, in particolare precoci e addetti a mansioni usuranti. Non ci sono invece novità su questo fronte per le altre tipologie di pensioni, che quindi continuano ad applicare gli aumenti delle aspettative di vita previsti dal Dl 78/2010. Vediamo esattamente tutti i requisiti per andare in pensione dal 2017 in poi in relazione a questo aspetto (fonte: il sito delle piccole-medie imprese pmi.it).

Il primo adeguamento alle speranze di vita è scattato nel 2013, pari a tre mesi, a cui si sono aggiunti quattro mesi nel 2016. Risultato: nel 2017 ai requisiti anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia e a quelli contributivi per la pensione anticipata vanno aggiunti sette mesi. Quindi, l’età per la pensione di vecchiaia 2017 è pari a:
  • 66 anni e 7 mesi per lavoratori dipendenti del privato,
  • 66 anni e 7 mesi per lavoratori autonomi,
  • 66 anni e 7 mesi per lavoratrici del pubblico impiego,
  • 66 anni e 1 mese per le lavoratrici autonome,
  • 65 anni e 7 mesi per lavoratrici del privato.
Per quanto riguarda la pensione anticipata, invece, il requisito 2017 è pari a 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi per le donne.

Continua qui

Gela, donna uccide le figliolette e tenta di lanciarsi dal balcone. Lungo interrogatorio al marito

Le bambine, sette e nove anni, sono state avvelenate. La madre, insegnante precaria moglie di un ingegnere, ora è ricoverata. Il padre della donna si era tolto la vita due anni fa. Il padre delle piccole da ore ascoltato in procura


Tragedia in via Passaniti, nel cuore del centro storico di Gela (Caltanissetta). Una donna di 41 anni, Giuseppa Savatta, ha ucciso le sue due figlie piccole avvelenandole pare con della candeggina, e dopo avere ingerito anche lei del liquido velenoso ha tentato di lanciarsi nel vuoto da un balcone dell'abitazione, che si trova al secondo piano di una palazzina a pochi metri dalla Cattedrale. Il marito, Vincenzo Trainito, ingegnere e insegnante, raggiunto al telefono dalla donna, è tornato a casa ed è riuscito a bloccarla. Adesso è da ore in procura sotto interrogatorio.

Continua qui

martedì 27 dicembre 2016

Da Novi Ligure alle star del “Golden Globe” di Los Angeles grazie a uno scatto di Sorrentino

Il regista di “The Young Pope” è il protagonista dell’immagine scelta fra quelle in finale al 2016 del Venice Movie star photography Award. L’autrice è una giovane freelance novese

Annalisa Flori, 28 anni di Novi, fa la fotografa ed è tra i 28 finalisti del «Venice Movie star photography Award»

Novi Ligure (AL)
Uno scatto con protagonista il regista premio Oscar Paolo Sorrentino ha permesso per il secondo anno consecutivo alla fotografa novese Annalisa Flori di essere fra i 25 finalisti del «Venice Movie star photography Award», nella sezione per le immagini votate dal pubblico del quotidiano Repubblica. Non una novità per Annalisa: «L’anno passato approdai in finale sia nella sezione votata dal pubblico sia in quella per il miglior ritratto, riconoscimento votato dalla Giuria del festival del cinema di Venezia - spiega la fotografa libera professionista di 28 anni - per uno scatto che ritraeva Dakota Johnson e Tilda Swinton».

Continua qui

Il tempo in sintesi sino all'Epifania: le 6 cose da sapere!

Netta flessione delle temperature tra giovedì 28 e venerdì 29 dicembre in Adriatico e sul meridione, poi tempo più tranquillo sino a lunedì 2 gennaio, in seguito...

1 IRRUZIONE FREDDA tra giovedì 28 e venerdì 29 dicembre sui Balcani, in Adriatico e sul nostro meridione CONFERMATA. Sull'area balcanica e poi anche su Grecia, Albania e Turchia previste termiche sino a -10°C a 1500m, sulle nostre regioni adriatiche e sul meridione sino a -8°C a 1500m

2 Prevista NEVE su Abruzzo, Molise, Puglia, Lucania, Calabria sino a 200-300m ma con rovesci di neve possibili sino in pianura e localmente sul litorale, in Sicilia oltre i 300-400m.

3 VENTO FORTE su gran parte d'Italia tra giovedì e venerdì; nessun particolare cambiamento del tempo è atteso lungo le regioni tirreniche e sul settentrione, dove splenderà spesso il sole.

4 FASE TRANQUILLA tra San Silvestro e Capodanno con al massimo un po' di nubi basse sul Tirreno, un po' di nubi residue all'estremo sud e locali nebbie sul catino padano.

 5 Guasto morto sul nascere? Secondo l'ultima emissione del modello americano nemmeno dal 2-3 gennaio ci sarà un significativo cambiamento del tempo. L'affondo della saccatura artica non sortirà alcun effetto importante, poiché verrà disturbato dall'alta pressione. Ne deriverà una certa flessione delle temperature sul nord Italia e al massimo qualche precipitazione tra Toscana, Umbria ed alto Lazio. Naturalmente questa emissione del modello andrà rivista approfonditamente, ma intanto questo è quanto si evince ufficialmente.

Continua qui

Ultime ore:

- CALDO: per dicembre valori molto elevati sul nord ovest! Si segnalano 20°C a Loano e ben 18°C a Milano, 17°C a Castagneto Po nel Torinese.

-  L'ultima emissione del modello americano propone un CAMBIAMENTO del tempo serio su gran parte d'Italia solo dall'Epifania con una depressione insistente nel Mediterraneo. Attendibilità? Nel primo pomeriggio tutti gli aggiornamenti!

- NORD GERMANIA: il maltempo ha colpito in particolare la città di Kiel, dove ieri sera una donna ha perso la vita, schiacciata nella sua auto dalla caduta di un albero. Danni e disagi anche ad Amburgo, dopo diversi quartieri sono allagati. Nel Meclemburgo Pomerania le avverse condizioni meteo hanno provocato diversi incidenti stradali.


ALTA PRESSIONE: anomalie termo-bariche da CAPOGIRO sull'Europa occidentale fino alla fine dell'anno! Guardate...

 

NEVE: tra giovedì 29 e venerdì 30 alcune zone del meridione si tingeranno di bianco...

 

 

 

COSA NON TORNA SULL'INCIDENTE RUSSO

Aereo Armata Rossa caduto, quattro le ipotesi sul disastro. Escluso per ora il terrorismo. Il mistero di audio e giubbotti

 

Quattro versioni difficili da accettare. Quattro versioni - dove è esclusa quella del terrorismo - che vanno lette come le uniche ipotesi finora avallate dal governo russo sui motivi della tragedia del volo Tu-154. 

