sabato 16 dicembre 2017

Melegatti, evitata la cassa integrazione. Gara di solidarietà porta richiesta di 5mila pandori. “Poi impegno su colombe”

L'ultimo pandoro doveva essere sfornato il 12 dicembre ma, grazie al sostegno dei consumatori, è ripresa la produzione
La Melegatti per ora ce la fa con le proprie gambe. Lo storico stabilimento veronese di pandori – in crisi di liquidità – riuscirà ad evitare per il momento la cassaintegrazione. Un’intesa alla quale sono arrivati azienda, sindacati e commissari del tribunale in un vertice di ieri. Per non lasciare a casa nessun operaio si è stabilito di proseguire la produzione natalizia in modo da sfornare altri 5mila pandori. Dopo, nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto, inizierà la campagna per le colombe pasquali. A poter tirare un respiro di sollievo sono settanta dipendenti fissi e 250 stagionali.

L’ultimo pandoro doveva essere sfornato il 12 dicembre ma grazie al sostegno dei consumatori oggi è ripresa la produzione: i commissari hanno deciso che l’ostacolo dei prezzi troppo bassi della grande distribuzione per panettoni e pandori a ridosso del Natale si potesse aggirare. Non facendo in tempo a raggiungere i supermercati, i 5mila pandori prodotti extra, saranno venduti direttamente nello spaccio aziendale, in questi giorni molto frequentato: per contribuire al rilancio dello storico marchio, i clienti acquistano anche le confezioni ammaccate, di solito scartate.

Continua qui

A Roma corteo pro-migranti, sos infiltrati

Attesi in 15mila, pericolo scontri. Divieto caschi e fumogeni

È allerta per il corteo nazionale di oggi pro-immigrati a Roma a cui sono previsti circa 15mila partecipanti che sfileranno per le strade del centro storico della città.
La manifestazione "Diritti senza confini", partirà da piazza della Repubblica alle 14 diretta a piazza del Popolo.

Ad aderire all'evento il 'mondo antirazzista': dall'Usb alla Coalizione Internazionale Sans-Papiers, dai movimenti per i diritti all'abitare agli studenti, alle realtà della sinistra estrema. Per gli investigatori il rischio, però, è che nel corteo possano infiltrarsi gruppi di violenti, provenienti anche da altre città italiane, con l'obiettivo di creare disordini.

Continua qui

venerdì 15 dicembre 2017

Arrestato in Spagna 'Igor il russo'

L'arresto di Norbert Feher è avvenuto durante una sparatoria nella zona di El Ventorillo, nella quale sono morte tre persone, tra cui due uomini della guardia civil


Norbert Feher alias Igor Vaclavic, conosciuto come 'Igor il russo' e responsabile di due omicidi in Emilia-Romagna lo scorso maggio, è stato arrestato in Spagna.
L'arresto - riferiscono i carabinieri di Bologna - è avvenuto durante una sparatoria nella zona di El Ventorillo, nella quale sono morte tre persone, tra cui due uomini della guardia civil.

Fonte 

Igor arrestato, il 'russo' era in Spagna. Madrid verso sospensione dell'estradizione in Italia

Traffico illecito di rifiuti. Un indagato: 'I bimbi? Che muoiano'

Frasi choc di un indagato in merito una discarica vicino a una scuola

"Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

Continua qui

Scontro treno-scuolabus in Francia: quattro bambini morti

Incidente nei pressi di Perpignan. 21 alunni feriti gravi. Passaggio a livello era considerato pericoloso

"E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus a Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent nel sud-ovest della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Ci sono "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno" afferma il prefetto che parla di incidente grave. Le vittime erano tutte a bordo dello scuolabus che trasportava studenti in maggioranza tra i 13 e i 17 anni. Il più giovane dei feriti, scrive Bfm sul suo sito internet, ha 8 anni. Tutti sono stati ricoverati nell'ospedale di Perpignan dove è stato attivato un numero di emergenza, mentre i genitori sono attesi ella scuola di Millau"dove saranno accolti e informati".

Continua qui

Due fermi per la morte dell'ex calciatore La Rosa

Il corpo del direttore sportivo del Brugherio era stato scoperto ieri nel bagagliaio di un'auto

Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35 enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I fermati sono la donna che guidava l'auto nel cui bagagliaio è stato scoperto il corpo di La Rosa e un uomo risultato in rapporti con lei.

Fonte

giovedì 14 dicembre 2017

Cacciatore ucciso da una fucilata durante la battuta al cinghiale nella campagna di Sezzadio

La disgrazia oggi pomeriggio. La vittima, di 53 anni, abitava a San Salvatore

Silvana Mossano
Sezzadio
Un cacciatore monferrino di 53 anni è morto, oggi pomeriggio, intorno alle 16, durante una battuta di caccia al cinghiale. La disgrazia è avvenuta nella campagna di Sezzadio, in località Gorreto. La vittima è Piercarlo Minetti, abitava a San Salvatore.

Indagano i carabinieri di Sezzadio, giunti sul posto appena è scattato l’allarme. Hanno presidiato l’area a lungo, in attesa che il magistrato di turno impartisse disposizioni sulla rimozione del cadavere.

Continua qui

mercoledì 13 dicembre 2017

In 5.500 ancora senza corrente elettrica per il gelo

Continua il lavoro per ritornare alla normalità dopo i problemi ai tralicci provocati dal gelo.


PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Sono quasi 5.500 le persone al momento ancora senza energia a causa del gelo delle scorse ore. I problemi sono concentrati al momento in particolare nel novese. I comuni con il maggior numero di persone senza corrente sono Cabella Ligure (884), Gavi (751), Cantalupo Ligure (408) e Albera (384). Intanto prosegue il lavoro dei cantonieri provinciali, del personale dei Comuni e dei volontari, oltre che di alcune ditte private, per ripristinare le strade colpite da cadute di alberi o rami. Ecco la situazione aggiornate delle strade in provincia:

Sp 139 da Sant’Agata Fossili verso Carezzano zona Torre Sterpi chiusa
Sp 128  di Madonna di Fonti in apertura
Sp 125 in Sarezzano chiusa per lavoro sgombero carreggiate
Sp 124  in Sarezzano chiusa per lavoro sgombero carreggiate
Sp 105 Pozzo Groppo verso  Biagasco chiusa in fase di riattivazione
Sp 110 da Dernice verso Vigoponzo chiusa in fase di riattivazione
Sp 110 da Dernice verso San Sebastiano riaperta
Sp 130 a Costa Castellania chiusa
Sp 135 tra Albarasca e Vargo chiusa
Sp 122 dei Campioli in Stazzano chiusa
Sp 119 della Polverola in apertura
Sp 117 a Montemarzino chiusa in fase di riattivazione
Sp 138 a Sorli chiusa in fase di riattivazione
Sp 120 galleria di Garbagna riaperta
Sp 131 di Sarizzola in riapertura
Sp 162 di Monterotondo chiusa a tratti
Sp 160 di val Lemme chiusa dal 30 al 32
Sp 160 di val Lemme da Gavi chiusa in riattivazione
Sp 163 della Castagnola  verso Fraconalto chiusa in riattivazione
Sp 161  della Crenna chiusa a tratti con difficoltà di circolazione
Sp 207 da dopo Olbicella
Sp 176 Da Gavi a Castelletto d’Orba chiusa a tratti con difficoltà di circolazione
Sp 158 della Lomellina difficoltà di circolazione.
Sp 141 Cassano-S. Agata Fossili da Sardigliano verso Sant’Agata Fossili in fase di riattivazione
Sp 139 Carezzano-Cassano da Sant’Agata Fossili verso Carezzano zona Torre Sterpi: in fase di riattivazione.
Sp 128 di Madonna di Fonti: aperta
Sp 125 Tortona-Avolasca nel comune di Sarezzano: Aperta e percorribile con Cautela
Sp 105 di Pozzol Groppo da Pozzol Groppo verso Biagiasco: chiusa ma in fase di riapertura
Sp 110 S. Sebastiano-Pertuso da Dernice verso Vigoponzo: riaperta
Sp 130 della valle Ossona da Costa Vescovato a Castellania: riaperta
Sp 135 Serravalle-Carezzano tra frazione Albarasca e frazione Vargo a Stazzano: riaperta