 

Il giorno di Natale l' aereo militare decollato da Sochi, e diretto in Siria con 92 persone a bordo tra cui il celebre e prestigioso Coro dell'Armata Rossa, è precipitato nel mar Nero al largo di Sochi. Il velivolo, del 1983, sarebbe precipitato pochissimi minuti dopo il decollo, tanto che non era ancora in quota. Inizialmente il governo di Mosca ha incluso la possibilità di un sabotaggio - viste le possibili ritorsioni per l'impegno siriano - ipotesi negata però nelle ultime ore perché da accertamenti non ci sarebbero "indicazioni che facciano pensare ad un attentato".

Le quattro piste ancora in piedi restano, secondo i ministri del Cremlino, "corpi estranei nel motore, carburante di scarsa qualità con conseguente perdita di potenza, errore "umano" dei piloti o un guasto tecnico del velivolo".

Le due scatole nere, così come i corpi (poco più di una dozzina quelli recuperati), potrebbero essere a decine di metri nelle profondità dei mari, spostate probabilmente dalle correnti. Se saranno trovate, le scatole nere potranno fornire le ipotesi di una tragedia per ora davvero poco chiara: una registrazione audio della conversazione finale tra controllori del traffico aereo e i piloti indicherebbe come sul volo non ci fosse una situazione di panico ma, al contrario, di totale tranquillità.

Continua qui


domenica 25 dicembre 2016

Terremoto in Cile, rientra l’allerta tsunami

Un sisma di magnitudo 7.7 è stato registrato a 45 chilometri di Puerto Quellon, nel sud del Cile, a una profondità di 15 chilometri. Lo riporta l’Istituto geofisico americano Usgs. Le autorità cilene hanno diramato un’allerta tsunami e poco dopo l’Agenzia cilena per le emergenze ha ordinato l’evacuazione delle zone costiere nella regione di Los Lagos: «Per precauzione è stata ordinata l’evacuazione nelle aree di Biobio, Los Rios e Ayesen», con oltre 4 mila persone allontanate da casa. Alle 17,30 italiane l’allerta tsunami è rientrata.

Continua qui

Russia, aereo militare precipita nel mar Nero. A bordo il Coro dell'Armata Rossa. Mosca: nessun sopravvissuto

Il Tu-154 era appena decollato da Sochi ed era diretto in Siria. Sul velivolo viaggiavano 85 passeggeri e otto componenti dell'equipaggio. Oltre a militari e giornalisti, anche Elizaveta Glinka, nota responsabile di una fondazione umanitaria. Putin ordina inchiesta. La Difesa: escluso terrorismo

MOSCA - Un aereo militare decollato da Sochi e diretto in Siria con 93 persone a bordo, tra cui il celebre e prestigioso Coro dell'Armata Rossa, è precipitato nel mar Nero. Il ministero della Difesa afferma che non ci sono sopravvissuti. Oltre al coro e a otto membri dell'equipaggio, sul volo erano presenti anche nove giornalisti, il responsabile del dipartimento culturale del ministero della Difesa Anton Gubankov, otto militari,  due funzionari civili e un'altra personalità, Elizaveta Glinka, conosciuta ome "Doctor Liza", responsabile di un'associazione di beneficenza.

Continua qui

sabato 24 dicembre 2016

Omicidio sulle colline di Verbania, un uomo uccide la compagna a coltellate

Verbania - Omicidio a Bee, piccolo paese di 700 persone sulle colline sopra Verbania. La vittima si chiama Alessia Partesana, una ragazza di 29 anni che è stata accoltellata nella notte in casa, una palazzina di tre piani che si trova in questo borgo a non molti chilometri dal Lago Maggiore.

E’ stato già fermato il compagno della giovane donna, un uomo di 33 anni. L’allarme è scattato nelle prime ore di questa Vigilia di Natale e sul posto sono intervenuti i carabinieri e il sostituto procuratore di Verbania Nicola Mezzina che ora deve ricostruire quanto successo in questa notte. Attorno alle 8,30 nell’abitazione di Bee è arrivato anche il medico legale Elena Barbero.

Continua qui

Cuneo: valanga sulle Alpi Marittime, muore uno sciatore, ferito l'amico

Illesto un terzo escursionista. E' accaduto a Vernante, a 24 ore di distanza dalla sciagura di Limone


Seconda valanga sulle Alpi del Cuneese  in meno di 24 ore, con un'altra vittima. Uno sci alpinista è morto dopo essere stato sepolto per due ore sotto la neve. L'incidente in località Palanfrè, sul monte Pianard, nel comune di Vernante, non distante dal luogo in cui ieri un'altra valanga ha ucciso un escursionista francese. L'uomo - un cuneese di 41 anni - stava facendo fuoripista con due amici quando si è staccata una grande massa nevosa. Estratte dalla slavina due persone: una è illesa, l'altra ha riportato la frattura delle gambe ed è stato trasportato con l'elicottero all'ospedale di Cuneo. Non è in pericolo di vita.

Continua qui

Funivia bloccata a Cervinia per il forte vento: 130 intrappolati, iniziata la complessa evacuazione

Tweet della società: avviata la procedura d'emergenza, nessuno è in pericolo. I soccorritori li portano giù con le funi. "Ci vorranno ore"


Procedono a passo spedito, condizioni ambientali permettendo, le operazioni di "evacuazione" dei 130 sciatori bloccati dal pomeriggio di oggi sulla telecabina Plan Maison - Cime bianche laghi a causa del forte vento che ha fatto accavallare le funi dell'impianto di risalita, proprio come avvenne a settembre sul Monte Bianco. Salgono a cinquanta le persone evacuate. I soccorritori sono riusciti a calare a terra gli occupanti di quattro cabine, da dodici posti l'una, che sono stati recuperati dai gatti delle nevi e condotti fino alla stazione di Plan Maison. Da lì sono stati riportati a valle con gli impianti. Sono oltre 150 gli uomini del soccorso alpino, della guardia di finanza, della forestale, della protezione civile e dei vigili del fuoco impegnati nelle operazioni. Sul posto anche tre ambulanze e un pullmino del 118 con cinque medici. Un quadro confermato anche da un tweet della Cervino spa, la società che gestisce la telecabina: "Gli addetti del soccorso non segnalano nessuna criticità e tutto sta procedendo secondo il piano di evacuazione. Al momento si sta procedendo a riportare a valle e in sicurezza gli sciatori". Adriano Favre, numero uno del soccorso alpino nella Valle, fa il punto della situazione: "Poche decine di guide e soccorritori al lavoro stanno operando supportati dalla guardia finanza. La situazione è sotto controllo, ma le operazioni richiedono ancora tempo. Siamo fra i 2300 metri fino ai 2800. Forte vento e temperature rigide, ma la situazione è sotto controllo".