Continua qui


Da tre giorni senza elettricità e riscaldamento, il dramma di 12 persone

 

Manca il sale, viabilità nel caos: Ovadese e valle Scrivia in emergenza

 

 

 

martedì 12 dicembre 2017

Cesano Maderno, attraversano i binari: due anziani travolti e uccisi dal treno

Tragedia martedì mattina lungo la linea regionale Seveso-Milano Bovisa. Le sbarre del passaggio a livello erano abbassate, ma loro sono passati lo stesso

Marito e moglie pensionati, rispettivamente di 75 e 78 anni, sono morti travolti da un treno regionale in transito, proveniente da Seveso e diretto a Milano Bovisa, mentre stavano attraversando i binari a Cesano Maderno (Monza). La tragedia è accaduta poco prima delle 11 di martedì; la dinamica precisa dell’accaduto è ancora al vaglio della Polfer, che procede ai rilievi. Secondo le prime ricostruzioni il treno Seveso-Rogoredo stava transitando nel centro storico di Cesano Maderno e le sbarre al passaggio a livello di corso della Libertà erano abbassate. Nonostante ciò i due coniugi hanno deciso di passare dalla parte opposta: mentre stavano attraversando i binari sembra che l’uomo abbia perso il cappello e che la moglie si sia fermata per raccoglierlo. Un ritardo che si è rivelato fatale. 

Continua qui

Austria, esplosione in un impianto di gas a Baumgarten

Al confine con la Slovacchia: decine di persone ferite, almeno una vittima. Interrotti i flussi di gas dalla Russia verso l’Italia «fino a nuovo avviso»

Allarme per le forniture di gas all’Italia: potrebbero infatti verificarsi interruzioni dopo l’esplosione di questa mattina in un impianto di distribuzione a Baumgarten an der March, in Austria, al confine con la Slovacchia. L’esplosione ha causato un morto almeno e 18 feriti ma rischia anche di creare difficoltà al rifornimento energetico verso le frontiere Sud e Sudest dell’Austria, in particolare verso Italia, Slovenia e Croazia, secondo un portavoce di Gas Connect Austria, società che gestisce il sito. Le cause dell’esplosione non sono ancora chiare, ma si pensa a un guasto tecnico L’esplosione è stata seguita da un incendio che ha causato «danni significativi».

Continua qui

Si arrampica sui grattacieli per mettere le foto sui social. Posta il video e poi cade

Yong Ning è stato trovato morto ai piedi del grattacielo
Aveva solo 26 anni e si chiamava Wang Yong Ning. Era famoso sui social cinesi per le foto delle sue imprese sempre più spericolate mentre si arrampicava su costruzioni altissime a mani nude e mentre faceva piegamenti e esercizi pericolosi sospeso nel vuoto.
Continua qui

Melegatti blocca la produzione dei pandori: «Al super costano meno del pane, produrremmo in perdita»

Oggi il via libera dei lavoratori alla cassa integrazione. L’azienda messa in crisi dalle liti tra le due famiglie principali azioniste. Lo stabilimento inaugurato a febbraio ora è chiuso. Attesa per le mosse del fondo maltese Abalone che vuole rilevare l’attività

 

C’è qualcosa di eroico in chi non si arrende a una storia già scritta. E si batte per sostituire un epilogo scontato e deludente con un lieto fine. I dipendenti della Melegatti di San Giovanni Lupatoto ci hanno provato. Fino all’ultimo.
Ci stanno provando ancora, per la verità. Questa mattina la produzione sfornerà l’ultimo pandoro del 2017. E poi tutti all’assemblea convocata per le 12.30 dal sindacato. Si valuterà se dare il via libera a un nuovo giro di cassa integrazione. Fino alla Befana. Il «sì» (utile ma non indispensabile visto che l’azienda potrebbe procedere unilateralmente) è scontato. Nonostante gli ordini dei pandori abbiano preso a fioccare con la prima neve, non c’è alternativa. E il motivo — spiegano i responsabili della produzione— è semplice: da Natale in poi nei supermercati panettoni e pandori costano meno del pane, quindi d’ora in poi si lavorerebbe in perdita. 

Continua qui

Maltempo: esonda il fiume Enza, mille evacuati. Allarme gelicidio in Piemonte, ancora disagi in Liguria

Non nevica più in Piemonte ma è allerta per il ghiaccio, in Toscana disagi per il vento forte. In Emilia Romagna il fiume Enza rompe gli argini a Lentigione, evacuate mille persone

Ha smesso di nevicare in Piemonte e ora l’allerta è per il ghiaccio. Non piove più in Liguria ma rimangono disagi alla circolazione. Il maltempo concede una tregua al Nord Italia dopo le nevicate e i temporali di lunedì.  

Resta critica la situazione però in Emilia Romagna: nel Reggiano a Lentigione, nel comune di Brescello, il fiume Enza ha rotto gli argini e invaso l’abitato e la zona industriale. Evacuate oltre mille persone. Alcune persone però sono bloccate in casa, in attesa dell’intervento di elicotteri e mezzi anfibi. Interrotta la statale 63. A Colorno ha esondato la Parma: i pompieri hanno messo in salvo tre persone e un cane che si trovavano in una casa invasa dall’acqua. Nel modenese ha tracimato il fiume Secchia: allagata la strada a Campogalliano, nel modenese, dove i vigili del fuoco hanno tratto in salvo due persone e alcuni animali, non lontano dall’argine. Chiusi scuole e ponti a Bastiglia, Sorbara e Sozzigalli. In Lombardia il livello del Po è salito di un metro al Ponte della Becca, nel pavese. Nel bergamasco una frana è caduta a Riva di Solto, sulla strada provinciale 469 che è stata interrotta. E a Mezzoldo nella notte fra lunedì e martedì un uomo è riuscito a mettere in salvo la sua famiglia: la frana aveva tranciato alcuni tubi e nella casa era in corso una fuga di gas. 

Continua qui

Alluvione nel parmense: drammatico il video dei vigili del fuoco su Calorno

MALTEMPO LIGURIA: situazione CRITICA nell'entroterra per GHIACCIO

Il pericolo della Jihad di Natale

Gianni Riotta
Nel 1935, con l’America affamata dalla Depressione, il presidente Roosevelt decise di aiutare gli scrittori impoveriti, incapaci ormai di scrivere una sola riga. Il suo leggendario programma di sussidi - Federal Writers’ Project - fu ospitato a New York nel cavernoso Port Authority, dove metro, treni e autobus affollano, oggi come allora, una frettolosa umanità. Tra pendolari e senza tetto, si misero in coda i futuri giganti della letteratura americana, il novellista John Cheever, Richard Wright, autore di «Ragazzo negro», Ralph Ellison, maestro de «L’uomo invisibile», pagati al venerdì, tre dollari al giorno.

I loro fantasmi aleggiavano ieri sul convulso terminal dell’Ottava Avenue, 8000 bus al giorno, 65 milioni di passeggeri l’anno, quando Akayed Ullah, emigrato dal Bangladesh a Brooklyn, ha lasciato brillare il corsetto con un ordigno rudimentale, Velcro, zip, tubi ed esplosivo, come si impara da ricette online.

Il botto prematuro ha svuotato la stazione gremita del lunedì prefestivo, scosso New York, ferito solo il terrorista con altri passanti storditi, e troppo in fretta i siti han titolato «Attentato fallito!». Neppure per sogno, Isis considera un successo - e i suoi canali esultano ai «maiali infedeli in fuga» sotto Natale - che un «soldato» armato abbia violato il cuore di Manhattan, seminando paura. In un prezioso lavoro di controinformazione, dall’account twitter @rcallimachi la saggista del New York Times Rukmini Callimachi spiega la psicologia del raid di Ullah: venendo dopo la strage downtown del 31 ottobre, 8 morti e quindici feriti con il camion di Sayfullo Saipov a falciare ciclisti, e la bomba in pentola a pressione di Ahmad Khan Rahimi, 17 settembre 2016, 31 feriti, l’attacco di ieri a Port Authority sfibra i nervi a cittadini e polizia.

Continua qui


 

Manovra, salta stretta su cellulari auto

Tagliola ammissibilità anche per seggiolini anti-abbandono

La stretta sull'uso dei cellulari alla guida e l'obbligo di prevedere allarmi per i seggiolini dei bimbi montati in macchina sono fra le misure che incappano nella tagliola dell'ammissibilità in vista dell'esame della manovra da parte della commissione Bilancio della Camera. Le norme dunque non saranno messe ai voti a causa dell'estraneità della materia.
    "Sono almeno duemila gli emendamenti alla manovra che non hanno superato il vaglio di ammissibilità": lo riferisce il presidente della commissione Bilancio e relatore al ddl Francesco Boccia.

Continua qui

lunedì 11 dicembre 2017

Maltempo in Liguria. Tracima l’Entella, black out in varie zone

Gli aggiornamenti

Genova - È emergenza a Chiavari per la tracimazione del fiume Entella (fotogallery) . L’allarme viene lanciato dal comune sulla pagina Facebook: «Pericolo esondazione fiume Entella - recita il post - Abbandonare i piani bassi, non cercare di salvare i beni materiali ma mettersi in sicurezza!».
Autostrade, Valbormida isolata
Sulla A6, Savona-Torino è sempre chiusa tra Mondovì e Savona. E in direzione Torino tra Savona e Ceva. Quindi sempre chiusa dall’alba di questa mattina e nessuna riapertura è per ora prevista. Questo vuol dire che la Valbormida è completamente isolata.
Le altre autostrade
In A10: tir di traverso in A10 (foto), tratto autostradale chiuso. Riaperta poi una corsia. In A7: i problemi - già dalla notte - sono dati oltre che dal gelicidio da alberi caduti
Le ferrovie
Sono Piemonte e Liguria le regioni più colpite dal maltempo e del forte gelicidio con alcune cancellazioni di treni regionali e InterCity. Ecco la situazione sulle linee che riguardano la Liguria.

Continua qui 

Tragedia sulla A21 nel Pavese: Tir sbanda e finisce fuoristrada, morto un camionista di Castelnuovo

Provincia di Alessandria, comunicato della Protezione Civile

Elenco strade chiuse per caduta alberi o con limitazione carreggiata ( si eviti comunque circolazione):

Sp 123 #valBorbera tra #Dernice e #montebore
Sp 160 #valLemme comune di #Voltaggio;
Sp 163 della Castagnola #valLemme;
Sp 165 #valLemme Comune di #Bosio;
Sp 162 di Monterotondo #valLemme Comune di Gavi;
Sp 207 #valleOrba Comune di #Molare dal bivio di San Luca fino al confine di provincia;
Sp 145 di Mongiardino;
Sp 112 di Forotondo;
Sp 147 di #CarregaLigure;
Sp ex SS 456 del Turchino tra #Ovada e #Rossiglione;
Sp 170 tra Bosio e Mornese
Circonvallazione di Voltaggio (difficoltà);
Vi sono problemi su molte strade comunali della #valBorbera e #valLemme


Fonte

“Il tunnel avanza e rischia di inaridire le fonti di Sottovalle”

Preoccupazioni per i lavori del Terzo valico, ma il Cociv rassicura: «L’approvvigionamento idrico non sarà interrotto e si sta realizzando il nuovo acquedotto»

Il cantiere del nuovo acquedotto sulle alture di Arquata

GIAMPIERO CARBONE
ARQUATA SCRIVIA
Manca circa un chilometro al possibile impatto con le sorgenti del monte Zuccaro da parte della talpa meccanica che sta scavando il tunnel principale del Terzo valico dei Giovi da Arquata Scrivia verso Genova. «Paola», questo il nome della macchina azionata ormai da mesi dal cantiere di Radimero, ad Arquata, finora ha realizzato circa 2,5 km di galleria sui 27 previsti e il primo scoglio, tralasciando l’amianto presente in questa fetta di Appennino, saranno le sorgenti che alimentano gli acquedotti della Valle Scrivia.

Nel 2006 il progetto definitivo del Terzo valico metteva nero su bianco che l’impatto dello scavo con le fonti del monte Zuccaro, a cavallo tra le sue vallate, sarà quasi certo. Per questo, fin da allora, era stato previsto un acquedotto alternativo per l’abitato di Sottovalle, 60 anime nel Comune di Arquata. Il piccolo centro negli Anni Sessanta si era dotato di un acquedotto alimentato per caduta dalle sorgenti dello Zuccaro, gestito da un consorzio formato dagli abitanti. Consorzio che undici anni fa è riuscito a evitare di rimanere all’asciutto grazie alla nuovo condotta. I lavori sono partiti, con qualche ritardo, ormai da tempo, con una tubazione che preleverà acqua dalla galleria Borlasca, lungo una delle due linee ferroviarie tra Arquata e Genova. L’opera non è ancora stata completata a causa dei ritardi accumulati per diversi motivi da parte dell’impresa incaricata dal consorzio Cociv e ora il timore dei sottovallesi è che la talpa arrivi a contatto con le sorgenti del monte Zuccaro prima che il nuovo acquedotto sia terminato, lasciando senza acqua la frazione. 

Continua qui

New York, esplosione alla stazione bus a Manhattan. La polizia: "L'arrestato indossava un giubbotto esplosivo"

Due feriti non gravi. Uno è l'attentatore

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York, tra la 42esima strada e l'ottava Avenue, a Manhattan. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che hanno riferito di scene di panico.

Secondo Cnn, l'esplosione a Manhattan sarebbe stata causata da un ordigno artigianale, un 'tubo-bomba', che sarebbe esploso prima del previsto. La polizia ha confermato l'arresto di una persona. L'uomo indossava un giubbotto esplosivo e ha riportato anche lievi ferite. Nella zona è presente un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza che stanno cercando l'eventuale presenza di altri ordigni


Continua qui

Catena di incidenti sulla tangenziale di Alessandria perché nessuno ha messo il sale per palleggio di responsabilità


La vicenda ha davvero dell’incredibile: siamo nel 2017 col mondo dell’informazione in mano grazie agli smartphone e grazie ad internet,  eppure non si riesce ancora a capire chi deve provvedere a spargere il sale su tutta la tangenziale di Alessandria: se Comune, Provincia o Regione e così, visto che non si sa, nessuno l’ha messo dove andava.
Il risultato è stata una catena di incidenti stradali che si è verificata a partire dalle sei di questa mattina lunedì 11 dicembre, fino a dopo le 8. Una decina di piccoli incidenti stradali con auto fuori strada e feriti di poco conto per fortuna che hanno visto impegnate in più occasioni le ambulanze del 118 e la Polizia stradale di Alessandria che per evitare ulteriori incidente ha chiuso l’accesso alla tangenziale da chi proveniva da Spinetta Marengo e in altri tratti.

Qualcuno potrà obiettare che la responsabilità è sempre degli automobilisti che evidentemente andavano a velocità non adeguata al fondo stradale, me perché in altri tratti di strada il sale è stato messo e sulla tangenziale no?