Continua qui


Addio alla mobilità dal 1° gennaio. Cosa cambia nel 2017

Scompare dopo 25 anni l'indennità di mobilità per i lavoratori colpiti da licenziamento collettivo. Ai disoccupati resta solo l’assegno Naspi

Scatta il 1° gennaio una nuova disposizione della legge Fornero: sparisce la mobilità per i lavoratori colpiti da licenziamento collettivo. Per la precisione, dopo ben 25 anni viene eliminata l’indennità spettante ai lavoratori licenziati da imprese industriali con più di 15 dipendenti o commerciali con oltre 50. L’unico assegno di disoccupazione resta la Naspi, uguale per tutti. La durata della Naspi sarà quasi sempre più breve rispetto alla mobilità, inoltre l’assegno potrà essere pari fino al 75% dello stipendio medio degli ultimi 4 anni, assegno che andrà diminuendo ogni mese.
Solo chi è stato messo in mobilità quest’anno continuerà a percepire il vecchio assegno, mentre non sarà possibile erogarne di nuovi.

COSA CAMBIA – Dal prossimo anno – spiega la Uil – verranno meno anche gli incentivi alle assunzioni per coloro che, licenziati quest’anno, continueranno a percepire l’indennità di mobilità anche nel 2017. Gli sgravi riguardavano le assunzioni di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità indennizzata.
La contribuzione previdenziale a carico dell’azienda era pari a quella degli apprendisti, per la durata di 18 mesi in caso di assunzione a tempo indeterminato e 12 mesi in caso di tempo determinato. A ciò si aggiungeva un contributo mensile, pari al 50% dell’ indennità non ancora percepita per un periodo di 12 mesi per persone under 50 anni; 24 mesi per gli over 50; 36 mesi over 50 anni residenti nel Mezzogiorno e nelle aree ad alto tasso di disoccupazione.

Continua qui

venerdì 23 dicembre 2016

L'attentatore di Berlino ucciso nel Milanese in sparatoria con polizia

Ha urlato "Allah Akbar"

 

Era appena arrivato in treno dalla Francia. Ha sparato agli agenti non appena gli hanno chiesto i documenti. Un agente è rimasto ferito a una spalla



L' hanno identificato dalle impronte digitali e dalla misura del volto: Anis Amri, l'attentatore di Berlino era in Italia, a Sesto San Giovanni. Che si tratti di lui, "senza ombra di dubbio", lo dice il ministro dell'Interno Marco Minniti, lo dicono, prima di lui, gli esperti dell'antiterrorismo della digos di Milano. Armi cercava un nascondiglio? Aveva una rete? A queste domande dovranno rispondere ora gli esperti dell'antiterrorismo italiani. "La cosa può portare anche a sviluppi futuri" aggiunge, infatti, il ministro.

In treno dalla Francia. Di certo Amri era arrivato in treno dalla Francia ma, appena uscito dalla stazione ferroviaria, è incappato in un controllo di polizia. Quando l'hanno fermato ha urlato "Allah Akbar" poi ha sparato contro gli agenti: ne ha colpito uno alla spalla. Loro hanno risposto: lui è morto sul colpo.


Continua qui

Garlasco, aperta un’altra inchiesta Indagato il ragazzo del dna su Chiara

Accolto l’esposto della mamma di Stasi. Il giovane era un amico del fratello della vittima. Il suo profilo genetico coincide con i frammenti trovati sotto le unghie della ragazza uccisa a 26anni la mattina del 13 agosto 2007

 Il suo profilo genetico, come svelato lunedì dal Corriere, coincide con i frammenti di Dna trovati sotto le unghie di Chiara Poggi, uccisa la mattina del 13 agosto 2007 nella villetta di Garlasco. Era un amico di Marco, il fratello della 26enne, e frequentava l’abitazione di via Pascoli 8 spesso muovendosi in bicicletta. La «prima» inchiesta sull’omicidio si era conclusa con la condanna definitiva a sedici anni per l’ex fidanzato di Chiara, l’oggi 33enne Alberto Stasi, detenuto dallo scorso dicembre nel carcere di Bollate. Ma adesso, al termine dell’indagine difensiva dei legali dello studio Giarda (che assistono la famiglia Stasi) insieme a una società di investigazioni, la Procura di Pavia ha aperto una «seconda» inchiesta. Accogliendo l’esposto della mamma di Alberto, Elisabetta Ligabò, e iscrivendo nel registro degli indagati quel giovane, all’epoca appena maggiorenne. 

Continua qui 

Maugeri, confiscati a Formigoni case, quadri, auto e un negozio

Il Tribunale di Milano ha disposto al confisca di beni per 6,6 milioni. Tra Daccò, Simone, Passerino e Farina disposte confische per quasi 70 milioni di euro

Il Tribunale di Milano, nel condannare giovedì Roberto Formigoni a 6 anni di carcere, ha disposto anche la confisca di 6.626.961,96 euro a carico dell’ex governatore, tra quadri, quote di proprietà di sette «abitazioni» (da Sanremo a Lecco fino ad Arzachena), di due box, di un terreno, di un ufficio e di un `negozio´ a Lecco, oltre a tre auto e conti correnti. È quanto risulta dal dispositivo della sentenza di otto pagine letto oggi in aula. In totale, i giudici della decima sezione penale (Gaetano La Rocca, Angela Laura Minerva, Marco Formentin) hanno disposto confische a carico di Formigoni, del faccendiere Pierangelo Daccò, dell’ex assessore lombardo Antonio Simone, dell’ex direttore amministrativo Costantino Passerino e dell’imprenditore Carlo Farina per quasi 70 milioni di euro. La stessa cifra che i pm contestavano come uscita, attraverso false consulenze, dalle casse della Fondazione Maugeri (61 milioni) e del San Raffaele (9 milioni), soldi in parte serviti, secondo l’accusa, per corrompere Formigoni.

Continua qui

giovedì 22 dicembre 2016

Pisa, processo Roberta Ragusa: 20 anni a Logli per l'omicidio della moglie

La donna scomparsa dal gennaio 2012, il corpo non è mai stato ritrovato. L'uomo era stato prosciolto ma la Cassazione aveva disposto una nuova udienza preliminare di LAURA MONTANARI E GERARDO ADINOLFI

E' stato condannato a vent'anni, ma non andrà in carcere per ora, Antonio Logli, il marito di Roberta Ragusa è stato riconosciuto colpevole di omicidio e occultamento di cadavere della moglie scomparsa nella notte fra il 13 e il 14 gennaio 2012. E' la sentenza emessa oggi dal tribunale di Pisa al processo con rito abbrevviato dopo le ricerche (il corpo di Roberta non è mai stato trovato), le udienze, i ricorsi e le battaglie legali, i colpi di scena.   "Siamo soddisfatte di questa sentenza, ma non cambia il dolore per la perdita di Roberta. Non cercavamo vendette, ma giustizia per lei", hanno detto le cugine Marika Napolitano e Maria Ragusa. "Ora per i due figli - ha aggiunto Marika - è una tragedia doppia perché oltre alla madre, rischiano di perdere anche il padre, faremo di tutto per cercare un rapporto con loro e per stare vicini a questi ragazzi".

Continua qui

Strage Berlino, polizia cerca tunisino. Sospettato di preparare attacco. Per 4 anni in carcere in Italia

Il governo conferma: "Si chiama Amis Amri, 24 anni. Potrebbe essere ferito, è armato". Identificati sei tedeschi tra le 12 vittime, oltre all'autista-eroe Lukasz Urban. Fabrizia Di Lorenzo ancora dispersa. Gentiloni: "Giovane esemplare"



BERLINO - Caccia all'uomo, in tutta la Germania e anche nei paesi vicini. Anis Amri, tunisino, 24 anni, probabilmente ferito, sicuramente armato è sospettato di essere il responsabile della strage di Berlino. L'invito ai cittadini è di fare attenzione. Su di lui pende una taglia di 100mila euro che verrà assegnata a chiunque fornisca informazioni che portino all'arresto.

Anis era sbarcato in Italia nel 2011, minorenne. Era stato portato a Lampedusa dove aveva partecipato all'incendio del centro di accoglienza. Arrestato, era stato trasferito a Catania e poi a Palermo. Dopo aver scontato la pena di quattro anni di reclusione all'Ucciardone, aveva ricevuto un provvedimento di espulsione. Ma la Tunisia lo aveva rifiutato. Così, nel 2015 di lui si erano perse le tracce e si era spostato in Germania. I suoi documenti sono stati trovati nella cabina di guida del tir che lunedì sera ha seminato la morte nel mercato di Natale a Berlino provocando 12 vittime. I commando della polizia tedesca hanno perquisito in giornata due appartamenti nel quartiere Kreuzberg di Berlino, ma non hanno trovato il tunisino, scrive Die Welt, citando fonti investigative.


Continua qui

mercoledì 21 dicembre 2016

Messico, tragedia in un mercato di fuochi artificio: 29 morti, decine di feriti e dispersi

Diverse esplosioni tra le bancarelle e i chioschi a Tultepec, a circa 50 chilometri dalla capitale. Alcune delle 72 persone ricoverate in ospedale sono in condizioni gravi

CITTA' DEL MESSICO - Almeno 29 morti e 72 feriti per sei esplosioni a catena in un mercato di fuochi d'artificio a Tultepec, 50 chilometri circa a nord di Città del Messico. Decine di persone, forse un centinaio, risultano disperse. Tra le vittime ci sono molte donne e molti bambini. Impressionanti le immagini mandate in onda dalle tv locali: fuochi d'artificio multicolori che scoppiavano uno dietro l'altro in rapida successione e una densa colonna di fumo che si levava altissima dal mercato di San Pablito, noto come "la mecca dei giochi pirotecnici" e molto affollato in questi giorni che precedono le feste di fine anno, mentre la gente correva in tutte le direzioni freneticamente. I vigili del fuoco hanno impiegato tre ore per domare l'incendio. Ridotti in cenere quasi tutti gli oltre 300 banchi, chioschi e negozi, distrutti gli edifici circostanti e i veicoli che si trovavano nelle immediate vicinanze.

Continua qui

martedì 20 dicembre 2016

Attentato Berlino, un'italiana tra i dispersi. Il padre: "Stanotte avevamo già capito"

La madre e il fratello di Fabrizia Di Lorenzo sono già nella capitale per l'esame del Dna. Dubbi sul pachistano fermato: è un richiedente asilo entrato in Germania lo scorso febbraio, ma lui nega qualsiasi coinvolgimento. Unità speciali della sicurezza hanno fatto irruzione nel campo profughi di Tempelhof. Confermata la nazionalità polacca della persona trovata morta nel Tir


ORMAI è certo: è un attentato l'attacco di ieri sera a Berlino in cui un camion è piombato a tutta velocità sulla folla che visitava i mercatini di Natale, uccidendo 12 persone (sei sono cittadini tedeschi) e ferendone 48, delle quali 18 in gravi condizioni, tra questi c'è un cittadino israeliano. Lo ha riferito il ministero degli Esteri di Israele secondo cui la moglie risulta al momento dispersa. I due erano giunti in Germania per una breve visita turistica. I feriti dimessi sono 24. E c'è un'italiana tra i dispersi, Fabrizia Di Lorenzo. A confermarlo a Repubblica, dopo la notizia diffusa dall'Huffington Post, è l’ambasciatore italiano in Germania, Pietro Benassi: "Stiamo lavorando su una persona e abbiamo motivi di essere preoccupati".

Continua qui

Il meteo punto: ecco la possibile evoluzione per Natale e Capodanno!

Natale con nebbia in pianura, forse nubi basse in Liguria, sole altrove; negli ultimi giorni dell'anno non si escludono refoli freddi lungo le regioni adriatiche e da Capodanno... 

 

-Il tempo migliorerà nettamente già alla fine della giornata di mercoledì, anche se sulla Sardegna resterà variabile con residue piogge sino a giovedì.
-Da venerdì 23 a lunedì 26 dicembre l'alta pressione regalerà quasi ovunque tempo buono, ma con probabile ritorno delle NEBBIE in pianura al nord. Si tratterà comunque in prevalenza di nebbie calde, cioè caratterizzate da temperature sopra lo zero, a causa del richiamo sciroccale intervenuto negli ultimi giorni. Possibili nubi basse sulle coste liguri e passaggi di banchi nuvolosi a quote elevate sulle Alpi.

-Da martedì 27 o mercoledì 28 dicembre possibile temporanea flessione del campo barico, specie in quota, con passaggio di una massa d'aria fredda diretta verso i Balcani, che però potrebbe coinvolgere anche le nostre regioni meridionali ed adriatiche, portando vento, un netto calo termico, deboli spruzzate di neve a bassa quota in Appennino.

Continua qui

Brexit, Trump e referendum, perché le previsioni nere non si sono avverate?

Le ragioni degli errori degli analisti
Risponde Ferdinando Giugliano, editorialista la Repubblica

Il video

lunedì 19 dicembre 2016

Contromano in autostrada sull’A26, gli sparano alle gomme per fermarlo

Fermato e arrestato dalla Polstrada a Castellazzo Bormida, nell’Alessandrino: è un venditore ambulante di alimentari, 33 anni, di Nichelino, risultato positivo alla cocaina


Predosa (Alessandria)
Quando, fermo in una piazzola a Predosa sulla sua Golf, ha visto avvicinarsi la pattuglia della polizia stradale, ha capito che non ce l’avrebbe fatta a sfuggire al controllo. E così, preso dal panico e sotto effetto di cocaina, ha ingranato la retromarcia, ha fatto manovra e imboccato in contromano, l’A26, dove fino a quel momento aveva viaggiato in direzione Sud, lanciandosi a velocità folle tra le auto che gli venivano incontro. Per fermarlo, gli agenti hanno prima sparato in aria, poi hanno mirato alle gomme. 