Continua qui 
       

Rischio gelicidio, chiudono le scuole: ecco l'elenco. Stop anche ai treni

Al Nord neve e gelo mandano in tilt le ferrovie

Fiocchi bianchi in Piemonte. Molte scuole restano chiuse


Traffico ferroviario in tilt in Piemonte a causa di neve e pioggia, pericolo valanghe in Trentino, vento a 150 km orari nello spezzino, collegamenti sospesi da e per molte isole: il maltempo sta flagellando l’Italia, soprattutto al centro nord. In Piemonte in particolare la circolazione è fortemente rallentata sul nodo di Torino, in direzione Genova, a causa di un guasto tra le stazioni Lingotto e Porta Nuova.

Traffico sospeso sulla Torino-Savona, da San Giuseppe di Cairo, mentre le linee Genova-Milano e Genova-Torino (via Mignanego) sono sospese nel tratto tra Ronco e Arquata Scrivia. Problemi anche alla viabilità, con disagi sulle strade e forti rallentamenti sulle principali autostrade. Migliora invece gradualmente la situazione ferroviaria sulla linea Bologna-Prato dove la circolazione dei treni era fortemente rallentata dalla tarda serata di ieri. A Trieste un muro di contenimento nella zona della pineta di Barcola è crollato parzialmente in mattinata, a causa delle abbondanti piogge che cadono da ieri sul capoluogo giuliano. A causa del gelicidio che nella notte ha provocato una poltiglia di ghiaccio sulle carreggiate e la caduta di alberi e rami, stamane ci sono pesanti problemi alla viabilità su tutte le autostrade liguri.

Continua qui

Maltempo: la situazione del traffico ferroviario

Maltempo, la Liguria col fiato sospeso

Subdolo e pericoloso, ecco cos’è il gelicidio

 

Meteo Alessandria: piogge lunedì, molte nubi martedì, bel tempo mercoledì

Bloccati 4 ore sul Thello ghiacciato, malori e scene di panico: «Abbandonati al buio»

Genova - Mancano pochi chilometri alla prossima fermata e l’annuncio del capotreno sembra incoraggiante: «Tra pochi minuti il treno arriverà a Genova-Principe». Invece è solo l’inizio di un incubo. Poco più avanti il convoglio si ferma alla stazione di Piano Orizzontale, sul passo dei Giovi. Sembra una sosta momentanea, è in realtà il segnale di un guasto, legato al congelamento dei cavi di alta tensione. Oltre 400 passeggeri, che viaggiavano sul “Thello” partito da Milano e diretto a Marsiglia, rimangono segregati al gelo, talvolta al buio, per quattro interminabili ore. Con pochissime informazioni, senza cibo, senza poter andare in bagno. Un paio di anziani accusano malori.

A bordo scoppia la rivolta e sul posto intervengono i carabinieri. A quel punto una parte di passeggeri riesce a scendere dal treno e si allontana come può, in taxi o facendosi venire prendere: «Non possono succedere cose simili nel 2017 - tuona Elisa Serafini, assessore alla Cultura del Comune di Genova, fra i viaggiatori intrappolati - a bordo c’erano anziani e bambini».

Continua qui

Treno bloccato a Mignanego, così hanno viaggiato i passeggeri   

Ultimi aggiornamenti

LIGURIA: situazione CRITICA per il gelicidio (pioggia congelante) in alcune zone dell'entroterra. Particolarmente critica la situazione in Val Bormida, Orba e Stura dove si segnala la caduta di alberi sulla sede stradale. Situazione critica anche per il vento forte e le mareggiate che stanno colpendo il litorale di levante (fono a 5 metri d'onda a terra con raffiche di Ostro potenti)

Allerta rossa in tutta la provincia: piogge, vento e gelo. Scuole chiuse

domenica 10 dicembre 2017

MALTEMPO: accumuli pluviometrici MOLTO ELEVATI su alcune aree del nord (LE MAPPE)

Massima attenzione nella giornata di lunedi 11 soprattutto al nord

 

 
La prima mappa mostra gli accumuli piovosi previsti per la giornata di domani, lunedi 11 dicembre. Non capita tutti i giorni di vedere uno scenario simile paventato dalle elaborazioni modellistiche.

Focalizziamo subito lo sguardo sulla Liguria che vedrà accumuli imponenti (anche localmente superiori a 200mm) nelle zone appenniniche centro - orientali della regione.
Sotto torchio anche il settore delle Alpi Marittime e l'Imperiese dove l'effetto stau delle correnti da sud porterà piogge molto intense e abbondanti nevicate in quota.

Il secondo settore da tenere sotto controllo sarà la parte centro-orientale alpina. Qui agiranno abbondanti nevicate specie sul settore orobico, sui Lessini e sul Trentino, dove le cumulate nevose saranno davvero ragguardevoli indicativamente sopra i 1000-1200 metri.

Continua qui 

Cuscino freddo sulla pianura Padana: tanta neve in arrivo nelle prossime ore!

 

 

Liguria, l’attesa della tempesta perfetta


Genova - Regola numero uno: tenersi il più possibile alla larga da spiagge e scogliere. Lo dice l’allerta per mareggiata intensa che con ogni probabilità sarà diramata oggi dalla Protezione civile, se le previsioni meteo si manterranno quelle attuali. Nulla di straordinario, la Liguria è abituata a fenomeni del genere in questa stagione anche se per domani l’intensità si preannuncia particolarmente alta, come spiega Federico Grasso dell’Arpal, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale. «Il vento dall’Africa soffierà per ore su tutto il Mediterraneo in direzione del Mar ligure, con una velocità superiore ai 100 chilometri l’ora». A partire dalle quattro di domani pomeriggio le onde potranno raggiungere altezze comprese tra i quattro e i sei metri, in particolare lungo la costa da Recco a Ventimiglia.
 
 
Lungo la costa spezzina, le scuole di vela hanno annullato le attività, i servizi di noleggio barche rimarranno fermi così come i centri di immersione, mentre i porticcioli della zona hanno già rafforzato gli ormeggi e i cantieri navali hanno messo in sicurezza le imbarcazioni in banchina o nei piazzali.

Continua qui

Maltempo: disagi per piogge e neve, stop collegamenti isole

In Emilia Romagna preoccupa la pioggia che subito gela

Una nuova perturbazione proveniente dall'Atlantico raggiungerà nelle prossime ore l'Italia portando piogge, venti forti e anche nevicate, prima sulle regioni nord-occidentali e successivamente sul resto del nord e del centro. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che prevede. a partire dalle prime ore di domani. nevicate al di sopra dei 200-400 metri e successivamente a quote di pianura su Valle d'Aosta, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige. Attese inoltre precipitazioni diffuse, che localmente potrebbero essere molto intense e accompagnate da fulmini e forti raffiche di vento, su Liguria, Emilia-Romagna e Toscana. Venti forti e di burrasca, infine, interesseranno a partire dal pomeriggio Liguria, Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Veneto, Umbria e Lazio.

Continua qui

Archeologia: Egitto, scoperte due tombe di 3.500 anni fa

A Luxor, in un cimitero per nobili e alti funzionari

Video

Usa, incendi in California: le fiamme viste dallo spazio

Circa cinquecento edifici distrutti e migliaia di persone costrette a fuggire dalle loro case. Queste le conseguenze degli incendi divampati in California (sei di grandi dimensioni e altri più piccoli) da lunedì 4 dicembre. Le immagini satellitari mostrano le fiamme, spinte da condizioni metereologiche estreme, tra cui - come riporta la Bbc - bassa umidità, forti venti e aridità. Al lavoro circa 5.700 vigili del fuoco. Il "Thomas Fire", nella contea di Ventura a nord di Los Angeles, è il più grande tra gli incendi scoppiati.

Continua qui

Sondrio, ubriaco in auto travolge i passanti in una zona pedonale: tre feriti

Il conducente ha tentato di fuggire a piedi prima di essere arrestato dalla polizia. Grave una delle persone investite 

Strage sfiorata in centro a Sondrio: un uomo ha travolto con la sua auto alcune persone nella zona pedonale dei mercatini di Natale nella centralissima piazza Garibaldi. Oltre al conducente, sono tre le persone rimaste ferite: tra loro una donna di 44 anni versa in gravi condizioni ed è in prognosi riservata. Il conducente della vettura, che guidava ubriaco, ha tentato di fuggire a piedi prima di essere arrestato per tentato omicidio plurimo.

Continua qui

Novi Ligure, il compagno è malato di tumore: la classe si vaccina per proteggerlo

Plauso del ministro Lorenzin: "Eʼ una storia esemplare, bellissima, di senso civico e generosità che parte dai giovani"

Novi Ligure (AL) - Un gesto di amicizia e responsabilità che ha commosso tutti quello compiuto dai ragazzi della 5E del liceo Amaldi di Novi Ligure nei confronti di un loro compagno di classe malato di tumore. I liceali, per proteggerlo, hanno deciso di vaccinarsi tutti insieme contro l’influenza. Un’iniziativa che ha ricevuto anche il plauso del ministro Lorenzin: "E' una storia esemplare, bellissima, di senso civico e generosità che parte dai giovani".

"Fra gli studenti della 5E Liceo linguistico ce n'è uno speciale che sta reagendo con forza e serenità ad una grave patologia oncologica. Simone non può essere sottoposto al vaccino antinfluenzale perché il suo sistema immunitario, in questo momento, è compromesso dalle terapie. Allo stesso tempo, contrarre l'influenza sarebbe per lui più invalidante che per una persona sana, la quale avrebbe a disposizione tutte le armi per combattere il virus ‘invasore’, e significherebbe perdere ancora tanti giorni di scuola, oltre a quelli dedicati obbligatoriamente alle terapie", si legge sul sito della scuola.

Al ragazzo speciale di cui si parla - Simone, 18 anni - è stato diagnosticato un osteosarcoma, un tumore maligno dell’osso, come riporta Alessandria News. Per non fargli perdere giorni di lezioni, "i suoi compagni e docenti si sono sottoposti volontariamente al vaccino antinfluenzale, andando a costituire quel gregge che lo proteggerà come uno scudo dall'attacco del virus".

Continua qui

sabato 9 dicembre 2017

Scoperta a Cerreto Ratti: il crocifisso ha almeno mezzo millennio

Era un gioiello di cui si ignorava il valore il crocifisso ligneo conservato nella chiesa di Cerreto Ratti, frazione di Borghetto Borbera: ha almeno cinquecento anni di storia alle spalle. La scoperta durante i lavori di restauro


BORGHETTO BORBERA (AL) – Era un gioiello di cui si ignorava il valore il crocifisso ligneo conservato nella chiesa di Cerreto Ratti, frazione di Borghetto Borbera. A scoprire che il crocifisso custodito a Santo Stefano ha almeno mezzo millennio di storia alle spalle sono stati i restauratori alessandrini Michele Martella e Stefania Pietroniro, cui all’inizio dell’estate il parroco don Fulvio Berti ha affidato il manufatto per la sistemazione.

«Il crocifisso era stato ridipinto nei primi del Novecento – spiega Michele Martella – Ed eseguendo alcune analisi stratigrafiche abbiamo scoperto che al di sotto si trovava uno strato risalente all’inizio dell’Ottocento. Ancora sotto, uno settecentesco». Ma la vera scoperta arriva quando i restauratori si rendono conto che dopo questi tre strati c’è l’opera originale, databile tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento.

Continua qui

Neofascismo, a Como canti partigiani e bandiere contro l'intolleranza: "Siamo oltre 10mila"

Comitati, associazioni, rappresentanti dei partiti e delle istituzioni fanno sentire la loro voce dopo il blitz dei naziskin contro i volontari dell'accoglienza. Forza Nuova in un hotel dopo il no della questura. Dal palco i ragazzi leggono brani di Calamandrei e Pertini. Il livetwitting di ZITA DAZZI


Sul lungolago di Como si intonano i canti partigiani e sventolano le bandiere. "Siamo oltre 10mila", dicono dal palco. E' il giorno della manifestazione contro ogni forma di fascismo e intolleranza a Como; la risposta all'irruzione squadrista contro le associazioni impegnate per l'accoglienza dei migranti, i primi a prendere la parola oggi, ma anche a tutte quelle forme di intimidazione di stampo neofascista che da più parti sono arrivate, non ultimo l'attacco diretto a Repubblica con il blitz di Forza Nuova. I neofascisti di Roberto Fiore che hanno provato a organizzare una contromanifestazione vietata dalla questura, sono invece all'hotel Palace, circondati dalla polizia. Mentre da lontano arriva ancora l'eco delle giustificazioni di chi ritiene di non dover condannare. "In piazza oggi a como c'è chi sostiene l'immigrazione fuori controllo", ripete ad esempio Matteo Salvini, quello dei "quattro ragazzi che leggono un volantino".

Continua qui

Blitz e provocazioni, sfida tra neofascisti per l’egemonia a destra

 

Paura a Forlì, polizia anti sommossa al mercatino di Natale per il sit-in di Forza Nuova

 

Il fascismo è un pericolo per un italiano su due

 

 


venerdì 8 dicembre 2017

Gerusalemme capitale, scontri in Cisgiordania: un palestinese ucciso, oltre 200 feriti

Israele ha mobilitato centinaia di poliziotti. Ma non ha imposto restrizioni per l'accesso alla Spianata della Moschee. Musulmani in piazza contro Trump in molti Paesi dalla nostra inviata FRANCESCA CAFERRI

GERUSALEMME - Gerusalemme ha vissuto oggi una delle tante giornate tese della sua storia: migliaia di palestinesi si sono radunati sulla Spianata delle Moschee per pregare ma anche per protestare contro la decisione del presidente americano Donald Trump di spostare l'ambasciata americana dal Tel Aviv a Gerusalemme e di riconoscere la città santa come capitale dello Stato ebraico. Centinaia di uomini di polizia, a piedi e a cavallo, hanno controllato le strade già delle prime ore del mattino. La tensione era altissima, ma fortunatamente non ci sono stati incidenti gravi. Scontri si sono invece verificati a Betlemme, in varie località della Cisgiordania dove i feriti sono oltre 200. Sul confine Israele-Gaza è stato ucciso un palestinese.

Il Grande Imam di al-Azhar, Ahmad Muhammad al-Tayyeb (la più alta autorità dell'Ash'arismo in Egitto considerato da alcuni come una sorta di 'portavoce' del governo egiziano) ha intanto rifiutato di incontrare il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence (che si recherà in Israele e Egitto nella seconda metà di dicembre) in segno di protesta contro la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele.


UN PALESTINESE UCCISO DA SOLDATI ISRAELIANI A GAZA
Nella Striscia di Gaza, sul confine, un palestinese è stato ucciso dai soldati israeliani e 15 persone sono rimaste ferite. L'esercito israeliano ha detto che centinaia di palestinesi stanno facendo rotolare pneumatici in fiamme e lanciando pietre contro i soldati. "Durante i disordini - hanno dichiarato fonti dell'Esercito - i soldati dell'Idf hanno sparato 'selettivamente' contro due principali istigatori". Il ministero della sanità di Gaza ha confermato che uno è stato ucciso, il 30enne Mahmud al Masri. Mentre il secondo, inizialmente dato per morto, è stato portato in sala operatoria in gravissime condizioni.