Continua qui

Turchia, ucciso ambasciatore russo Andrey Karlov. Morto l'attentatore: poliziotto di 22 anni

Il diplomatico raggiunto da colpi di arma da fuoco all'inaugurazione di una mostra di fotografica. Altre tre persone a terra. L'aggressore ucciso dalle forze speciali, si era diplomato due anni fa all'accademia di polizia di Smirne. Mosca: "Atto terroristico, un giorno tragico per la diplomazia"


ANKARA - L'ambasciatore russo ad Ankara, Andrey Karlov, è stato ucciso in un attentato. Colpito a morte mentre parlava a una mostra fotografica da un poliziotto che per entrare alla Galleria d'arte ha mostrato il tesserino. Giacca nera e cravatta, la pistola in pugno, ha cominciato a sparare gridando "vendetta" e poi "Aleppo" o "noi moriamo in Siria voi morite qua".

Il diplomatico si è accasciato a terra, ha ricevuto le prime cure sul posto ma non è stato neanche trasportato in ospedale, sarebbe stato inutile. Le forze speciali turche hanno fatto irruzione nella galleria d'arte e ucciso l'aggressore che continuava a sparare. "Non uscirò vivo da qui, non vi avvicinate!", gridava. Sul pavimento, i corpi di altre persone.


Continua qui

Nevicata in autostrada, chiusa ai mezzi pesanti l’entrata di Masone sull’A26

Genova - Forti disagi si registrano sull’autostrada A26 nel tratto tra Voltri ed Alessandria a causa di una fitta nevicata. La polizia stradale ha già chiuso l’entrata in direzione Masone per i mezzi pesanti e nei prossimi minuti il tratto potrebbe essere chiuso anche alle auto.
Si procede, infatti, con difficoltà a causa degli accumuli di neve sulla carreggiata soprattutto nei tratti in salita. Stessi problemi si registrano nel tratto piemontese tra Alessandria e Ovada in entrambe le direzioni dove la circolazione è stata bloccata. La società autostrade ha fatto scattare il “codice nero “per neve.

 
La situazione a Genova e sul Savonese
Come da previsioni, nevica nell’entroterra savonese ma, in quota, anche nel genovesato. Questa mattina molti Comuni della Valbormida si sono svegliati sotto una coltre bianca in attesa delle precipitazioni più intense che inizieranno nel pomeriggio. Sulla costa non sono previste criticità, mentre nell’entroterra è stata diramata l’allerta gialla fino a mezzogiorno e quella arancione da mezzogiorno a mezzanotte.

Continua qui

La prima neve in Liguria nelle foto dei lettori

 

La prima neve di questo inverno in provincia di Alessandria: mandate le foto a #primaneveAl

 

Delitto di Garlasco, la difesa di Stasi: «Sotto le unghie di Chiara il Dna di un altro giovane»

Milano - Possibile clamorosa svolta nella vicenda di Garlasco che potrebbe riaprire il caso: secondo quanto la mamma di Alberto Stasi, condannato in via definitiva, dopo due assoluzioni, per l’assassinio della fidanzata Chiara Poggi e oggi detenuto nel carcere di Bollate, ha rivelato al Corriere della Sera, il profilo di dna trovato sotto le unghie della di Chiara non apparterrebbe al figlio, ma a una persona di sesso maschile, forse tra le conoscenze della vittima. Lo dicono gli esiti della consulenza della difesa, rappresentata dallo studio Giarda, che ha incaricato una società di investigazioni di riesaminare gli atti dell’inchiesta. La mamma di Stasi chiede che il figlio «esca subito dal carcere».

Continua qui

MALTEMPO in arrivo su gran parte d'Italia, NEVE a quote basse sul nord-ovest, abbondante in montagna

Piccolo vortice freddo in azione al nord-ovest, con neve a quote basse, depressione in approfondimento a ridosso della Sardegna con vasto corpo nuvoloso apportatore di maltempo in azione a partire dall'isola e in estensione a molte regioni entro martedì, salvo l'estremo nord-est. Quota neve in graduale rialzo al nord-ovest. Mercoledì ultime precipitazioni, poi tempo più stabile e relativa mitezza durante il fine settimana di Natale, a tratti variabile al nord e sulla Toscana.

 

COMMENTO: alla fine a raccogliere tutto lo sforzo del freddo da est sarà il nord-ovest, con conseguenze nevose anche abbondanti sui rilievi piemontesi, dell'Appennino ligure e in parte sulla Valle d'Aosta e della Lombardia, mentre modesto o in qualche caso nullo rimarrà il contributo sui rilievi alpini orientali, mentre troppo alto sarà il limite della neve lungo la dorsale appenninica. L'accelerazione delle correnti da ovest ci porterà feste di Natale nel complesso miti e un po' variabili ma senza fenomeni di rilievo. Per fine anno invece tutto è ancora da definire.

SITUAZIONE: un vortice freddo agisce a ridosso del settentrione, determinando qualche fenomeno nevoso anche a bassa quota sul settore occidentale. Nel frattempo a ridosso della Sardegna agisce la depressione che entro la nottata spingerà un vasto corpo nuvoloso ad arcuarsi sullo Stivale, determinando piogge anche diffuse al centro, al sud e sul nord-ovest e l'Emilia-Romagna, oltre ad ulteriori nevicate su ovest Alpi.

EVOLUZIONE: la perturbazione collegata alla depressione non potrà avanzare troppo verso levante per l'opposizione di una zona di alta pressione sull'est europeo. Essa esaurirà la sua azione nel corso della mattinata di mercoledì. 

NEVICATEoggi potranno verificarsi anche in pianura a tratti sul Piemonte e l'estremo ovest della Lombardia, spesso miste a pioggia. Dal pomeriggio le nevicate si localizzeranno sull'ovest del Piemonte e lungo i relativi rilievi, nonché sulla Valle d'Aosta e l'Appennino ligure di Ponente a quote molto basse. Dalla nottata limite in graduale rialzo sino a 400-500m su tutto il nord-ovest, martedì mattina oltre gli 800-1000m, a quote più basse su Cuneese ed entroterra savonese, dove gli accumuli potranno anche superare il mezzo metro.