Continua qui


Gerusalemme, il debito incendiario di Trump

Caos a Gerusalemme, in cambio di che cosa?

 

Gerusalemme contesa: perché è importante per ebrei, cristiani e musulmani (video)

 

Uccide i figli, la madre arrestata rifiuta le cure

La tragedia familiare nella Bassa tra le province di Mantova e Reggio Emilia

Antonella Barbieri, 39enne che ieri ha ucciso la figlia di due anni Kim e il fratellino di cinque Lorenzo Zeus, e poi ha tentato il suicidio, è stata sottoposta ad arresto nella tarda serata. Ricoverata nell'ospedale di Reggio Emilia e piantonata dai Carabinieri, la donna rifiuta le cure e non è stato possibile operarla Proseguono le indagini nel Reggiano seguite dai carabinieri nel nucleo operativo di Guastalla, in coordinamento con i colleghi dell'Arma mantovana.
La donna è accusata di duplice infanticidio e l'arresto è stato disposto dal Pm di Reggio Emilia Maria Rita Pantani, che si sta muovendo d'intesa con la Procura mantovana, coordinando le indagini dei militari. Secondo quanto ricostruito sin qui la madre, che soffriva di problemi psichici, nella tarda mattinata di ieri ha ucciso la figlia Kim, soffocandola con un cuscino e poi lasciandola coperta nel letto matrimoniale della casa di Suzzara dove viveva col marito Andrea Benatti, ex rugbista. E' stato l'uomo a ritrovarne il corpo, più tardi, insieme ai carabinieri. Poi, senza cellulare, ma portando con sè un coltello da cucina, è uscita in auto con il primogenito Lorenzo Zeus e ha raggiunto un argine del Po in una sperduta zona golenale, in località Fogarino, e nel primo pomeriggio c'è stato il secondo omicidio.

Continua qui

giovedì 7 dicembre 2017

Gerusalemme, Netanyahu: "Altri Paesi seguiranno Trump". Hamas lancia intifada. Scontri e poteste: più di 100 feriti

Autorità palestinesi proclamano lo sciopero generale. Preoccupazione internazionale per la decisione Usa

TEL AVIV - "Sono in contatto con molti Stati che hanno intenzione di spostare le loro sedi diplomatiche a Gerusalemme. Anche prima degli Stati Uniti". A dirlo è il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che dopo giorni, per la prima volta, ha commentato la decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme capitale d'Israele, spostando lì l'ambasciata Usa di Tel Aviv. Quali siano questi Paesi, non lo ha specificato. Ma mercoledì 6 dicembre, sia il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte sia la Repubblica Ceca, hanno espresso la volontà di riconoscere Gerusalemme ovest, capitale del Paese. Il premier israeliano ha continuato dicendo che Donald Trump con questa mossa "è entrato per sempre nella storia di Gerusalemme".

Continua qui 


Pyeongchang, Vonn a Cnn: "Invito da Trump dopo l'oro? Assolutamente no!

Avvelenamenti da tallio in Brianza, nell'albero genealogico il disegno criminale del 27enne arrestato


Nelle carte dell'inchiesta, l'albero genealogico e i legami di parentela nella famiglia di Mattia Del Zotto arrestato per triplice omicidio e cinque tentati omicidi  - LEGGI L'ARTICOLO

Il pedaggio per l’Aosta-Courmayeur aumenterà del 14%, l’ira di Viérin: “Stop a un ritocco indegno”

La Regione vuole fermare l’aumento previsto dalla Rav, oggi è in programma il Consiglio di amministrazione

Ddaniele Mammoliti
Aosta
Il 2018 porterà con sé vigorosi aumenti dei pedaggi autostradali che lo stesso presidente della Regione ha definito stamattina «indegni». Laurent Viérin ha annunciato oggi in Consiglio Valle che la Rav, la società che gestisce la tratta Aosta-Courmayeur della A5, ha intenzione di aumentare nel nuovo anno il pedaggio del 14 per cento: «Oggi - ha spiegato Viérin - è prevista la convocazione del consiglio di amministrazione della Rav. Facendoci interpreti come governo delle istanze emerse in quest’aula, abbiamo indirizzato ieri una nota ai rappresentanti regionali che siedono nel cda Rav per rappresentare la nostra contrarietà agli aumenti che si prospettano fissati sul 14 per cento.

Continua qui

Ultime ore tranquille, poi il MALTEMPO si risveglierà su molte regioni

Nei prossimi giorni l'atmosfera tenderà a risvegliarsi sulla nostra Penisola: arriveranno piogge, venti forti e neve a bassa quota prima al centro e poi anche al nord...

Ultime ore di alta pressione in Italia. L'immagine satellitare di questa mattina mostra la nostra Penisola sgombra da nuvolosità significativa, a parte nubi basse che agiscono tra la Liguria e l'alta Toscana.

Osservando però sulla sinistra dell'immagine, si notano diverse perturbazioni che nei prossimi giorni prenderanno di mira l'Europa centro-occidentale e l'Italia.
La prima sta già interessando la Francia e agirà sulla nostra Penisola nella giornata di domani (venerdì 8 dicembre).
La seconda è ancora in pieno Atlantico e si farà sentire in Italia tra lunedì 11 e martedì 12 dicembre, con la neve che potrebbe cadere anche in pianura al nord; al centro e parte del meridione arriveranno invece intense piogge.

Continua qui 

MALTEMPO: FOCUS sulla perturbazione di VENERDI 8 dicembre (le mappe)

WEEKEND: due stime sul calo della temperatura e sui valori che sarà possibile raggiungere al suolo

 

 

martedì 5 dicembre 2017

Sestri Levante: ucciso «per soldi» al secondo tentativo, arrestati la moglie e il nuovo compagno

Sestri Levante - Attirato in un vero e proprio agguato e ucciso a sangue freddo per una questione di soldi. La svolta per l’omicidio di Antonio Olivieri , l’imbianchino di Sestri Levante di 50 anni strangolato con tre fascette da elettricista due settimane fa nello scantinato del suo palazzo di viale Roma, è arrivata nelle ultime ore.

Nella notte squadra mobile ha arrestato la moglie Gesonita Barbosa, 35 anni, disoccupata di origini brasiliane e il suo nuovo compagno Paolo Ginocchio, 45 anni, ex barista, ora montatore di mobili a chiamata, residente a Cogorno nell’entroterra di Lavagna.
L’arresto è avvenuto su ordine di custodia cautelare chiesta dal pubblico ministero Piercarlo Di Gennaro. La donna è stata portata nel carcere di Pontedecimo, mentre l’uomo in quello di Marassi.

Continua qui

Tallio in una tisana nella casa degli intossicati

Due anziani ancora ricoverati, tre i morti nella stessa famiglia

Tracce di tallio in quantità superiore alla soglia minima di sicurezza sono state trovate in una tisana 'campionata' a casa di Alessio Palma e Maria Lina Pedon, coniugi ultraottantenni di Nova Milanese (Monza) ricoverati da metà novembre per avvelenamento da tallio. I due anziani sono gli ultimi due casi, in ordine di tempo, che si sono verificati all'interno della stessa famiglia, nella quale sono morte tre persone e cinque in totale sono finite in ospedale. La tisana "al tallio", contenuta in una terrina priva di marca e di indicazioni circa la provenienza, è stata 'campionata' dai tecnici dell'Agenzia Tutela Salute per la provincia di Monza e Brianza, nel corso dell'ultimo sopralluogo effettuato dai carabinieri. 

Continua qui

Centro di documentazione della Benedicta: la parola ai sindaci e alle Unioni montane


Oggi alle 18,30 seduta del Consiglio del Parco aperta agli amministratori locali: si decide se firmare o meno l'accordo con Provincia e Regione sugli ulteriori 750 mila euro e sulla gestione dell'”ecomostro”.