 

Continua qui 

NEVE in arrivo al NORD tra lunedì e martedì? Vediamo DOVE

 

 

 

sabato 17 dicembre 2016

Sanità, arrestato il braccio destro di Maroni

Il leghista Fabio Rizzi, padre della riforma sanitaria regionale, agli arresti con l’accusa di associazione per delinquere in una inchiesta della Procura di Monza. Si riferisce ai presunti appalti truccati per gestione dei servizi odontoiatrici
di Michele Sasso
 
Un’altra inchiesta colpiscela Regione Lombardia. Arrestato il braccio destro di Roberto Maroni, Fabio Rizzi, ex senatore padano e mente della riforma della sanità lombarda, un settore che muove interessi miliardari.

Una tavola apparecchiata con oltre 18 miliardi di euro l’anno per forniture sanitarie e rimborsi per prestazioni ospedaliere, servizi specialistici, appalti di mense e ristorazione, pulizie ed edilizia sanitaria. Una cifra che vale oltre un punto del Pil nazionale, pari al budget di spesa della Difesa per tank e missioni all’estero.

A quattro mesi dall’arresto del numero due del Pirellone Mario Mantovani il copione delle indagini sulla sanità e le presunte mazzette si ripete.
 
Continua qui

Borsalino rischia il crac. Il giudice revoca il concordato preventivo

Il mito dei cappelli di nuovo in difficoltà: il Comune di Alessandria si mobilita


Alessandria
Alessandria si schiera per evitare il fallimento della Borsalino, tornato all’ordine del giorno dopo che il giudice ha revocato il concordato preventivo in bianco concesso a marzo. Una decisione che mette in forse la soluzione trovata l’anno scorso, con l’arrivo dell’imprenditore italo-svizzero Philippe Camperio che aveva affittato l’azienda famosa nel mondo per i suoi cappelli in attesa di poterne diventare proprietario.

La Borsalino ha chiuso il 2015 con una crescita del fatturato da 13,5 a 15 milioni e il ritorno all’utile dopo anni, mentre i dati di quest’anno sono ancora migliori (più 20%). Camperio ha messo a disposizione del fallimento 15 milioni oltre a saldare un debito di 8 milioni con l’erario e finanziare nuovi macchinari e sei assunzioni. Invece ora il rischio è che qualcuno, ad esempio lo stesso pm cui sono stati girati gli atti, chieda il fallimento. Ieri mattina, nella sala consiliare del Comune, si è tenuta una specie di assemblea con i 130 lavoratori del cappellificio, i sindacati, il sindaco Rita Rossa e i parlamentari della provincia. 

Continua qui

venerdì 16 dicembre 2016

Meteo a 7 giorni: dal MALTEMPO al FREDDO sull'Italia...

Si prepara una settimana decisamente dinamica dal punto di vista meteo in Italia...

 

Signori, si cambia! Dopo un inizio di stagione deludente sia sotto il profilo termico e fenomenologico, la situazione tenderà ad assumere caratteri più emozionanti a partire dall'inizio della settimana prossima.

Una depressione in approfondimento sulle Baleari durante il week-end, tenderà a muoversi con il suo carico di pioggia verso levante a partire da lunedi 19 dicembre.
Proprio nella giornata di lunedì 19 la figura perturbata darà origine a piogge molto intense sulle due Isole Maggiori e sul settore ionico, dove saranno possibili anche nubifragi.
Il resto della Penisola sarà ancora in attesa e vedrà solo un aumento delle nubi sul centro peninsulare, senza conseguenze.

Nella giornata di martedì 20 dicembre (prima mappa) la situazione tenderà a peggiorare un po' ovunque con piogge intense al centro-sud e qualche nevicata a bassa quota sul nord-ovest. Resterà probabilmente escluso l'estremo angolo nord-orientale italico, dove i fenomeni saranno poco probabili.

Continua qui

Roma, arrestato per corruzione Raffaele Marra. Perquisizioni in Campidoglio

E' accusato di aver intascato una tangente quando lavorava all'Enasarco. In manette anche il costruttore Scarpellini


ROMA - I carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale guidati da Lorenzo D'Aloia, su richiesta della Procura di Roma, hanno arrestato con l'accusa di corruzione Raffaele Marra, il fedelissimo della sindaca Virginia Raggi, ex vice capo di Gabinetto del Campidoglio e ora alla guida del Dipartimento Personale. In manette anche il costruttore e immobiliarista Sergio Scarpellini. Secondo le indagini, Marra è accusato di aver intascato una tangente per l'acquisto di un appartamento Enasarco.

Continua qui 


Le carte I due assegni che hanno incastrato il dirigente

 

Inchiesta maxiappalto Expo, Sala non cambia idea: giunta straordinaria poi si autosospende dal prefetto

 

giovedì 15 dicembre 2016

Ruby ter, per Berlusconi richiesta di rinvio a giudizio: «Pagò le Olgettine per mentire»

Milano - La procura di Milano ha ribadito nel pomeriggio, davanti al gup Carlo Ottone De Marchi, la sua richiesta di rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi accusato, nel procedimento denominato Ruby ter, di corruzione in atti giudiziari per aver “comprato”, secondo l’accusa, il silenzio o la reticenza di alcuni testi nel corso del primo processo Ruby dove era accusato di prostituzione minorile e concussione, contestazioni per le quali è stato poi assolto.

La decisione del gup non arriverà però in serata: l’udienza, in corso al Tribunale di Milano, si concluderà con un rinvio per consentire al difensore dell’ex premier Franco Coppi, oggi impegnato in altra causa a Roma, di intervenire in aula. Terminate le eccezioni preliminari, presentate dal legale Federico Cecconi, che con Coppi assiste Berlusconi, quindi, il gup rinvierà l’udienza.

Continua qui

mercoledì 14 dicembre 2016

Mediaset, Confalonieri: «Ci difenderemo da Vivendi». Berlusconi annulla gli impegni

Milano - «Il Governo monitorerà con attenzione l’evolversi della situazione» afferma il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda in merito alla vicenda Mediaset-Vivendi . Il governo italiano ha «assoluto rispetto per le regole di mercato», tuttavia «non sembra davvero che quello che potrebbe apparire come un tentativo, del tutto inaspettato, di scalata ostile a uno dei più grandi gruppi media italiani, sia il modo più appropriato di procedere per rafforzare la propria presenza in Italia».

Nella nota Calenda sottolinea comunque che «gli investimenti stranieri sono sempre benvenuti, quando portano capitale di crescita e competenze e contribuiscono allo sviluppo del tessuto industriale italiano. Quando però si tratta di un’azienda che opera in un campo strategico come quello dei media, il modo in cui si procede non è irrilevante. Mi pare che questo principio sia in Francia ampiamente riconosciuto e assertivamente difeso».