Sul futuro del centro di documentazione della Benedicta, a Capanne di Marcarolo (Bosio) le Aree protette dell’Appennino Piemontese (l’ex Parco Capanne) oggi ascolteranno i sindaci dei sette Comuni dell’area protetta. È infatti convocata a Bosio alle 18,30 la seduta del Consiglio dell’ente alla quale sono stati inviati gli amministratori di Bosio, Mornese, Lerma, Casaleggio, Voltaggio, Gavi e Tagliolo nonché i presidenti delle Unioni montane Val Lemme e Dal Tobbio al Colma e la Provincia. L’orientamento dei consiglieri del Parco, già espresso in due sedute, è quello di fermare i lavori di questo cantiere aperto nel 2011 sotto i ruderi della ex cascina, nel sacrario della Resistenza, finora costato 750 mila euro e fermo per carenza di fondi. Provincia e Regione ne hanno annunciati altrettanti ma per una destinazione che non piace al Parco, cioè una sorta di archivio di documenti sulla Benedicta e la Resistenza, collocato a 700 metri d’altitudine e quindi poco fruibile per la maggior parte dell’anno.

Continua qui

Addio a Giuseppe Ingrassia “clochard dagli occhi buoni”

Giuseppe Ingrassia se n’è andato in silenzio nei giorni scorsi a 60 anni, così come silenziosa e discreta è stata tutta la sua vita.

Tutti,  a Novi Ligure e a Serravalle, lo conoscevano. Immigrato siciliano, pur affetto da una lieve disabilità psichica, non si perse mai d’animo e si prestò per svolgere lavori saltuari dovunque lo chiamassero. Da giovane collaborò per anni come attacchino per diverse imprese di onoranze funebri.

La sua immagine rimane infatti legata, al ricordo degli “anta”, a un ragazzo trasandato che circolava per la città su una bicicletta nera, trasportando l’immancabile secchio di colla e il rotolo dei manifesti mortuari.

Continua qui

lunedì 4 dicembre 2017

Inchiesta: i lavori meno pagati 04 dicembre 2017 Dai camerieri ai fattorini, quei mestieri da schiavi da 4 euro l’ora


Torino - Li chiamano lavori “low cost”, però sono low cost solo per i datori di lavoro. Per migliaia di persone in tutt’Italia si tratta di mestieri faticosi e pagati male, malissimo. Una top ten di occupazioni da incubo, messa assieme da La Stampa-Il Secolo XIX incrociando ultimi studi ufficiali, dati sui minimi di settore, interviste con sindacati e lavoratori. Sono i «settori con retribuzione media annua più bassa» censiti a novembre dall’Inps. È la «paga minima oraria di settore in Italia», secondo le medie dei vari contratti del settore elaborate su dati Istat-Fls (per esempio, operaio manifatturiero 9,47 euro l’ora, lavoratore edile 8,55). Ne è uscita la fotografia di un mondo con poche regole e ancora meno tutele.

Non esiste un salario minimo stabilito per legge, solo la contrattazione collettiva. Che però spesso viene aggirata. E anche gli stessi contratti sono una giungla: con i braccianti agricoli la paga cambia da provincia a provincia. «Almeno il 12 % dei lavoratori sono sottopagati rispetto ai minimi orari di settore», sostiene Andrea Garnero, economista dell’Ocse. E questo stando solo nell’alveo dei contratti “regolari”. Agricoltura, ristorazione, alberghiero, attività sportive e culturali sono i settori più spremuti. Ma chi sono questi lavoratori a prezzi stracciati, nuovi schiavi del cosiddetto “turbocapitalismo”? Li trovi al ristorante come lavapiatti o in casa, come fattorini. Macinano chilometri in bici o sul furgone, spesso con contratti atipici, o con contratti regolari sulla carta ma di fatto svuotati nella pratica. Sbarcare il lunario è una impresa. Sia Marco, cameriere di catering, sia Enrico, fattorino in bici, valgono meno di 7 euro l’ora. E non c’è capacità o conoscenza che tenga. 

Continua qui

Call center “aggressivi”, il videoforum col Secolo XIX

Genova - Per contrastare il fenomeno del telemarketing aggressivo, le telefonate che ci giungono ogni giorno, continuamente, a ogni ora, per proporci offerte, sconti, servizi, nuove forniture, potrebbe arrivare presto una nuova legge con regole precise. ma attenzione, mancano poche settimane e il rush finale in parlamento sarà al cardiopalma per giungere all’approvazione.
Intanto però com’è possibile provare a difendersi con le regole attuali? 

 
Per dare risposta a tutte queste domande il Secolo XIX, che in passato si è occupato più volte di questa tematica, ha ospitato un videoforum. Sono state raccolte le domande dei lettori nei post della pagina Facebook del Secolo XIX. In studio, con il giornalista del secolo XIX Marco Menduni, il parlamentare Stefano Quaranta (Articolo Uno-MDP), Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori, Lorenzo Basso, deputato Pd e Rosanna Stifano di Assutenti.

Continua qui

Terremoto magnitudo 4.0 vicino Amatrice

Alle 00:34, ipocentro a 8 chilometri di profondità. Avvertito anche a Roma. Oltre 15 repliche nella notte

(ANSA) - ROMA, 4 DIC - Una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 è stata registrata a 00:34 vicino Amatrice, in provincia di Rieti, ed avvertita da Roma alle Marche.
    Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8 km di profondità; l'epicentro è stato a 3 km da Amatrice, 9 da Campotosto (L'Aquila), 15 da Cortino (Teramo), 16 da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) e 56 km da Terni.
    Al momento non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose. Il 24 agosto dello scorso anno la zona è stata colpita da un violento terremoto di magnitudo 6, che ha lasciato enormi danni e circa 300 morti.

Continua qui

domenica 3 dicembre 2017

Bandiera neonazisti in caserma Carabinieri Toscana, avviata indagine

Lo ha detto il procuratore militare parlando a Rai RadioUno

"Probabilmente non è stato commesso nessun reato militare, ma c'è un problema disciplinare e un grande problema culturale": lo ha detto al Giornale Radio Rai il procuratore militare Marco De Paolis, che ha già avviato un' indagine sulla vicenda della bandiera neonazista esposta in una stanza di una caserma di Firenze. "Al momento, sulla base delle informazioni che abbiamo ricevuto, non c'è nulla che faccia pensare alla violazione di una norma penale militare. Però ho dato disposizioni affinché si verifichi se invece vi siano gli estremi per configurare un qualche reato", ha detto De Paolis a RaiRadiouno. "La norma secondo la quale è reato esporre un vessillo che evochi il nazismo vale per i civili e non specificamente per i militari", spiega ancora De Paolis, per il quale dunque il militare di Firenze potrebbe essere indagato dalla procura ordinaria ma non da quella militare. "Penso che sia più un grande problema di natura disciplinare e culturale", dice il procuratore che aggiunge: "la questione è capire cosa significa un simbolo del genere, soprattutto per un militare, credo che ci sia da interrogarsi sulla formazione culturale dei giovani prima e dei militari poi".

Continua qui

Il Mercatone Uno di Serravalle riaperto fino al 24 ma solo nel weekend

Apertura straordinaria in vista del Natale con il richiamo del personale in cassa integrazione.


SERRAVALLE SCRIVIA (AL) – Anche il Mercatone Uno di Serravalle rientra tra i centri commerciali che riapriranno tutti i weekend di dicembre fino al 24. I commissari straordinari del marchio anche per salvaguardare il valore dei compendi aziendali, in vista della chiusura del bando per la presentazione di offerte vincolanti di acquisto, che si chiuderà il prossimo 14 dicembre, hanno deciso di riaprire 14 punti vendita.