E in una nota, anche Silvio Berlusconi parla di scalata ostile: «L’acquisto di azioni Mediaset da parte di Vivendi, non concordato preventivamente con Fininvest, non può essere considerato altro che un’operazione ostile». Vivendi ha avuto l’opportunità, con l’accordo strategico firmato nello scorso aprile, di avviare con Mediaset una collaborazione che si preannunciava proficua per entrambi i gruppi», rileva ancora Silvio Berlusconi. «Purtroppo, questo accordo è stato disconosciuto da Vivendi nei modi e con le conseguenze anche giudiziarie che sono note. Non è certo questo il miglior biglietto da visita che Vivendi possa esibire nel riproporsi come azionista industriale della società».


Continua qui

Fininvest denuncia Vivendi per manipolazione del mercato

 

 

 

 

Siria, l'annuncio di Mosca all'Onu: "Abbiamo liberato Aleppo". Appello internazionale: "Basta atrocità sui civili"

Da Merkel ad Amnesty a Hollande, allarme internazionale dopo l'ultimo assedio: "Tutti coloro che vogliono lasciare la città devono avere la possibilità di farlo in sicurezza e con dignità". Ankara: "Anche noi garanti, nessuna violenza su chi si è arreso"


Esecuzioni sommarie, bambini e donne bruciati vivi, civili in fuga costretti con la tortura ad arruolarsi nell'esercisto lealista: l'agonia di Aleppo è senza fine, anche se Mosca, nel tardo pomeriggio, annuncia lo stop delle armi, la liberazione della città. L'Onu denuncia che decine di civili sono stati trucidati dalla forze lealiste che hanno riconquistato la città, mentre i ribelli parlano di "stop all'evacuazione dei civili da parte delle forze sciite, per motivi non chiari"

"Una situazione disastrosa, che fa male al cuore", scandisce la Merkel in una dichiarazione congiunta con Hollande dove si parla di almeno "120 mila 'ostaggi' sotto le bombe".  "Non lasceremo nulla di intentato presso il regime siriano, ma anche Russia e Iran", hanno aggiunto la Cancelliera e il presidente francese, perchè "la popolazione civile venga protetta e il sostegno umanitario possa essere assicurato". Per Aleppo, hanno aggiunto, "il messaggio è chiaro ed è un messaggio molto semplice: si deve intraprendere tutto il possibile affinché la popolazione possa essere evacuata senza essere vittima di repressione".

Continua qui 

Salta la tregua, ancora bombe su Aleppo. Rinviata l’evacuazione di civili e ribelli
Le voci “Per noi non c’è scampo, addio”


Prodotto l'ultimo chilo pasta Agnesi, l'azienda chiuderà venerdì

Prodotto l'ultimo chilo pasta Agnesi, l'azienda chiuderà venerdì

IMPERIA - Alle 6.30 di questa mattina i macchinari del pastificio Agnesi di Imperia hanno prodotto il loro ultimo chilogrammo di pasta, una confezione di "Fusilli 102", per la precisione. Venerdì prossimo sarà infatti l'ultimo giorno di lavoro per i dipendenti che hanno scelto la mobilità, dopo l'annunciata chiusura della storica industria da parte del Gruppo Colussi. I lavoratori impiegati nell'azienda sono in tutto un centinaio, una settantina dei quali resterà a casa tra il 16 dicembre, il prossimo 2 gennaio e il mese di marzo del 2017.

Continua qui

Terzo Valico, in 40 perdono il lavoro, allarme dei sindacati

 

Atp, continua lo sciopero selvaggio: saltato l'accordo, corriere ferme

 

 

 

martedì 13 dicembre 2016

Al via il governo Gentiloni: Alfano agli Esteri, Interni a Minniti Boschi sottosegretario - Il giuramento Chi entra chi esce Cinque nuovi ministri, sei donne


E alla cerimonia imperversa il tailleur Tutti i look Verdini a sorpresa: «Non voteremo la fiducia»

Paolo Gentiloni ha sciolto la riserva e ha accettato l'incarico di formare il nuovo governo. Il presidente del Consiglio incaricato, dopo aver presentato al Capo dello Stato Sergio Mattarella la lista dei ministri, ha presentato la sua squadra che subito dopo ha prestato giuramento. Nella compagine di governo si segnalano cinque nuovi ministri. Eccola:

Ministri senza portafoglio

Anna Finocchiaro ai Rapporti col Parlamento (subentra alla Boschi)
Marianna Madia confermata alla Semplificazione e Pa
Enrico Costa resta ministro agli Affari Regionali
De Vincenti alla Coesione territoriale e Mezzogiorno
Luca Lotti allo Sport (con delega all'Editoria e al Cipe)

Ministri con portafoglio 

Angelino Alfano prende il posto di Gentiloni al ministero degli Esteri
All'Economia confermato Pier Carlo Padoan
Agli Interni Marco Minniti subentra ad Angelino Alfano
Andrea Orlando resta ministro alla Giustizia
Alla Difesa confermata Roberta Pinotti
Claudio Calenda resta ministro allo Sviluppo economico
Maurizio Martina confermato alle Politiche agricole
All'Ambiente confermato Gianluca Galletti
Graziano Delrio resta ministro alle Infrastrutture
Al Lavoro confermato Giuliano Poletti
All'Istruzione Valeria Fedeli (fuori Stefania Giannini)
Alla Cultura confermato Dario Franceschini
Alla Salute confermata Beatrice Lorenzin
 

Continua qui


lunedì 12 dicembre 2016

Poste, anno nuovo tariffe nuove. Ovviamente più care

La società guidata da Francesco Caio ha deciso di alzare le tariffe per raccomandate, assicurate e servizi per i professionisti, nonostante l'inflazione in Italia sia sotto zero


Anno nuovo, nuove tariffe postali. Ovviamente più salate.  Spedire una raccomandata, infatti, costerà 50 centesimi in più. L'aumento scatta 10 gennaio prossimo. Dalla stessa data rialzi anche per le assicurate. Il tutto in uno scenario in cui l'inflazione italiana resta sotto zero.

L'aumento per le raccomandate.  Le tariffe delle raccomandate  saranno incrementate in tutti gli scaglioni di peso. Per quella di base,  fino a 20 grammi, il costo salirà  da  4,50 a  5,00 euro, e l'aumento di 50 centesimi  sarà applicato anche alle comunicazioni connesse alle notifiche.  Tale incremento sarà applicato anche alle comunicazioni connesse alle notifiche (Comunicazione Avvenuta Notifica, Comunicazione Avvenuto Deposito, altre comunicazioni  di atti giudiziari). Più significativo  l'aumento  per le  raccomandate Internazionali. In questo caso infatti il ritocco sarà di 65, centesimi e il costo dell'invio passerà  da  5,95 a  6,60 euro.


Continua qui

Con la crisi non basta più il lavoro di uno solo in famiglia

Roma - La crisi sociale è più lunga della crisi economica. Uscire dalla recessione non vuol dire che la crisi sia finita. Quanta disoccupazione è stata riassorbita? Quanto dell’aumento della povertà assoluta, dei più poveri tra i poveri, si è recuperata? Partiamo dalla disoccupazione. Dopo essere cresciuta ininterrottamente dal 2007, da circa 1 milione e mezzo, la disoccupazione ha raggiunto il picco nel quarto trimestre del 2014 di 3 milioni 267 mila persone, per poi diminuire. Siamo, comunque, a 2 milioni 987 mila nel terzo trimestre del 2016. La disoccupazione di lunga durata, da 12 mesi in su, pur essendo diminuita, coinvolge 1 milione 600 mila persone, più del 50% dei disoccupati. Elemento, questo, che va considerato con attenzione, perché più a lungo si protrae lo stato di disoccupazione, più è difficile uscirne e rimettersi in gioco sul mercato del lavoro.

Continua qui

domenica 11 dicembre 2016

Egitto, attentato al Cairo in edificio della cattedrale copta: 25 morti, sei sono bambini

Altre 35 persone sono rimaste ferite nell'esplosione causata da 12 chili di tritolo. La polizia ha creato un cordone di sicurezza intorno alla zona

È di almeno 25 morti, tra cui sei bambini, e 35 feriti il bilancio dell'esplosione avvenuta oggi al Cairo in un edificio che fa parte del complesso della cattedrale copta di San Marco nel quartiere Al Abasiya, sede del capo spirituale, papa Teodoro II, centodiciottesimo patriarca di Alessandria. Lo ha detto il ministro della Sanità Ahmed Emad al canale satellitare Cbc. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione.

Continua qui

Mattarella ha deciso: il nuovo premier sarà Paolo Gentiloni

La scelta del Presidente della Repubblica è ricaduta sul ministro degli Esteri, che è stato convocato al Quirinale per ricevere l'incarico.


Sergio Mattarella ha deciso: esaurito il giro di consultazioni con partiti e principali cariche istituzionali, la scelta di affidare la formazione di un nuovo governo è ricaduta su Paolo Gentiloni, attuale ministro degli Esteri del governo Renzi. Gentiloni è stato convocato ufficialmente al Quirinale per ricevere l’incarico, rimasto vacante dopo le dimissioni di Matteo Renzi in seguito alla vittoria del No al referendum costituzionale.

Mattarella: prima del voto una legge elettorale

Sabato Mattarella aveva terminato le consultazioni al Quirinale, ed era apparso chiaro che il capo dello Stato si fosse costruito la convinzione che l’Italia non potesse permettersi di andare subito alle elezioni, come invece volevano alcune delle forze di opposizione: non prima almeno di aver messo mano alle leggi elettorali per la Camera e per il Senato. “Il nostro Paese ha bisogno, in tempi brevi, di un governo nella pienezza delle sue funzioni – aveva detto – vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni e scadenze che vanno affrontati e rispettati.

Continua qui

Polveri sottili, domenica senz'auto a Roma. Blocchi a Napoli e Torino, stop in arrivo a Milano

L'alta pressione fa crescere l'inquinamento. Divieti già operativi a Brescia e Cremona. E la cintura di Parigi è assediata dallo smog


ROMA - L'alta pressione atmosferica tiene incollato a terra l'inquinamento urbano - gas di scarico delle auto, emissioni delle industrie, riscaldamenti residenziali - e in questi giorni offre alle nostre città illuminate da un sole che non scalda una cappa di smog che omologa il Nord al Centro-Sud. Tutta la grande pianura europea è assediata dalle polveri sottili in verità, l'area metropolitana di Parigi registra valori tra i peggiori degli ultimi dieci anni e da noi arrivano i primi provvedimenti.

Continua qui

A Parigi i mezzi di trasporto pubblici sono gratis per combattere lo smog

 

 

Turchia, autobomba nel centro di Istanbul: 29 morti e 166 feriti. Fermati 10 sospetti

L'esplosione vicino allo stadio Beksitas due ore dopo la fine della partita di calcio con il Bursapor. Anche un attacco kamikaze vicino a Macka Park. Il governo turco: "Un crudele complotto del terrorismo"

ISTANBUL - Autobomba esplode in serata nel centro di Istanbul vicino alla Vodafone Arena, lo stadio del Beksitas di Istanbul. Il bilancio è di almeno 29 morti e 166 feriti, soprattutto tra la polizia: gli agenti rimasti uccisi sarebbero almeno 27. È stato un attacco terroristico: lo ha scritto su Twitter il ministro dei Trasporti turco, Ahmet Arslan. Il governo turco ha imposto il silenzio stampa. Una gran parte del centro di Istanbul è stata completamente isolata dopo la deflagrazione avvenuta alle 22.28 locali.

Continua qui

sabato 10 dicembre 2016

Le ultimissime sul tempo della prossima settimana: ci saranno sorprese da venerdì?

Cosa bolle in pentola?

 

L'alta pressione subirà un parziale indebolimento all'inizio della prossima settimana: lunedì 12 è infatti previsto il rapido transito di un corpo nuvoloso da nord con modesti riflessi al centro e al sud e una temporanea attenuazione delle nebbie al nord.
E' prevista qualche debole pioggia sul basso Tirreno e sul medio Adriatico, oltre ad un modesto rimescolamento dell'aria.
Da martedì 13 tornerà l'alta pressione, pur non particolarmente forte. Essa contribuirà a riportare le nebbie sul catino padano sino a giovedì 15 e ripristinerà il bel tempo altrove, sia pure con l'eccezione di qualche annuvolamento irregolare lungo il Tirreno.
Da venerdì 16 c'è qualche possibilità di assistere ad un rientro di correnti fredde da est sull'Italia, specie in Adriatico e sul settentrione; contemporaneamente da ovest avanzerà una saccatura da ovest ma i modelli faticano nell'inquadrare entrambi i movimenti di questi due elementi perturbatori e si rifugiano nella sostanziale tenuta dell'alta pressione, tranne il modello americano che dà maggior credito alle influenze del freddo russo.

Continua qui

Terremoto mar Adriatico : intensa scossa a largo della Croazia. Paura fra Trau' e Spalato

Stando ai dati provenienti dai sismografi del centro sismico EMCS si è trattato di un terremoto di magnitudo 4.5 (dato provvisorio) sulla scala richter con ipocentro fissato a circa 7 km di profondità. Epicentro individuato sulla Croazia meridionale, pochi chilometri a largo di Traù e Spalato. Il terremoto è stato nettamente avvertito nell'area epicentrale con forti tremori e boati per diversi secondi. Terremoto avvertito nettamente anche in Bosnia Erzegovina. Non risultano segnalazioni al momento dal centro Italia, non molto distante a linea d'aria dall'epicentro.

Continua qui