Continua qui

sabato 2 dicembre 2017

La 3M rischia la chiusura, gli ex proprietari la ricomprano

Predosa (AL) - L’aveva fondata il nonno nel 1963. La porterà avanti lui, Giovanni, che lì aveva mosso i primi passi come tecnico e che, con la sorella Valentina, 30 anni lui, 32 lei, se l’è ricomprata (il papà Silvano aveva venduto nel 2008), salvandola dalla chiusura. È  un ritorno al passato nel segno della rinascita quello della 3M di Predosa, che a dire il vero da ieri ha recuperato non solo la proprietà delle origini ma pure il suo vecchio nome: Grafoplast, un nome ai vertici nel settore degli identificativi per impianti elettrici, civili e industriali.

«Molti dei dipendenti mi hanno visto nascere e crescere, poi sono diventati colleghi. Quando ho saputo ciò che stava succedendo (dopo la cessione, Giovanni è stato venditore dei prodotti 3M in Inghilterra) ci siamo fatti avanti» ha raccontato ieri Giovanni, nell’incontro convocato in prefettura ad Alessandria per celebrare quella che non è stata una semplice vertenza sindacale ma la storia a lieto fine di un’impresa in salute, di un paese - Predosa - che è riuscito a conservare 42 posti di lavoro (38 dipendenti sono stati assorbiti, altri 4 si sta cercando di ricollocarli) e di un sistema territoriale che ha saputo fare squadra mettendo a fuoco un traguardo comune. «Sembravamo piccola cosa di fronte alla multinazionale 3M che, dall’altra parte dell’oceano, il 29 giugno aveva annunciato la volontà di chiudere la sede di Predosa - ha spiegato il prefetto, Romilda Tafuri -. Invece, facendo gioco di squadra, abbiamo portato a casa un risultato emblematico. Non abbiamo ragionato su mobilità e questioni sindacali, si è provato a ribaltare il tavolo e la prospettiva. Ci siamo detti: se l’azienda non è in crisi, perché chiudere?».

Continua qui

Schianto a Saronno, muoiono tre ragazzi

Inversione di marcia fatale, auto contro camion

(ANSA) - SARONNO, 2 DIC - Tre giovani hanno perso la vita e altri due sono rimasti feriti in un incidente stradale verificatosi la notte scorsa a Saronno tra un auto, su cui viaggiavano quattro ragazzi, e un camion, condotto da un 25enne.
    Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Saronno, il conducente della Fiat punto, un giovane di 20 anni, forse per entrare in un'area di servizio dall'altra parte della strada, ha effettuato una improvvisa inversione di marcia senza accorgersi che sulla carreggiata opposta stava sopraggiungendo il camion.

Continua qui

Nadia Toffa delle Iene ricoverata in gravi condizioni

Nadia Toffa, inviata e conduttrice della trasmissione televisiva Le Iene, è ricoverata in gravi condizioni all'ospedale di Cattinara di Trieste, dopo aver avuto un malore.
Toffa, 39 anni, si trovava in un albergo del centro quando si è sentita male ed avrebbe perso conoscenza. Giunti i soccorsi, è stata portata in ambulanza ed è ricoverata nel Reparto di rianimazione.

L'inviata della trasmissione televisiva di Mediaset avrebbe avuto un malore intorno alle 14 nella sua camera d'albergo a Trieste, città dove è già stata più volte per servizi televisivi, ad esempio quelli sulla situazione dell'impianto siderurgico Ferriera di Servola. Toffa più volte ha avvicinato, o ha tentato di avvicinare, anche la presidente della Regione Fvg, Debora Serracchiani, con la quale c'è stata qualche schermaglia verbale.

Continua qui

Neve abbondante nel cuneese: non mancano i disagi

Come abbiamo illustrato in questo articolo, la perturbazione di origine artica giunta sull'Italia ha portato alla caduta della neve fino in pianura al Nord-Ovest, in particolare sul Piemonte, dove nella notte si sono verificate nevicate anche di forte intensità.



Un velo di neve, non più di cinque centimetri, ha imbiancato Torino. Nel capoluogo non si segnalano particolari disagi alla circolazione. Tuttavia le scuole restano chiuse, come già deciso in via precauzionale nella giornata di ieri. Le nevicate più abbondanti hanno riguardato il cuneese: caduti 15-20 centimetri in pianura, 35 a Cuneo, 80 a Crissolo, in valle Po. Qui vi sono inevitabili rallentamenti alla circolazione, ma i mezzi spazzaneve sono entrati in azione fin dalla notte. Nevica anche lungo l'intero tracciato dell'autostrada A6 Torino-Savona, ma la viabilità è regolare. Chiusi invece i valichi del Tenda e della Maddalena, tra Cuneo e la Francia.

Continua qui 

CONFERMATO l'affondo perturbato da Sant'Ambrogio in poi nel Mediterraneo con piogge e nevicate. Non improbabile l'arrivo di fiocchi sino in pianura al nord entro lunedì 11 dicembre.

La prof grillina che insegna a Torino e fa politica in Sicilia. La preside: «Non la vediamo mai»

Valentina Puglisi, «portavoce M5S» di Misterbianco a Catania, è stata eletta a giugno. Ma è anche maestra di Italiano a San Salvario. Risulta assente da settembre. L’Ufficio Scolastico Provinciale ha aperto un’indagine.

Valentina Puglisi, «Portavoce M5s di Misterbianco», è stata eletta nel giugno scorso. Da allora, sulla sua pagina Facebook annota ogni istante della carriera politica al comune in provincia di Catania. Foto e notizie per aggiornare i suoi follower, mentre non ce n’è alcuna della sua «seconda vita» a 1.500 chilometri di distanza. A Torino è una maestra di Italiano alla I A di corso Marconi dove, però, da settembre non l’hanno mai vista. Assenza giustificata per l’attività politica, sfruttando i permessi previsti dalla legge e «continuando — dicono dalla direzione — a percepire lo stipendio», che ha scatenato non solo le polemiche dei genitori degli alunni. Ma anche l’attenzione dell’Ufficio Scolastico Provinciale, che ha aperto un’indagine. 

La scorsa settimana sulla scrivania del direttore dell’Istituto Comprensivo Manzoni, quello dell’elementare, sono arrivate le prime due richieste di nullaosta dei trasferimenti. «Due famiglie hanno preferito portare i figli in altri istituti. Erano stanchi della cattedra vacante di Italiano», dice il preside Barbato Vetrano, 58 anni. In tanti anni di scuola non aveva mai fatto i conti con il problema del «docente fantasma». Insegnanti nominati di ruolo, ma che a scuola non si vedono mai. Il più delle volte risiedono in regioni lontane. E giustificano l’assenza con motivi di famiglia o certificati medici brevi rinnovati di settimana in settimana. In questo modo conservano il posto di lavoro, ma di fatto impediscono ai dirigenti di trovare per i bambini un supplente che garantisca la continuità didattica. È il copione dell’elementare Rayneri di San Salvario. Protagonista la «maestra Valentina». Siciliana, classe 1980, reggente della cattedra d’Italiano di classe prima costruita quest’anno. Professionista apprezzata. Anche perché «due anni fa aveva già fatto un anno di prova con noi con un servizio ineccepibile», dicono dalla scuola di San Salvario. Maestra con la passione per la politica.

Continua qui

venerdì 1 dicembre 2017

Dalla sentinella del Pianeta la mappa dell'inquinamento in Europa


Pianura Padana, Paesi Bassi, regione della Ruhr nella Germania occidentale, alcune zone della Spagna: sono le aree più inquinate d'Europa, come emerge dalle prime mappe in HD dell'inquinamento atmosferico inviate dalla sesta sentinella del Pianeta, il satellite Sentinel 5P, del programma Copernicus, nato dalla collaborazione fra Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Europea.

Continua qui